Notizia in evidenza 11 Nov 2014| 4 Commenti

drei-kinder-91Col solito piglio dissacrante Oliviero Toscani spiega che sugli Ogm si deve poter ragionare e che il Bio è una roba da ricchi troppo abusata.
Un vero salmone, non c’è che dire.

Nella categoria: Evidenza, OGM & Argomenti contro

Le HOT NEWS di Salmone

News, OGM & Agricoltura italiana, OGM & Ambiente

In media, l’adozione della tecnologia GM ha ridotto l’uso di pesticidi chimici del 37%, aumentato i raccolti del 22%, e un aumento dei profitti degli agricoltori del 68%; aumenti di rendimento e riduzioni di pesticidi sono maggiori per le colture resistenti agli insetti che per le colture resistenti agli erbicidi. Rendimento e profitti sono più alti nei paesi in via di sviluppo che nei paesi sviluppati. L’analisi evidenzia i benefici delle colture geneticamente modificate. L’articolo può essere scaricato da: http://dx.plos.org/10.1371/journal.pone.0111629
Guarda le figure che seguono

f11
f21
f31
f41
f51

News, OGM & Europa

Di denuncia, di controinformazione, di dati e documenti scientifici che dimostrano quanto le tesi di tanto tempo fa continuino ad essere valide, logiche, dimostrate.

Buon Compleanno Marcel

Si cette lettre ne s’affiche pas correctement, lisez la sur
http://www.marcel-kuntz-ogm.fr/categorie-11224871.html
**********************************************************************
LETTRE d’INFORMATIONS sur les PLANTES GENETIQUEMENT MODIFIEES
N° Spécial « 10ème ANNIVERSAIRE »
**********************************************************************

LettreInfoPGM a été créée en 2004 avec le soutien du Directeur de l’UFR de
Biologie de l’Université Joseph Fourier (Grenoble 1) et des Directeurs des 4
laboratoires grenoblois impliqués dans des recherches sur les plantes.
Avec l’aide d’un comité de lecture, SANS SUBVENTION spécifique, LettreInfoPGM
est devenue LA PLUS GRANDE BANQUE DE DONNEES SUR L’ACTUALITE DES OGM.

Pour rejoindre gratuitement les plus de 2000 abonnés :
https://listes.ujf-grenoble.fr/sympa/info/lettreinfopgm
Les archives depuis 2004 :
https://listes.ujf-grenoble.fr/sympa/arc/lettreinfopgm
Les archives à partir de 2009 :
http://www.marcel-kuntz-ogm.fr/pages/LettreInfoPGM_NewsLetter_gratuite-2205469.html

Cette lettre spéciale « anniversaire » publie ci-dessous quelques extraits des
lettres de 2004.

La lettre n°1 (7 septembre 2004) rendait compte de la DESTRUCTION D’ESSAIS AU
CHAMP ET DES VIOLENCES qui les ont accompagnées. Aujourd’hui il n’y a plus
d’essais au champ. A ces destructions ont succédé des intrusions dans les
laboratoires (voir Lettre n° 228
http://www.marcel-kuntz-ogm.fr/article-lettre-n-228-28-octobre-2014-124886574.html)

La Lettre n°5 (4 novembre 2004) citait la première étude sur les BENEFICES
ECONOMIQUES de la culture de PGM en Espagne (le plus grand cultivateur de PGM
en Europe).

Les lettres n° 7 (10 novembre 2004) et n°10 (6 décembre 2004) rendaient compte
de l’avis de sociétés scientifiques en faveur de la SECURITE SANITAIRE des
aliments dérivés de PGM. LettreInfoPGM a continué à suivre ce dossier sans
relâche, et ainsi la lettre n°228 cite la dernière étude en date, qui arrive à
la même conclusion.

La Lettre n° 7 rendait compte d’un problème environnemental possible : la
DISSEMINATION d’une herbe GM tolérant un herbicide.

La Lettre n° 8 (16 novembre 2004) mentionnait la première étude montrant des
BENEFICES EN TERMES DE SANTE DES AGRICULTEURS lorsqu’ils utilisent des
variétés Bt au lieu d’insecticides.

Dès le 24 novembre 2004, LettreInfoPGM (n°9) annonçait la mise au point par
Syngenta d’une nouvelle version du RIZ DORE, à teneur augmentée en pro-
vitamine A. La publication fut mise en ligne par Nature Biotechnology le 27
mars 2005 :
http://www.nature.com/nbt/journal/v23/n4/full/nbt1082.html

EXTRAITS
*********************
N° 1. 7 septembre 2004
*********************
——————————————————————————–
DESTRUCTIONS d’ESSAIS de PLANTES GENETIQUEMENT MODIFIEES :
ESACALADE dans la CONFRONTATION
——————————————————————————-
L’essai au champ mis en place par la Société Biogemma sur la commune de Marsat
(63200), après autorisation par décision du 19 mai 2003, a été détruit samedi
14 août 2004. Cette action illégale a été menée par certains élus (Verts en
l’occurrence) et a impliqué des violences sur les chercheurs et agriculteurs
qui tentaient de défendre le site.
Cet essai concernait la validation fonctionnelle de la glutamine synthétase
dans le cadre de projets Génoplante ZmS1P7 et ZmS3P1
(http://www.genoplante.com/). Sur la même parcelle, se trouvaient également
quelques dizaines de plantes en multiplication, exprimant la PEPC de sorgho.
Toutes les plantes transgéniques étaient castrées (coupure manuelle des
panicules mâles), ne produisaient donc pas de pollen et n’étaient par
conséquent pas susceptibles d’entraîner une « contamination » d’autres
cultures.

——————————————————————————————-
GUYANE FRANÇAISE : DESTRUCTION de CAFEIERS GENETIQUEMENT MODIFIES
——————————————————————————————-
Les caféiers génétiquement modifiés de l’essai d’un organisme de recherche
public, le Cirad, ont été coupés pendant le week-end des 28 et 29 août 2004 en
Guyane française par des personnes non identifiées. Cet essai avait pour
objectif d’étudier la résistance du café génétiquement modifié à la mineuse
des feuilles, un parasite qui fait de plus en plus de dégâts, mais aussi les
éventuels impacts sur l’environnement, comme la diffusion de pollen sur de
longues distances, ou l’impact sur les abeilles et sur leur miel.
La Guyane avait été choisie pour mener cette expérience en raison de l’absence
de cultures de caféiers environnantes. Cette action a ruiné 6 années de
recherches.

********************
N° 5. 4 novembre 2004
********************
———————————————————————————–
CULTURE OGM en ESPAGNE : ETUDE d’IMPACT ECONOMIQUE
———————————————————————————–
Cette étude a été publiée dans Annals of Applied Biology (2004) 145 : 197-207
après « peer reviewing ». Du maïs Bt résistant à la pyrale a été utilisé par
des agriculteurs espagnols depuis 1998 sur environ 25 000 ha (superficies
limitées par la disponibilité des semences fournies par Syngenta). Ces
agriculteurs ont gagné 47 euros/hectare de plus (1,2 million d’euros/an pour
l’ensemble).
http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/j.1744-7348.2004.tb00376.x/abstract

*********************
N° 7. 10 novembre 2004
*********************
—————————————————————————————————————–
RAPPORTS d’ACADEMIES sur les OGM : L’Allemagne
—————————————————————————————————————–
La Commission « Biotechnologie verte » de l’Union des Académies des Sciences
et des Sciences Humaines d’Allemagne publie un rapport de 4 pages intitulé : «
Y a t-il des risques pour le consommateur de plantes génétiquement modifiées ?
» et qui conclut que la consommation d’aliments dérivés de plantes
génétiquement modifiées autorisées dans l’UE et aux USA ne comporte pas plus
de risques que celle d’aliments dérivés de plantes conventionnelles (ou issus
de cultures biologiques). Au contraire, dans certains cas des avantages
existent en termes de santé pour les PGM.
http://www.akademienunion.de/_files/memorandum_gentechnik/GMGeneFood.pdf

—————————————————————————
HANDICAP POUR L’AUTORISATION D’UNE HERBE GM ?
—————————————————————————
Des chercheurs américains de l’Office de la Protection de l’Environnement
américain ont conduit une étude sur la dispersion de transgènes via le pollen
d’Agrostide, une herbe utilisée sur les greens de golf et les pelouses (NB.
les variétés génétiquement modifiées ne sont pas encore commercialisées).
Les auteurs rapportent des cas fréquents de pollinisation dans un rayon de 2
km, et à des taux plus faibles jusqu’à 21 km.
http://www.pnas.org/content/101/40/14533.full.pdf+html

*********************
N° 8. 16 novembre 2004
*********************
—————————————————————–
LA SANTE DES AGRICULTEURS ET LE COTON Bt
—————————————————————-
Un article dans International Journal of Occupational and Environmental Health
(2004, 10 :296-303) indique que l’adoption du coton génétiquement modifiée Bt
(résistant à certains insectes ravageurs) réduit les risques d’intoxication
par les pesticides chez les agriculteurs en Chine.
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15473084

*********************
N° 9. 24 novembre 2004
*********************
————————————
LE RIZ DORE EN HAUSSE
————————————
La société Syngenta annonce le développement d’une nouvelle lignée de « Golden
Rice » a teneur augmentée en pro-vitamine A (beta-carotène) dans la graine, et
son don au Comité Humanitaire du Riz Doré pour combattre la déficience en
vitamine A dans certains pays pauvres.

***********************
N° 10. 6 décembre 2004
***********************
————————————————————————————
SCIENTIFIQUES ITALIENS : LES OGM CORRECTEMENT EVALUES
————————————————————————————
18 Sociétés/Associations scientifiques italiennes (dont l’Accademia Nazionalle
delle Scienze) publient un Document de Consensus qui fait le point sur le
thème « sécurité alimentaire et OGM » (les aspects environnementaux ne sont
pas abordés).
www.isaaa.org/kc/Publications/pdfs/documents/consensus_GB.pdf

***********************************************************************
Si vous souhaitez contribuer à LettreInfoPGM, contactez
redactionpgm(a)ujf-grenoble.fr (Remplacez (a) par @)

Pour vous abonner gratuitement :
https://listes.ujf-grenoble.fr/sympa/subscribe/lettreinfopgm

OGM, la question politique

OGM, la question politique
Mon nouveau livre aux Presses Universitaires de Grenoble PRESENTATION Les…
Afficher sur www.marcel-kunt…

13 Nov 2014 | Commenta

News, OGM & Coesistenza

di Alberto Guidorzi

Dalla Francia spesso ricevo dei documenti che mi inviano gli amici che hanno lavorato con me.
L’ultimo che mi è arrivato e che ho trovato interessante è un libro di Gerard Bonner , professore di sociologia all’università di Parigi-Diderot. Il titolo è: Il pianeta degli uomini, ritrovare il rischio”
Egli prende di petto la retorica dell’intimidazione e quelli che in nome del principio di precauzione, rischiano di portare l’umanità alla sua distruzione, quando invece le conquiste tecnologiche potrebbero evitarlo. Per lui è urgente contrastare questo rischio.
Chiamare la nuova ideologia ecologista una religione forse è un po’ forte, ma, dobbiamo anche ammettere che ne ha quasi tutte le caratteristiche e, come la Bibbia è un racconto completo, infatti esso descrive la colpa morale e chi ne è il responsabile unico, cioè l’uomo, o meglio l’uomo occidentale nel suo rappresentare: l’industria, l’azione tecnologica sull’ambiente, il tentativo di comprensione scientifica; in poche parole la metodica del nostro mondo. Ha pure la pretesa di predire gli avvenimenti e li descrive apocalittici. Una visione apocalittica che permea tutto, porta alla disperazione ed in ultima analisi è pericolosissima.
Chi sono i responsabili della diffusione di questa ideologia ? Sono in realtà, e purtroppo sono una legione, ma chi ha veramente formalizzato la teoria dell’intimidazione è il filosofo tedesco Hans Jonas. Pur non essendo molto conosciuto egli è uno dei pensatori che soto sotto influenza di più , anzi è il padre del principio di precauzione. Il suo argomentare è semplice e non banale. A causa dello sfoggio tecnologico, le nostre azioni hanno delle conseguenze imprevedibili, sia a medio termine che a lungo termine e che ci possono condurre all’apocalisse. Egli ne ricava, dunque, usando tutta l’immaginazione del peggio, che occorre proibire già ora di poter produrre un futuro che potrebbe essere catastrofico. Detta così la cosa sembra anche convincente ed, infatti, queste idee hanno permeato molti politici e molti contemporanei. Tuttavia non ci si può nascondere il fatto che ragionamenti del genere fanno nascere e prosperare l’idea che occorre interrompere comunque la crescita tecnologica.
Perché definire questo modo di pensare reazionario ? Non si da nessun giudizio morale, se ne giudicano le conseguenze. La nostra immaginazione ha sufficienti risorse per predire il peggio, la cosa diventa difficile quando si deve giudicare il meglio. La nostra attenzione è sempre focalizzata sui costi della nostra azione e mai sui costi della nostra inazione. Quando si propone di interrompere lo sviluppo delle varie branche della tecnologia in realtà è come se si tagliasse alla base un albero e di conseguenza tutte le sue diramazioni; la stessa cosa avviene se interrompiamo la divisione delle conoscenze. Il progresso dell’umanità avanza di pari passo con la divisione del lavoro e delle conoscenze. Tutto ciò che caratterizza il nostro tempo: autoproduzione, decentralizzazione, la vita in comunità, sottintende l’idea di un individuo polivalente vale a dire fare meno lavoro nell’ambito della vostra specializzazione ed occuparvi di tanto altro. I partigiani della retorica dell’intimidazione non vogliono la specializzazione vogliono un mondo che non si dispieghi oltre, anzi lo vogliono che si richiuda. Se ci si riflette bene questa è una visione di società diversa, però, non si è obbligati ad essere d’accordo con loro, si può pensare diversamente.
Dunque siamo arrivati quasi a detestare l’uomo ? Nel momento in cui si sospetta che la più piccola delle nostre azioni sull’ambiente possa avere delle conseguenze catastrofiche, inevitabilmente ci si mette a detestare ciò che caratterizza l’uomo. Vale a dire la possibilità di esplorare intellettualmente un certo numero di mondi possibili, servendosi, ad esempio della tecnologia. Si arriva a negare il fondamento del pensiero umano, cioè quello che ci distingue dagli animali, anche da quelli considerati più vicini a noi tra le scimmie antropomorfe, come i “bonobo”. Questo modo di auto detestarsi è tale che per definirlo si può usare, senza esagerare, il termine di “antropofobia”.Ma loro dicono che con i nostri comportamenti noi lasciamo ai nostri successori un pianeta devastato. In questa retorica dell’intimidazione in realtà è insito come patrimonio questo argomento. Nessuno nega che noi abbiamo attinto in modo massiccio da un certo numero di risorse finite, come ad esempio il petrolio. Ma con il petrolio, siamo anche tutti partiti per le vacanze! Tuttavia noi lasciamo ai nostri nipoti anche un mondo con un dispiegamento tecnologico molto importante e che ha permesso di fare cose insperate nel passato, come una speranza di vita molto più prolungata. Inoltre questi progressi potrebbero addirittura sparire se noi impediamo di far fronte ad un certo numero di rischi che possono divenire veramente catastrofici. Si cita l’esempio di un meteorite che potrebbe colpire la terra, rischio che non si può escludere essendosi verificato molte volte durante la storia dell’umanità. Vi è sicuramente una risposta tecnologica a questo pericolo, seppure non sia ancora alla nostra portata. Interrompere lo sviluppo della ricerca è privare i nostri nipoti della possibilità di salvare la loro vita. “Affogare” il presente equivale a non dare speranza al futuro. Il preconizzare la “precauzione” da parte di Jonas, innalzandola a mezzo per salvaguardare la specie umana, non è consequenziale sul piano morale in quanto è un comportamento cieco verso le conseguenze dell’inazione.
Nel libro, a mo’ di esempio, si cita l’esempio del disinfettante varecchina o meglio ipoclorito di sodio. Infatti malgrado i grandi servizi che essa ha reso, su questo disinfettante man mano è caduta la sfiducia in quanto ritenuta cancerogena a certi gradi di concentrazione. Come risultato abbiamo avuto che negli ospedali non è stata più usata. E’ impossibile valutare pienamente le conseguenze di questa decisione irragionevole, tuttavia si può supporre che un certo numero di malattie nosocomiali avrebbero potuto essere evitate se si fosse continuato ad usarla. Un esempio lampante lo abbiamo durante il terremoto ad Haiti nel 2010, dove si sono dovuti enumerare 5000 morti di colera. Ora vi era una semplicissima soluzione per evitare l’ecatombe: trattare le acque con l’iopoclorito di sodio alle dovute concentrazioni. Solo che si sono alternati dei comportamenti precauzionali tali da mettere in pratica la disinfezione solo dopo aver avuto miglia di vittime ed un articolo su Scince che ha tirato l’allarme in modo da indurre a decisioni più sensate. Dopo aver disinfettato le acque l’epidemia si è arrestata. Ecco un buon esempio di cosa può costare l’inazione.
Come fare a esorcizzare il rischio? Io non sono un mago! Ma noi dobbiamo assolutamente vedere positivo e accettare di prendere dei rischi. Qualsiasi sa il nostro comportamento, l’umanità va verso la fine e questa sarà più ravvicinata se essa non continua a sviluppare le sue attività tecnologiche. L’argomento dirimente è che il vivere comporta il prendere dei rischi. E’ ormai tempo che questa idea venga accettata e che venga condivisa. Le decisioni politiche ormai contaminate da chi propugna la precauzione ci proteggono a breve, ma ci lasciano indifesi a lungo termine. Infattii, l’aver abolito l’obbligo della vaccinazione obbligatoria contro l’epatite B è stato catastrofico, si deve prendere in conto che questa decisione politica creerà delle centinaia di morti nel futuro. E’ un tipico caso in cui il prevenire non è detto che sia meglio del guarire.
Occorre lottare contro gli adepti della decrescita? Certamente anche perché sono numerosi. Il tutto si basa sul paradosso di Easterlin, un autore che nel 1973 ha dimostrato che la soddisfazione dei cittadini, laddove la ricchezza aumenta molto, si stabilizza. La felicità viene stimata in rapporto a ciò che si vede nell’ambiente a noi vicino.. Un modo di sentirsi a proprio agio economicamente è quello di frequentare persone che sono a proprio agio o delle persone che hanno avuto meno successo di noi. E’ abbastanza cinico, ma è vero. Al contrario, questo paradosso non permette di stabilire che se si fa calare il PIB la gente sarà felice allo stesso grado di prima. Infatti, se voi constatate un miglioramento tangibile delle vostre condizioni, dopo sei mesi l’avete già assorbito come normale e quindi non sarà più oggetto di vostra soddisfazione. Per conto se il vostro stipendio si abbassa, voi potrete ridurre i consumi, limitare i divertimenti, ma non vi adatterete alla vostra situazione, rimarrete durevolmente meno soddisfatti e meno felici. I partigiani della decrescita mascherano il loro totalitarismo come una specie “tenerezza” democratica. Essi ci vogliono far credere che tutto va bene senza che loro siano ricorsi alla tirannia. Il che è falso.
La conclusione è che occorre difendere l’umano attraverso l’individuo terreno. Si tratta di una dimostrazione attraverso l’assurdo. L’apocalisse non è una possibilità, essa è una certezza in quanto l’attività solare distruggerà tutte le forme di vita sulla terra, forse tra un miliardo d’anni, ma anche prima. Se dunque noi vogliamo fare tutto ciò che è nelle nostre possibilità occorrerà andare a vedere cosa vi è altrove. Il balzo tecnologico che occorrerà fare è per ora inimmaginabile, ma la sola scelta dell’umanità di perdurare alla sparizione del pianeta è l’esodo. Se ci si mette a prospettare la fine della storia così, allora occorrerà riconoscere che noi siamo più degli esseri umani che degli esseri solo terreni. Noi dobbiamo continuare ad avere fiducia nella nostra specie, in quanto noi non siamo non importa chi.

News, OGM & Mondo

cicala-e-formica All’articolo di una settimana fa di Don Ciotti, Olmi e Petrini, hanno risposto sabato Corbellini e Defez. Lo spazio che il Direttore de La Stampa ha concesso a questa lettera è molto inusuale ed assomiglia ad
un avviso del giornale che dice che non ci sono più posizioni di rendita su questi temi e che i pregiudizi e le narrazioni non possono essere gli unici attori della partita del cibo.

Leggi articolo di Ciotti, Olmi, Petrini e la risposta di Corbellini e Defez.