Come abbiamo smesso di essere un paese agricolo

21 Ott 2011
Post2PDF Versione PDF
di Antonio Pascale

Fantastico intervento a TEDx di Antonio Pascale su innovazione in agricoltura ed OGM.

6 commenti al post: “Come abbiamo smesso di essere un paese agricolo”

  1. AndreaNo Gravatar scrive:

    non sapevo di questo evento!! :( avrei partecipato davvero volentieri!!

  2. franco nulliNo Gravatar scrive:

    Perché non ci hai detto di questo evento!
    Mi avresti trovato in prima linea ad applaudirti fino a spellarmi le mani…
    Tutti i miei complimenti per questo splendido intervento.
    Ti chiederò di poterlo utilizzare in qualche occasione pubblica.

    Franco Nulli

  3. antonioNo Gravatar scrive:

    ciao Franco, grazie, usalo quando vuoi, mi fa piacere

  4. FrabugNo Gravatar scrive:

    Apprezzo le ted da anni. Apprezzo Pascale da anni. Combinazione perfetta! PS: i posti sono andati a ruba. Dovremmo organizzare un TED-x in ogni città d’Italia (seriamente).

  5. aldo basagliaNo Gravatar scrive:

    Bello lo show;lo diffonderò il più possibile in tutta la selva di vegan-bio-dinamic che mi circonda;compito improbo, sostenere le lezioni quotidiane di petrini (e quant’era buono questo e quell’altro…io - mamma bresciana che viene dai campi - gli farei assaggiare il vino “fatto dal contadino” poi mi dirà..transeat sulle bistecche restringibili che mi sono mangiato io quarantaquattrenne o le farinosissime mele,morgenduft credo) e applicare le leggi della prestigiacomo (40% di derrate bio nelle mense degli enti pubblici senza incrementi del buono mensa ovviamente! e km0 possibilmente..). Nel trionfo della trasversalità più bieca: alemanno-pecoraro, pastore-contrabbandiere etc.

  6. sergio gilioliNo Gravatar scrive:

    ho apprezzato la relazione di Antonio Pascale. come apprezzo e mi confronto volentieri con la diversità dei punti di vista. tuttavia rimangono interrogativi importanti che andrebbero posti in un libero contradditorio. e quindi permangono dubbi che vanno chiariti con pazienza scientifica/democratica, meglio che con uno show a soliloquio. comunque Antonio Pascale è un efficace comunicatore che tocca le corde profonde di chi è nato contadino nel dopoguerra ed ha assistito in 15 anni alla rivoluzione industriale nella forma della meccanizzazione agricola e dell’utilizzo chimico, alla rivoluzione postindustriale, e oggi alla rivoluzione tecnologico informatica.

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: Antonio Pascale

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…