Bio-pesticidi

02 Dic 2014
Post2PDF Versione PDF

Ora addirittura Le Iene si accorgono della truffa. Siamo in attesa del risveglio di chi queste cose le dovrebbe conoscere e sanzionare da anni.

http://www.veronasera.it/cronaca/verona-mercatini-km-zero-solo-parole-iene-verona-svelano-lavoro-azienda-agricola-28-novembre-2014.html

7 commenti al post: “Bio-pesticidi”

  1. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    Signori miei qui siamo di fronte a dei “gonzi”, che sono appunto i consumatori bio. Loro non si rendono conto che offrendo il fianco a pagare dei surplus di prezzo esorbitanti per delle non differenze, anzi spesso differenze in negativo, e quindi non si possono lamentare se si instaura la filosofia del “piatto ricco mi ci ficco”. Sono dei gonzi e quindi giusto svegliarli dando loro delle fregature.

    La coldiretti queste cose le sapeva quando ha promosso l’iniziativa e quindi è complice e forse anche correo.

  2. MauroNo Gravatar scrive:

    C’è qualcosa di cui sorprendersi? Io direi (purtroppo) di no. Imbroglio previsto o almeno prevedibile.

  3. VitangeloNo Gravatar scrive:

    Quando un Nazione deve aver bisogno delle Iene per scoprire ciò che sanno tutti i ben informati e che la politica e tutti coloro che le girano intorno per incassare provvidenze nazionali ed europee non vogliono ammettere vuol dire che siamo “alla frutta” (ovviamente avvelenata non dagli agrofarmaci ma dalla demagogia e dalla pessima politica agraria). Inutile aggiungere che mentre scrivo queste cose in televisione c’è qualcuno he inneggia al biologico e al KM 0 istigando alla truffa, magari in buona fede! Ma solo perché c’è chi fa le cose con onestà e fa fatica a far quadrare i bilanci.

  4. FrancescoPDNo Gravatar scrive:

    …non perdetevi la puntata di domenica 14 di Report sulle certifiazioni bio, ci sarà da ridere..

  5. PieroNo Gravatar scrive:

    qualcuno può commentare?
    http://www.efsa.europa.eu/it/press/news/141211b.htm

  6. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    Piero

    Il problema dei residui è diventato di dominio pubblico creando paure inconsulte solo quando il problema residui è rientrato belle norma per quanto riguarda la preservazione della salute. 97% nei limiti di sicurezza e 54% esenti sono un risultato che dovrebbe mostrare la professionalità degli agricoltori.

    Andava molto peggio negli anni 50/60 con insetticidi persistentissimi e distribuiti a dosi incontrollate, senza dimenticare l’igiene di allora. Ebbene la cretineria dei mass media ha fatto si di invertire le cose.

  7. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    Piero

    Per ribadirti l’incongruenza delle paure inconsulte che oggi abbiamo senti questa:

    La speranza di vita media è passata da 65,3 anni del 1990 ai 71,5 anni del 2013. E’ un’analisi statistica che incorpora i dati forniti da 188 paesi del pianeta. La speranza di vita per gli uomini è progredita di 5,8 anni tra il 1990 ed il 2013, mentre per le donne è progredita di 6,6 anni.

    Se si vuole analizzare più in profondità lo studio ecco la fonte:

    http://www.huffingtonpost.fr/2014/12/18/esperance-de-vie-a-augmente-de-six-ans-depuis-1990_n_6345736.html?utm_hp_ref=tw

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Aspetti legali

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…