Notizia in evidenza 27 Ott 2014| 29 Commenti

metodo-scientifico Ed inoltre non ci sono votazioni, non conta la laurea che dia la patente di scienziato o il fatto di aver pubblicato un lavoro su una rivista scientifica, quello che conta sono dei dati con numeri e statistiche che vengano validati dall’intera comunità scientifica. A questo nucleo di ricercatori e presidenti di Società scientifiche o addirittura Federazioni di decine di Società scientifiche si oppongono solo dei singoli, ma che hanno anche più spazio degli scienziati più prestigiosi, rappresentativi, riconosciuti a livello internazionale e che pubblicano sui migliori giornali scientifici internazionali.

Non sfugge a nessuno che lo spazio concesso a queste pochissime firme (stiamo parlando di 3-4 persone, sempre le stesse da decenni) è del tutto strumentale agli interessi economici, politici e di potere che impediscono un dibattito rigoroso sul tema degli Ogm.

Leggi OGM: la scienza non è divisa uscito sul Il Sole24ore del 26 ottobre 2014.

Nella categoria: Evidenza, OGM & Media, OGM & Politica, OGM & Ricerca

Le HOT NEWS di Salmone

News, OGM & Politica

Che la Cina fosse il primo investitore in Biotech lo sapevamo da tempo. Che avesse fatto finta di chiudere agli Ogm di recente era palesemente un trucco retorico, ma ora ci viene detto che si fanno i sondaggi anche in Cina, che i cinesi sono uguali agli italiani: un terzo pro, un terzo contro ed un terzo che non sa di cosa si parla.
La differenza sta nella gestione delle informazioni. Da loro si fa ma non si dice, mentre da noi si lascia una finta democrazia per fare in modo che l’avversione non sia una avversione politica, ma che sia una avversione popolare: i due diversi modi di manipolare l’opinione pubblica. Solo che a noi non viene data voce per dire che vogliamo etichettare i derivati da Ogm, in quel caso decidono le alte sfere con un approccio al tema molto “cinese”.

http://media.mimesi.com/cacheServer/servlet/CropServer?date=20141031&idArticle=195846960&authCookie=2097207208

31 Ott 2014 | Commenta

News, OGM & Media

http://media.mimesi.com/cacheServer/servlet/CropServer?date=20141029&idArticle=195746181&authCookie=-2001553545

http://media.mimesi.com/cacheServer/servlet/CropServer?date=20141029&idArticle=195746182&authCookie=-2001553544

La comunità scientifica italiana continua a farsi sentire da anni, ma ora viene anche pubblicata. Bressanini da anche i numeri della presunta divisione. Per chi volesse filosofeggiare sul 3% ricordo che Coldiretti vuole vietare anche la sperimentazione in campo per fini di ricerca scientifica pubblica nonostante che gli italiani contrari agli Ogm (secondo i loro sondaggi, pagati da loro) siano 8 volte superiori al 3%.

News, OGM & Economia, OGM & Mondo

Ecco cosa si vende in alcuni mercatini a chilometri zero secondo le organizzazioni degli apicoltori locali

http://www.apiriminiemontefeltro.it/2014/10/22/pappa-reale-cinese-mercati-km-zero/

apicoltori-rimini

Pappa reale cinese nei mercati KM zero

Con il presente comunicato, l’Associazione porta a conoscenza di aver subito un atto intimidatorio grave,
costituito da una bottiglia incendiaria con un cartello con scritte intimidatorie e minacciose, rilasciata all’interno della azienda del presidente dell’Associazione.

Avendo effettuato con alcuni soci un attenta analisi, non sappiamo a chi imputare tale gesto intimidatorio se non ad un atto di denuncia effettuato per un illecito da noi segnalato e relativo alla vendita di “pappa reale Cinese”, all’interno dei mercati dei produttori denominati a km Zero che si svolgono all’SGR, al GROSS e all’Arboreto Cicchetti di Riccione.

Sul prodotto acquistato presso il mercato dell’SGR, si era anche provveduto ad effettuare analisi pollinica, e tale analisi ha dimostrato inequivocabilmente la provenienza Cinese del prodotto.

Sono quindi stati avvisati i responsabili dei punti vendita SGR e GROSS e le due organizzazioni agricole responsabili dei produttori, CIA e COLDIRETTI e si è inviata comunicazione e-mail al CFS.

Nonostante le prove fornite, la direzione SGR ha ritenuto non vi fosse la necessità di espellere il venditore, mentre GROSS ( all’interno del quale si svolge lo stesso mercato ) ha risposto che il venditore segnalato non sarebbe più stato ospitato.

La COLDIRETTI Rimini ( responsabile dei due venditori ) ha scelto la linea di difesa di questi soggetti, a scapito dei diritti dei consumatori a non essere truffati ed a scapito dei diritti degli stessi produttori onesti i quali avrebbero ssenz’altro meritato di essere tutelati da chi con queste azioni getta discredito su tutta la categoria.

Da parte nostra, ci apprestavamo ad archiviare il caso, ma in risposta all’atto intimidatorio l’Associazione ha provveduto ad effettuare denuncia ai Carabinieri in merito alle minacce ed effettuare denuncia formale al Corpo Forestale dello Stato per frode in commercio ( Art.515 del codice penale ).

Le intimidazioni di stampo pseudo-mafioso non fanno parte della nostra cultura e le respingiamo con forza e determinazione e riteniamo doveroso utilizzare la denuncia formale come una affermazione del diritto di convivenza civile.

Non possiamo esimerci dal giudicare incomprensibile e ingiustificabile il comportamento di SGR e sopratutto estremamente spregevole l’operato del responsabile di Coldiretti di Rimini. Questi signori dovrebbero spiegare cosa c’è di più grave e falso del vendere un prodotto di origine Cinese in un mercato dei produttori a KMzero!

Il tentativo di sminuire l’accaduto, la prevalenza dei rapporti di amicizia anziché il rispetto delle regole di comportamento civile, il voler far passare il tutto come un piccolo errore, è un fatto di estrema gravità . La frode in commercio è un reato penale, e il settore alimentare occupa un ruolo strategico anche per la criminalità organizzata e l’atto intimidatorio trova un terreno fertile in questi atteggiamenti dove amicizia, conoscenze e superficialità o peggio collusione, ostacolano il rispetto delle regole della civile convivenza.

L’Associazione Apicoltori Rimini e Montefeltro.

News, OGM & Ricerca

Michele Morgante illustra gli avanzamenti tecnologici in corso che possono portare a nuovi tipi di Ogm, sempre che i burocrati non cerchino di spiegarci cosa sia il DNA.

Leggi CRISPR: OGM di nuova generazione

News, OGM & Ambiente

banane-con-ragno Il terrore ha invaso una normale famiglia britannica che aveva acquistato banane al supermercato Waitrose.
http://www.dailymail.co.uk/news/article-2798570/family-s-terror-world-s-deadliest-spider-trapped-waitrose-home-delivery-gnaws-leg-esacpe.html
Ma lo sport di rischiare la vita con i prodotti biologici ha giocato un brutto scherzo:
This is the latest of several incidents of the species finding its way to Britain – which experts say could be down to the trend for organic fruits not treated with chemicals that could kill the spiders.

I coniugi hanno chiamato il supermercato che ha mandato a casa un esperto di disinfestazioni che ha ucciso le uova di ragno e catturato il killer fuggiasco. Vi siete mai posti la domanda se il vostro supermercato OGM-free ha un simile servizio?
Nonostante questo la coppia con due figli piccoli non ha dormito a casa.

Per le immagini relative al ragno velenoso: http://www.corriere.it/foto-gallery/animali/14_ottobre_20/ragno-velenoso-le-banane-comprate-supermarket-609a0432-582c-11e4-9d12-161d65536dad.shtml

20 Ott 2014 | Commenta