Alfonso Pascale riassume il percorso della vicenda OGM

05 Feb 2014
Post2PDF Versione PDF

Ogni tanto serve leggere un riassunto di quanto e’ successo negli anni sulla vicenda OGM e dei vari attori che si sono succeduti ed hanno fatto affermazioni spesso solo a scopo di fare un titolo di giornale per un solo giorno.

Francesco PD ci segnala questo intervento di Alfonso Pascale (nulla a che vedere col nostro Antonio) che ricapitola vari passaggi e cerca di incoraggiare tutti ad un approccio più’ pragmatico.

Introduzione alle problematiche degli OGM nella cultura italiana

3 commenti al post: “Alfonso Pascale riassume il percorso della vicenda OGM”

  1. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    Ho letto quanto dice Alfonso Pascale, che condivido in toto, ma mi pare che sia tutta la vecchia Europa che ha perso la testa. L’Italia è a rimorchio di questi due paesi ma non si è ancora accorta che la Francia è comunque esportatrice di prodotti alimentari fatti con sue materie prime, La Germania in questi ultimi anni ha superato la Francia nelle esportazioni agroalimentari, mentre noi aumentiamo le nostre importazioni di anno in anno e facciamo credere alla gente che il nostro tipico sia fatto con le nostre produzioni. Fandonia più grossa di una casa, latte non ne produciamo abbastanza, maiali neppure, granoturco siamo divenuti importatori del 20%, grano duro non se ne parla, le nostre varietà da pommarola sono scomparse. Il grana parmigiano reggiano non lo facciamo con solo 3000 vacche di razza modenese o reggiana. Quanta carne di vacca chianina abbiamo a disposizione?. Senza genetica vegetale e animale, e noi siamo a zero, non si fa nulla di tipico ma produciamo solo “patacche chiamate tipiche.

  2. VitangeloNo Gravatar scrive:

    Mi ha fatto piacere leggere qualcosa di agricoltura scritta da un competente oltre che caro amico che ci è stato sempre vicino in tutte le battaglie di progresso in agricoltura. Grazie, Alfonso!

  3. Alfonso PascaleNo Gravatar scrive:

    E io condivido pienamente le lucide considerazioni di Alberto Guidorzi. La bandiera della tipicità ce la stanno rubando perché altrove hanno la genetica e noi l’abbiamo affossata.
    Un abbraccio affettuoso al caro Vitangelo.

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Ambiente, OGM & Argomenti contro, OGM & Aspetti legali

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…