Ancora sui salmoni OGM

17 Nov 2010
Post2PDF Versione PDF

Riceviamo via Facebook su Salmone Sagri un richiesta di chiarimenti rispetto ad un video anti-salmoni geneticamente modificati.

Eleonora Serrati - 14 novembre 2010
Oggetto: gm salmon
Buongiorno. A proposito di salmoni, vorrei segnalare questo video sulle frontiere più avanzate degli OGM e possibilmente conoscere il vostro pensiero in materia, visto che già sono in sperimentazione specie animali transgeniche.

Guardate questo video da Youtube:
http://www.youtube.com/v/UD7hQBH4yKw

Il nostro commento:

Il meccanismo della disinformazione in rete è basato sulla certezza che nessuno controlli le fonti e si faccia una opinione autonoma: la cosa è tanto stancante ed abbiamo talmente tante cose da fare che ognuno di noi (io incluso) ci accontentiamo di verificare superficialmente che chi ci informa sia serio, documentato ed autorevole. Niente di meglio che mostrare che le proprie idee derivano da un articolo scientifico. Meglio ancora se detto articolo è pubblicato su una prestigiosa rivista internazionale, ma il top si raggiunge se questa è addirittura la rivista dell’Accademia delle Scienze (PNAS ) che come quei salmoni è a stelle e strisce.

Il problema nasce quando qualcuno come salmone (il nome del dominio fa riferimento all’andare contro corrente ed anche al pacifismo rispetto ai feroci predatori che affollano le rive dei torrenti, non al salmone ingegnerizzato!) mostra i dati.

Nell’allegato medaka gm trovate l’articolo scientifico che viene citato ed esibito nel video di youtube. Se ne mostrano ben due pagine nel video. Sembra questo articolo di gran lunga la principale fonte di preoccupazione ed allarme.

Due piccole notazioni. Nel video ci si dimentica di dire che l’articolo di PNAS è stato pubblicato nel 1999 e non nel 2010, ma sopratutto non si dice che non è un esperimento fatto in natura, ma in un acquario su pesci che nulla hanno a che vedere con i salmoni e pesano 3-4 grammi. Insomma la fonte scientifica non ha nulla a che vedere con i salmoni GM.

Infine una risposta al terrorismo psicologico dei profeti di sventura. Non ho la minima idea se i salmoni GM siano buoni e sicuri da mangiare, non ho alcun dato tecnico, ma dico che se passa il vaglio della FDA e dell’EFSA io mi fido.

Faccio però una previsione: se sfuggisse un salmone dalle vasche morirà nel giro di pochi giorni perché avendo il gene della crescita sempre attivo deve mangiare in continuazione quando le prede sono abbondanti e quando mancano. Solo in una vasca di allevamento potra’ trovare queste condizioni. Ma non solo. Ve lo immaginate un simile bestione fare salti e risalire i torrenti? Se un mega-salmone avesse avuto dei vantaggi evolutivi l’evoluzione darwiniana ci avrebbe pensato da millenni, l’uomo può fare cose più grosse e più mangiabili, ma non sta cercando di di fare OGM meglio adattati all’ambiente e di sicuro questo bestione dalle gambe molli non riesce a infondermi nessuna paura.

2 commenti al post: “Ancora sui salmoni OGM”

  1. alberto guidorziNo Gravatar scrive:

    Come mai che se affermo che: “per fare dell’aritmetica e capirla occorre possedere la logica della numerazione” nessuno mi contesta l’affermazione, mentre se si dice che uno che non possiede ben chiari i concetti basilari espressi nell’ultimo paragrafo della risposta data sopra, spesso nel disquisire di ritrovati genetici incorre nel pericolo di fare affermazioni insensate, non è accettato?

    Eppure le due affermazioni hanno esattamente la stessa valenza.

    Però a Capanna si permette di dire, senza sbuguardarlo, che il Prof. Veronesi sarà anche un bravo oncologo, ma di genetica non ne sa molto, mentre lui parla di selezione mediante MAS senza conoscere il gravosissimo lavoro preparatorio che un genetista deve fare per: -individuare i marcatori dei geni, - poi di valutarne la loro distribuzione sulle popolazioni da selezionare - infine, se questa distribuzione è insufficiente. bisogna provvedere ad una loro distribuzione confacente agli scopi.

  2. francoNo Gravatar scrive:

    Infatti, pensate alla moderne mucche con le mammelle enormi, molto ‘modificate’ geneticamente rispetto alle antenate selvatiche, come potrebbero fuggire dai predatori!

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Ricerca

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…