La giustizia fai da te delle squadracce eco-terroristiche

Marzo 31st, 2014
Post2PDF Versione PDF | 22 Comments

fascisti1 Chi ha soffiato per anni sul fuoco ed ha ispirato decreti legge palesemente illegali non può non vedere a cosa abbiano portato tante parole ed allusioni dettate solo da interessi economici o elettoralistici. Questa volta sono andati a pochi metri da un bambino di un anno e mezzo con dei fumogeni, la prossima volta potremmo dover registrare episodi da cronaca nera. Lo Stato deve spiegarci se si devono rispettare le leggi vigenti o se le leggi ce le facciamo a nostro piacere, uso e consumo secondo chi ha modo di arruolare un manipolo di di squadristi di tristissime memorie.

http://www.globalproject.info/it/in_movimento/organismi-genuinamente-mobilitati-a-vivaro-fidenato-dalla-libera-la-natura-vi-si-ribella-contro/16826

Leggi sugli attacchi gli articoli de il Corriere della Sera e del Messaggero Veneto. Leggete anche la denuncia di Silvano Dalla Libera

Guarda i Video

Nella categoria: News, OGM & Agricoltura italiana, OGM & Politica

Le Garanzie COOP

Marzo 31st, 2014
Post2PDF Versione PDF | 8 Comments

Piero Rostagno ci segnala un interessante intervento di Claudio Mazzini che da almeno 15 anni si occupa di OGM per COOP. Indimenticabile un suo intervento del 1999 in cui spiegava che attraverso il no agli OGM la grande distribuzione poteva anche combattere l’emergere dei Discount.

In questo testo oltre a tante cose note emergono alcune novità. Tra queste il fatto che solo ALCUNI salumi a marchio COOP derivano da suini nutriti senza OGM, ossia altri invece mangiano OGM e sono a marchio COOP: se questa deduzione logica fosse vera, potremmo sapere quali salumi sono da animali nutriti con OGM?

Altrettanto dicasi per i prodotti a marchio COOP dove si spiega che bovini, avicoli e suini (evidentemente solo in parte?) sono prodotti senza alimentarli con OGM. Ma da tale lista sembrerebbero esclusi (dimenticati?) gli ovini ed il pesce di allevamento: se ci fosse confermato che il capretto pasquale di COOP (o la spigola/branzino di allevamento) fossero stati nutriti con OGM forse guarderemmo con più leggerezza alle altre argomentazioni addotte nel resto del testo.

Leggi le garanzie Coop

Nella categoria: News, OGM & Argomenti contro, OGM & Economia

L’indomito Cappellini sul futuro del Polesine

Marzo 27th, 2014
Post2PDF Versione PDF | 3 Comments

Il polesine non è proprio quello che il governatore Zaia crede
Di Vincenzo Cappellini

Il 24 Marzo u.s. il Governatore Luca Zaia ha partecipato ad un “Forum” lodevolmente organizzato dal Gazzettino di Rovigo per discutere dei problemi del nostro Polesine.
Il contenuto dell’incontro è stato poi riportato sul giornale del giorno dopo con il seguente titolo che bene racchiude il pensiero del nostro Presidente Regionale. “Zaia: Lo sviluppo verrà dall’agricoltura e non dall’industria. Basta colture estensive, oggi la crescita è nell’orticolo e nel biologico”. Come polesano che ha impegnato le sue attività precipuamente per lo sviluppo della propria terra , sia nel settore industriale che agricolo, è difficile lasciare senza commenti simili assurdità. Per replicare, unico problema che mi si pone è lo spazio, purtroppo sempre limitato per chi sente il dovere di affrontare sulla stampa argomenti di tale spessore ed osservo:

1) Come in tutte le altre provincie venete che si rispettino, il futuro del Polesine è e non potrà che essere nell’industria . E’ ora che si finisca di considerare Rovigo la provincia negletta della quale, guarda caso, ci si ricorda solo quando si tratta di allocare una mega centrale elettrica, in ogni caso inquinante, od un gassificatore sul mare antistante, come di recente avvenuto. Il Polesine ha già una sua industria e se lo sviluppo della stessa non è purtroppo stato pari a quello delle altre province del Veneto, la motivazione è da ritrovarsi non nell’incapacità dei suoi abitanti, ma nel fatto che, nei primi due decenni del dopoguerra, è mancata soprattutto la sicurezza idraulica dai grandi fiumi che lo racchiudono. Non occorre io ricordi l’alluvione del Po del ’51 e per la quale gli aiuti dello Stato non sono stati certo di generosità pari a quelli che vengono oggi solitamente elargiti. Per tale sciagura il Polesine ha perso 100.000 abitanti : dai 350.000 ca è sceso a 250.000 ca e non si è più ripreso.

Rammento anche, con amarezza, il senso di disprezzo con cui venivano apostrofati “gli alluvionati”, emigrati nelle province Lombardo – Piemontesi. Eppure era tutta brava e buona gente; solo sfortunata, quello sì. Deve sapere il Governatore che il Polesine, nel primo dopoguerra, è stata l’area che, in assoluto, ha dato più di tutti alla Nazione ed al Veneto in particolare. E mi basta citare come esempio il Polo Industriale di Marghera. Ebbene, il merito di questo miracolo economico è stato, dal lato energetico, un onere ed un prezzo pagato soprattutto dal nostro Polesine. Infatti, nel ’45 ed anni immediatamente seguenti, per far funzionare le nuove aree industriali occorrevano, come ovvio, le indispensabili risorse energetiche, ma l’Italia non aveva sufficienti disponibilità economiche per acquistare petrolio all’estero. Cosa è allora avvenuto? Si è ricorsi specialmente al metano del Polesine, per cui la “valuta pregiata” per gli acquisti energetici li ha forniti nel vero il Polesine, pagando il durissimo prezzo dell’abbassamento del suo territorio (anche 2/3 metri), il noto bradisismo positivo, e compromettendo di conseguenza pure l’agricoltura con l’impossibilità di effettuare l’irrigazione, con perdita dei specifici fondi a ciò destinati dal Ministero dell’Agricoltura dell’epoca e la possibilità di derivazione delle acque sia dall’Adige che dal Po, ampiamente utilizzate invece dalle opposte province rivierasche, e con le quali è stato poi indispensabile aprire, a parziale rimedio, una non facile contestazione.
Se al Polesine, considerato quello che ha dato al Veneto, venisse oggi riconosciuto anche un minimo di attenzione per completare il suo non ancora ultimato sviluppo, non gli verrebbe regalato nulla, ma corrisposto solo un parziale indennizzo.

2) Passando al primario, tenuto conto delle dimensioni delle sue aziende agricole, il Polesine è e rimane vocato per le colture estensive, quali il grano, la soia il mais e sarebbe assurdo non utilizzare questo indirizzo soprattutto dopo gli ultimi due decenni nei quali, per causa dei prezzi del mercato globalizzato, si è, tra l’altro, dovuto abbandonare di fatto la barbabietola.
Comunque le colture estensive permettono di assicurare agli italiani carne, latte, formaggi, prosciutti, salumi ecc. Unico guaio, ma gravissimo, onerosissimo ed imperdonabile è quello che viene impedita la coltivazione degli O.G.M. Questi prodotti li possiamo tranquillamente utilizzare e mangiare importandoli dall’estero. Una situazione paradossale la nostra di cui è responsabile in Italia l’Associazione dei Coltivatori Diretti che, proprio nel Governatore Zaia, ha trovato un caparbio e assoluto sostenitore. La ragione per cui il Dott. Zaia abbia assunto questa posizione , che è di certo ideologica per non dire politica, nessuno è mai riuscito a capirla, anche perché non è mai stato in grado di spiegarla neppure lui, come si è potuto evincere dai suoi interventi sulla stampa ed alla televisione.

Passando all’”orticolo ed al biologico”, a parte quest’ultimo per il quale, in coerenza alla mia dichiarata posizione libertaria lascio che gli altri lo coltivino come desiderano e non intendo interferire, il Dott. Zaia deve sapere che la quantità di terreno che può essere investita ad ortaggi non la determina l’agricoltore o coltivatore, ma la “domanda” del mercato; esclusivamente questa !! Siamo d’accordo che un ettaro di ortaggi oggi rende molto di più di una coltura estensiva, ma non è per questo che gli agricoltori possano seminare quanti ortaggi vogliono, perché così riuscirebbero ad avere ricavi superiori. Anzi, devono esser attentissimi. Se il mercato, in ipotesi, “domanda” 100 ettari di insalata di Lusia o di Radicchio Rosso, anche il seminare solo qualche ettaro in più abbasserebbe le quotazioni di vendita, addirittura a livelli sottocosto e quindi del tutto antieconomici.

Potrei aggiungere molte altre considerazioni, ma come al solito lo spazio mi è tiranno. Comunque, con l’On. Zaia, sono sempre a disposizione per integrare ed approfondire questi argomenti, sia in un incontro personale che in sede di confronto televisivo. Scelga lui come, dove e quando.

Nella categoria: News, OGM & Politica

Congresso mondiale a Roma sulla libertà di ricerca

Marzo 27th, 2014
Post2PDF Versione PDF | No Comments

http://www.associazionelucacoscioni.it/landing/terzo-congresso-mondiale-la-libert-di-ricerca

Particolarmente interessante la giornata del prossimo sabato 5 Aprile:
Sabato 5 aprile, Campidoglio di Roma
Sala della Protomoteca
Sessione della mattina (9h15 - 13h30)
PROMUOVERE LA FONDATEZZA SCIENTIFICA
DEL PROCESSO DECISIONALE IN POLITICA
Saluti istituzionali:
– Ignazio MARINO, Sindaco di Roma
“Percezione del rischio, evidenze scientifiche contrastate e processo decisionale”
Presiede: Elena CATTANEO, scienziata, Senatrice a vita
– Catherine RHODES, University of Manchester
– Gilberto CORBELLINI, Università La Sapienza
– Claire DUNLOP, University of Exeter
– Claudio RADAELLI, Université de Bordeaux - Exeter
Relazioni tematiche sul rapporto tra scienza e politica
Presiede: Piergiorgio STRATA
Askold IVANTCHIK, Direttore di ricerca, Centro Nazionale della Ricerca Scientifica (Francia) –“Le riforme dell’Accademia delle Scienze e delle Università in Russia: le sfide politiche e scientifiche”
– Klaus AMMANN (su Organismi geneticamente modificati)
– Jim MURRAY (su sperimentazione animale)
– Andrea GRIGNOLIO “l’influenza di alcune idee relativiste sugli atteggiamenti antiscientifici”
Proposte per colmare il divario tra scienza e politica
Presiede: Gilberto CORBELLINI
interverranno tra gli altri:
– rappresentante della ROYAL SOCIETY: presentazione del programma di affiancamento parlamentari / scienziati *
– Armando MASSARENTI: presentazione della proposta il Senato della scienza *
– Fulco LANCHESTER, Direttore del Dipartimento di Scienze Politiche, Università di Roma “La Sapienza”

Nella categoria: News, OGM & Politica, OGM & Ricerca

Nuova legge anti-OGM in Friuli

Marzo 26th, 2014
Post2PDF Versione PDF | 4 Comments

Aggiornato il 28/3/2014 dopo la pubblicazione iniziale

Può una regione sotto procedura d’infrazione legiferare sulla stessa materia facendo entrare in vigore una moratoria prima che questa sia approvata da chi ha messo la stessa regione sotto procedura d’infrazione? E poi se ci fossero danni economici li pagano i soliti contribuenti o chi ha emanato il divieto? Forse una battuta di Luca Simonetti sarebbe utile.

Leggi gli srticoli del Messaggero Veneto su Fidenato e sulla legge anti OGM.

Leggi anche Il Sole24ore, Il Gazzettino, il comunicato stampa di Futuragra e l’Espresso

Nella categoria: News, OGM & Aspetti legali

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…