Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-settings.php on line 512 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-settings.php on line 527 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-settings.php on line 534 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-settings.php on line 570 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-includes/cache.php on line 103 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-includes/query.php on line 61 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-includes/theme.php on line 1109 Deprecated: Call-time pass-by-reference has been deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-content/plugins/newsletter/plugin.php on line 910 Deprecated: Call-time pass-by-reference has been deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-content/plugins/newsletter/plugin.php on line 910 OGM: Organismi Geneticamente Modificati

Notizia in evidenza 28 Gen 2014| Commenta

patrick-moore
Patrick Moore, uno dei fondatori di Greenpeace bolla la sua organizzazione come passibile di denuncia per crimini contro l’umanità. E vede l’uomo com e parte della natura e non come un oggetto esterno, estraneo e non naturale: qui la scelta è se essere Darwinisti o creazionisti.

Leggi l’intervista a Patrick Moore parte 1, parte 2 e parte 3.

Nella categoria: Evidenza, OGM & Ambiente

Le HOT NEWS di Salmone

News, OGM & Insicurezza alimentare, OGM & Mondo

Antociani antiossidati, salutari speriamo siano anche buoni: http://www.lastampa.it/2014/01/28/scienza/benessere/salute/pomodori-viola-logm-diventa-anticancro-7S2p0DqjNZJrIwxXAxrGcI/pagina.html

Sembrano forse strani a prima vista, ma ci dovremmo ricordare che le vere patate andine non-OGM sono appunto viola e si vendono da tempo nei supermercati.

28 Gen 2014 | Commenta

News, OGM & Politica, OGM & Ricerca

precision_farming_remote_sensing Anche il 2014 si apre con un documento firmato dalla stragrande maggioranza della comunità scientifica di questo Paese che insiste a chiedere di essere ascoltata da un potere politico che si fa influenzare da documenti sciatti e basati su allusioni, invece di documentarsi in maniera approfondita e professionistica. Ancora una volta le grandi organizzazioni scientifiche chiedono ai politici di documentarsi presso gli scienziati prima di fare scelte politiche di grande rilevanza per il futuro del Paese.
Trovate le premesse a questo nuovo documento qui: http://www.salmone.org/presidenti-dei-consigli-regionali-contro-og/

Leggi Conoscere per legiferare sugli OGM

News, OGM & Insicurezza alimentare, OGM & Salute

Articolo aggiornato dopo la pubblicazione iniziale il 28 Gennaio

Convegno alla Sapienza con Patrick Moore, gia’ presidente di Greenpeace International.

Leggi il documento del FISV sul Golden Rice.

Leggi anche l’articolo dell’Avvenire

News, OGM & Media

Aggiornato dopo la pubblicazione iniziale il 23/01/2014

Leggi anche Piero Angela su L’Unità parla del caso Stamina

Il caso Stamina potrebbe diventare uno spartiacque di un mondo dell’informazione dove finora nessuno ha mai pagato il conto di un’informazione faziosa ed irresponsabile secondo il principio che un’altra testata non commenta eventi descritti da una concorrente per non farle pubblicità. Vediamo se ora si muove questo muro di omertà.

http://www.lastampa.it/2014/01/19/italia/cronache/sul-caso-stamina-linformazionespettacolo-stata-irresponsabile-XyNDtwBpeTmiMlmRsVqSmO/pagina.html

News, OGM & Politica

Intervista ad Agostino Macrì che ha lavorato per 45 anni all’Istituto Superiore della Sanità. Macrì sottolinea la distanza tra credenze e documenti.

http://www.frodialimentari.it/index.php?option=com_content&view=article&id=8244:intervista-a-agostino-macri&catid=1314:in-evidenza&Itemid=15

News, OGM & Ambiente, OGM & Politica

serracchiani-ogm Una lettera precisa, concreta e calzata sulle criticità e problematiche del Friuli. Una contro-informazione gratuita su cui sarebbe bello che la Governatrice ragionasse con calma e senza cercare come al solito di inseguire la piazza.


Lettera Aperta a Debora Serracchiani, presidente, e a Sergio Bolzonello, assessore alle attività produttive, della Regione Friuli Venezia Giulia.

In questi giorni sono in discussione presso gli uffici della Regione Friuli Venezia Giulia le regole per la coesistenza tra colture geneticamente modificate, convenzionali e biologiche. L’obbiettivo politico dichiarato dall’Amministrazione Regionale è quello di impedire la coltivazione di mais geneticamente modificato per resistere alla piralide. Nonostante questo obbiettivo sia perfettamente centrato nel testo messo a punto dagli uffici regionali siete stati accusati dagli oppositori degli OGM di voler spalancare le porte alla coltivazione di OGM in Regione. A queste accuse avete risposto che “la Regione Friuli è la prima regione italiana sotto attacco degli OGM” e che le norme per la coesistenza sono l’unico strumento nelle mani della Regione per impedire la coltivazione di OGM.

Appare evidente che il no agli OGM sia la strada che ritenete vincente nell’attuale contesto politico. Tuttavia questa strada non è senza costi per i cittadini e le imprese che vivono e operano in Friuli. Infatti il mais con oltre 90.000 ettari coltivati è la principale coltivazione del Friuli e la piralide è un insetto in grado di causare gravi danni sia quantitativi sia qualitativi a questa coltivazione. La perdita di produzione è molto variabile di anno in anno, ma può essere stimata in non meno del 10% della produzione regionale ovvero in oltre 80.000 tonnellate per un valore di almeno 16 milioni di euro. Ad oggi le varietà geneticamente modificate per resistere alla piralide sono il mezzo di gran lunga più efficiente per il suo controllo e sono stati ritenute sicure per l’uomo e l’ambiente dall’EFSA e dalle più credibili istituzioni internazionali.

A questo va aggiunto il problema delle contaminazione di alcune micotossine, sostanze tossiche prodotte da muffe, che si sviluppano prevalentemente sulle parti di spiga attaccate dalla piralide. Tra le micotossine le fumonisine sono strettamente connesse al danno causato dalla piralide che è in grado di aumentarne il contenuto di oltre 100 volte e sono state classificate come possibili cancerogene per l’uomo dall’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) anche in base a studi epidemiologici svolti in Friuli sul cancro alla cavità orale, alla faringe e all’esofago. Le fumonisine sono tossiche anche per gli animali tanto che spesso l’industria mangimistica preferisce comprare mais estero a prezzo superiore perché meno contaminato da fumonisine. Complessivamente a livello nazionale si può affermare, in base a stime dell’Università Cattolica di Piacenza, che il danno derivante da intossicazioni croniche da fumonisne agli allevamenti zootecnici sia dello stesso ordine di grandezza del danno subito dai produttori di mais.

La piralide è uno dei maggiori fattori di rischio di contaminazione anche per le Aflatossine dopo caldo e siccità. Le Aflatossine, classificate come sicuramente cancerogene, sono più rare ma molto più tossiche delle fumonisine, ed hanno la caratteristica di passare nel latte e quindi nei formaggi. La loro presenza potrebbe aumentare nei prossimi anni data la tendenza al rialzo delle temperature ed un controllo efficiente della piralide potrebbe diventare una condizione indispensabile per poter produrre mais in Friuli.

Da un punto di vista ambientale andrebbe considerato che il mais resistente alla piralide non solo riduce la distribuzione di insetticidi non selettivi dell’ambiente, ma richiede meno acqua, energia, concimi e agrofarmaci per essere prodotto dal momento che a parità input otteniamo un 10 percento in più di produzione. Per ottenere lo stesso quantitativo di mais prodotto oggi in Friuli si potrebbero risparmiare 50 milioni di metri cubi d’acqua, 9.000 TEP in meno di energia , 45.000 kg di agrofarmaci e 8.000 tonnellate di concimi o, a parità di superfici investite, assorbire 260.000 tonnellate di CO2 dall’atmosfera in più.

Quindi da norme che permettano la coesistenza possono derivare tangibili vantaggi per gli agricoltori, oltre 30 milioni di Euro, per i consumatori, minor rischio di contaminazione di micotossine possibili o sicure cancerogene, e per l’ambiente, minori consumi di energia, concimi e agrofarmaci per unità di prodotto. Buone norme di Coesistenza permettono ai produttori di scegliere cosa produrre e ai consumatori cosa consumare.

La distanza tra queste considerazioni e l’immagine creata presso l’opinione pubblica in questi anni è considerevole grazie ad una sistematica azione denigratoria svolta da una certa parte dell’agroalimentare italiano che vede nella demonizzazione degli OGM una strategia commerciale per fidelizzare i consumatori e cavalcata da una certa parte della politica per fidelizzare gli elettori. Questa strategia poggia tra l’altro sull’ipocrita omissione del fatto che da oltre 15 anni quotidianamente gli OGM entrano pacificamente e incontrastati in Regione tramite camion, treni e navi di soia GM prodotta all’estero e senza la quale una parte importante dei rinomati prosciutti e formaggi friulani non potrebbe essere prodotta.

Credo sarebbe importante che la Regione compisse uno sforzo per ridurre la distanza tra la realtà produttiva e la sua immagine presso l’opinione pubblica perché i buoni governi guidano i cambiamenti, quelli cattivi utilizzano le paure degli elettori.

Mestre, 15/01/14.
Marco Aurelio Pasti
presidente Associazione Italiana Maiscoltori