Biologico, autarchia e chilometri zero (ma solo per le importazioni di prodotti dall’Africa

19 Giu 2008
Post2PDF Versione PDF

Se fosse vera la strategia dei KM 0, i trentini non coltiverebbero quasi più le mele, i pugliesi l’uva da tavola ed i siciliani melanzane e pommodori precoci. I coltivatori di biologico non esportebbe in tutta Europa, così come Parmigiano reggiano o prosciutto di parma, Brunello di Montalcino e chianti.

Pochi considerano che mangiare una mela altoatesina in estate è uguale a mangiare una ciliegia a natale. Quelle mele hanno passato un anno nei capannoni frigoriferi con costi in termini di anidrite carbinica spaventosamente superiori a quelli che costerebbero importare le mele dall’Argentina

Scarica l’articolo (qui) di Anna Meldolesi sul Riformista del 19.06.08

 

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: OGM & Media

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…