A scrutinio segreto

03 Feb 2012
Post2PDF Versione PDF

Democrazia diretta, facciamo votare chi rischia con le proprie aziende, senza la museruola delle organizzazioni sindacali di categoria che hanno un palese conflitto d’interessi.

Leggi giorno.pdf

1 commento al post: “A scrutinio segreto”

  1. franco nulliNo Gravatar scrive:

    Carissimo Italo Ceruti

    Forse ci siamo anche conosciuti; sono socio da sempre di Confagri MI-LO-MB. Ti chiedo scusa se non mi ricordo di te…
    Bello il tuo articolo “sfogo” sul IL GIORNO. Concordo pienamente con quanto dici.
    Faccio un appunto a tutti noi, persone e Agricoltori di buon senso.
    E’ vero che se facessimo un sondaggio trasversale, previa informazione tecnica/economica capillare, avremmo il consenso di larga maggioranza degli Agricoltori sull’argomento OGM.
    La nostra grande colpa è che di trasversale non possiamo fare nulla fino a quando noi di Confagri consideriamo i Coldiretti i “cugini” reprobi (per larga parte a causa della loro dirigenza che oggi somiglia più a Slow Food che ad un’organizzzione sindacale Agricola) o gli amici di CIA come i “comunisti” dell’agricolttura!
    Siamo tutti ottusi, Noi e Loro! Non siamo capaci di vedere una linea comune per il progresso dell’Impresa Agricola, ci scanniamo per le cose più stupide, ci facciamo continuamente sgambetti e sgarbi per poter dire… Sono più bravo io, lo ho detto prima io!
    Non sono ragionamenti a vanvera quelli che faccio. Per molti anni sono stato dirigente in Confagri Milano (allora era solo Milano) e questo clima lo ho purtroppo vissuto e non me ne faccio un vanto. Non mi risulta che nulla sia cambiato e se mai le posizioni fra i divers Sindacati si sono ulteriormente allontanate.
    Allora dovremmo noi Agricoltori con testa sulle spalle farci promotori di iniziative extrasindacali a favore del nostro futuro. Che siano cene conviviali con amici che praticano la stessa professione, organizzazione di associazioni alternative, anche solo chiacchierate con il nostro vicino Agricoltore che ha i nostri stessi problemi, dubbi, speranze, ma che per abitudine, consuetudine, anche pigrizia, ascolta solo la sua Confagri, Coldiretti, CIA.
    Il mondo reale è altra cosa che il nostro Sindacato di riferimento. Non cerchiamo l’evouzione e il futuro nei Sindacati.
    Purtroppo, e lo dico con tristezza, sono vecchi e si stanno riducendo a fornitori, purtroppo indispensabili, di servizi al soldo della troppa burocrazia dilagante…
    Buon lavoro per la prossima stagione delle semine!

    Franco Nulli

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Salute

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…