EFSA: il mais Bt e’ sicuro per l’uomo e per l’ambiente.

Giugno 30th, 2009
Post2PDF Versione PDF | No Comments

BRUXELLES (Reuters) - L’Agenzia europea per la sicurezza alimentare ha aperto oggi la strada al rinnovo dell’autorizzazione Ue per il mais geneticamente modificato della Monsanto, l’unica coltura biotech oggi ammessa in Europa a scopi commerciali.
Gli scienziati dell’Efsa di Parma hanno detto che il mais MON 810, resistente agli insetti, è “sicura come la varietà convenzionale riguardo ai potenziali effetti sulla salute umana e animale”.
L’Efsa afferma anche che è improbabile che il mais in questione abbia “un eventuale effetto sull’ambiente nel contesto degli usi a cui è destinato”.
Il parere dell’agenzia è significativo, dato che fornisce la base per l’avvio del processo di rinnovo dell’autorizzazione decennale per la coltivazione del mais ogm, vietato in sei Paesi Ue per timori relativi all’ambiente e alla salute.

Nella categoria: News, OGM & Mais

Gelato OGM: falsita’ ed ignoranza delle classi dirigenti

Giugno 23rd, 2009
Post2PDF Versione PDF | 1 Comment

I media si nutrono di pastoni incontrollati di notizie e gli OGM sono terreno su cui chiunque puo’ aprire bocca spingendosi molto oltre il ridicolo. Da giorni si vocifera del gelato OGM che stiamo per mangiare ed all’unisono attaccano lancia il resta Libero (qui) ed Italia dei valori (qui).Cerchiamo di mettere qualche dato nel ragionamento, anche se studiare in questo Paese e’  secondo molti tempo sprecato.
1) La Unilever non ha nessuna intenzione di vendere un gelato con una proteina anticongelante in Italia, e nemmeno in Europa o nei due continenti a noi piu’ vicini;
2) la proteina in questione non e’ una proteina modificata ma solo prodotta in un organismo diverso da quello di origine del gene che codifica per quella proteina;
3) l’intento e’ quello di fare un gelato light, ossia con meno grassi, non di contrabbandare un OGM;
4) la procedura di usare un enzima ottenuto in un organismo diverso da quello di origine del gene e’ una procedura che sta alla base dell’intera nostra alimentazione tanto e’ che bevande, prodotti da
forno, derivati del latte e formaggi sono in gran parte ottenuti usando quelle che la stampa definisce prodotti OGM.

Per chi vollesse avere una vaga idea di quanti enzimi “OGM” entrano quotidianamente nella nostra dieta (ed immagino anche nei nostri detersivi) puo’ consultare da pagina 98 in poi del documento di Brookes, Craddock e Bardel (Leggi qui)

Nella categoria: News, OGM & Media

Tutti i trucchi dei prodotti senza OGM

Giugno 17th, 2009
Post2PDF Versione PDF | No Comments

La nomenclatura dell’olio di oliva (italiano, vergine, extra-vergine, etc.) ha fatto scuola e tutte le filiere OGM-free si dimostrano essere delle esclusive convenzioni tra privati con una validita’ giuridica molto opinabile. La grande distribuzione organizzata puo’ cosi’ continuare a vendere i loro prodotti usano menzioni agli OGM che non hanno nulla a che vedere con le norme giuridiche.

Scarica (qui) l’articolo

Nella categoria: News, OGM & Media

Grazie agli “oscurantisti bucolici” la Pianura Padana viene invasa da pesticidi

Giugno 17th, 2009
Post2PDF Versione PDF | No Comments

Futuragra: Maiscoltura Friuli in ginocchio per la piralide
Roma, 16 giu (Velino) - “La maiscoltura del Friuli è in ginocchio”. A denunciarlo è Futuragra, associazione culturale composta da imprenditori agricoli appartenenti trasversalmente alle diverse organizzazioni sindacali di categoria e che si batte per la libera scelta degli imprenditori agricoli e per l’introduzione delle biotecnologie in Italia. Secondo Futuragra “la campagna 2009 si annuncia con uno dei più forti attacchi di piralide di prima generazione. Il parassita, all’origine della formazione delle temute fumonisine, tossine pericolose per la salute dell’uomo e degli animali, si è presentato con ampio anticipo rispetto allo scorso anno e con particolare virulenza compromettendo le piantagioni di mais. “Futuragra stima, sulla base delle segnalazioni degli agricoltori, che nelle province di Pordenone e di Udine oltre il 90 per cento delle colture maidicole è stata già colpita dalla piralide - afferma Silvano Dalla Libera, vicepresidente di Futuragra -. Abbiamo segnalato il problema agli enti preposti. Speriamo in una risposta rapida che ci aiuti a risolvere la situazione”.

“Il silenzio della politica, che si rifiuta di dare ascolto alla scienza che si è espressa con chiarezza sugli Ogm, è diventato ormai insostenibile - prosegue Dalla Libera -. Siamo governati da quelli che definirei ‘oscurantisti bucolici’ che continuano a rifiutare sulla base di preconcetti privi di fondamento scientifico l’innovazione offerta dalle biotecnologie e di cui si stanno invece avvantaggiando milioni di agricoltori in tutto il mondo”. La presenza della piralide sta imponendo ai maiscoltori di anticipare i trattamenti contro il parassita per salvare i raccolti e nella speranza che i tenori di fumonisine nel prodotto finito rimangano nei limiti di legge. Secondo Dalla Libera “oltre ai costi di 100 euro a ettaro per ogni trattamento, l’uso di questi prodotti chimici e’ un danno enorme per l’ambiente e la salute degli agricoltori. L’impiego di sementi Ogm ammesse alla coltivazione dall’Unione europea risolverebbe alla radice il problema. Invece - conclude Dalla Libera - di questo passo saranno le aziende a chiudere con buona pace dell’ambientalismo e della disinformazione organizzata. I maiscoltori non staranno al gioco e Futuragra è pronta a portare avanti anche azioni dimostrative clamorose”.

Nella categoria: News, OGM & Mais

Diabrotica: i nodi vengono al pettine

Giugno 15th, 2009
Post2PDF Versione PDF | No Comments

L’avevamo scritto ad ottobre scorso e puntualmente e’ arrivata. Leggi (qui) e (qui).

Non si tratta di annate sfortunate o di eventi imprevisti, ma di una deliberata scelta di mettere in crisi l’agricoltura italiana. Scarica l’articolo (qui) dal quotidiano La Provincia del 15.06.2009

Nella categoria: News, OGM & Mais, OGM & Ricerca

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…