Biogas e mais

07 Feb 2012
Post2PDF Versione PDF

L’Europa sta partendo sparata sul biometano e non si può negare che, visti i prezzi che spunteranno chi porterà agli impianti il mais, la cosa sia redditizia anche se è un dispiacere pensare di convertire cibo in energia. Sull’altra sponda dell’Atlantico si stanno preparando alla penuria di mais a cui siamo indirizzati e stanno per essere piantati un quantitativo record (dal 1944) di acri di mais. Chissà se qualcuno ci farà i conti tra sovvenzioni per il biogas e bilancia dei pagamenti in rosso per le importazioni di mangimi.

Leggi gli articoli Agroenergie su Agrisole e coltivazioni mais in USA sul Sole 24 Ore

3 commenti al post: “Biogas e mais”

  1. alberto guidorziNo Gravatar scrive:

    Difficile prevederlo che si andasse a finire così, vero?

  2. roberto defezNo Gravatar scrive:

    noi non faremo mais ma solo frumento.

    Da Rinascita Agraria di Cremona:

    ISTAT: INTENZIONI DI SEMINA PRINCIPALI COLTURE ERBACEE
    L’ISTAT ha pubblicato le intenzioni di semina dichiarate dagli agricoltori, relative all’annata agraria 2011- 2012. Si rileva un significativo aumento delle superfici destinate alla coltivazione di frumento tenero (+18,6%) e duro (+11,3%) e una diminuzione di quelle a mais da granella (-3,1%). Nelle dichiarazioni risultano in aumento le superfici destinate alla coltivazione di cereali minori, quali orzo (+19,2%) e avena (+13,1%), mentre il sorgo registra una diminuzione (-19,7%). Relativamente ai semi oleosi le intenzioni di semina indicano una diminuzione complessiva delle superfici investite a girasole (-5%), soia (-16,4%) e colza (-29,9%). Per quello che riguarda le ortive, si registra una lieve diminuzione delle superfici investite a pomodoro (-0,7%) e una più marcata riduzione di
    quelle a legumi freschi (-9,4%) e ad altre ortive (- 3,7%). Per quanto riguarda le leguminose da granella, a fronte di una riduzione delle superfici destinate ai piselli (-7,6%), le intenzioni dichiarate indicano un aumento di quelle destinate ai fagioli e alle fave (+21,7%). In lieve flessione la superficie investita a foraggere temporanee (-3,8%) e sostanzialmente stabile quella investita a patate (+0,6%). In aumento del 5,5% risultano le superfici dichiarate a riposo. http://www.istat.it/it/archivio/52890

  3. franco nulliNo Gravatar scrive:

    Qualcuno dice a quanto ammontano le dichiarazioni di semina per i Crochi da Zafferano in alta collina?

    Franco

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Mais

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…