Bressanini

25 Nov 2009
Post2PDF Versione PDF
di Antonio Pascale

Uno scrittore italiano, Goffredo Parise, tra i tanti lasciti, ci ha regalato questa dichiarazione di intenti: “credo fermamente nella democrazia in Italia, ci credo con la ragione e con il cuore. Credo nel grado di maturazione civile degli italiani e nel discorso pubblico e condiviso. Credo nella pedagogia. Perché non può esistere la democrazia senza pedagogia e la pedagogia senza democrazia”. Ora, la pedagogia, si sa, è una disciplina che incute sospetti. Insegnare a vivere può sembrare un gesto di arroganza e poi chi crede più nell’autorevolezza di una classe intellettuale. Se la parola, pedagogia, ci va stretta e magari ci vengono in mente delle chiose di correzioni, potremmo far rimare pedagogia con metodologia. Importante allora è mostrare con quale metodo e attraverso quale discorso pubblico, condiviso e chiaro si arriva a una conclusione- ben sapendo che questa potrà subire felici apporti e nuove integrazioni. Se desiderate leggere o far leggere un libro (felicemente) pedagogico o di ottima metodologia laica, consiglierei quello di Dario Bressanini, Ogm, tra leggende e realtà (Zanichelli). Libro necessario, non fosse altro che per la chiarezza espositiva, ossia, per l’assunzione coerente di un metodo di indagine. La suddetta chiarezza metodologica (del tutto priva di presunzione e arroganza) del resto difficile da raggiungere quando si tratta un argomento affascinante e complesso, come le biotecnologie, trasforma il libro in un ottimo strumento divulgativo, pedagogico e, a questo punto, assumerei la definizione di Parise: democratico. Il punto in questione infatti è: noi abbiamo delle opinioni, le opinioni vengono lette dai nostri politici di riferimenti e tradotte, poi, in una serie di leggi, norme, circolari esplicative che dovrebbero portare benefici e miglioramenti al mondo che abitiamo. Dunque, seguendo questo modello ideale, possiamo affermare che più approfondite sono le nostre opinioni meglio i nostri politici potranno leggerle e tradurle poi in leggi. Un ambiente migliorato, migliora, poi, le nostre opinioni. Al contrario, meno chiare sono le nostre opinioni più confusi sono i politici, ecc. Le biotecnologie rappresentano una dimensione nella quale dimostriamo di avere opinioni troppo confuse e spesso superficiali, come recita bene il titolo di Bressanini: frutto (queste opinioni) di leggende e miti. La lettura dei capitoli del libro dimostra che la questione biotecnologie non è di poco conto. Anzi, non solo, i tanti benefici che la modernità ci offre derivano dalle biotecnologie (in senso lato), ma soprattutto, la sempre più approfondita conoscenza della biologia segnerà, marchierà, sarà determinante per il nostro futuro. Non si capisce perché dobbiamo restare fuori da questa importante partita. Abbiamo bravi genetisti e ottimi biologi, chimici, agronomi, tecnici ecc. Ma purtroppo per una perverso meccanismo tutto italiano, politici superficiali, comici e intellettuali retori si sono impadroniti di territori che non gli appartenevano. Risultato? La nostra conoscenza è offuscata. Vincono le allusioni, le allegorie e le metafore. Le fragole pesce dunque si impossessano nel nostro immaginario, lo restringono e ci abituano a pensare non per gradi - o secondo scale di misura - ma per immagini comode quanto sterili. Alla fine vince solo l’ignoranza e l’ignoranza non ha mai aiutato nessuno. Dunque oggi in questo regime di semplificazioni diffuse è davvero importante lottare per la diffusione di ottimi saggi divulgativi, frutto di passionee competenza, come quello di Bressanini. Con la speranza che i redattori dei principali quotidiani se ne accorgano e lo publicizzino con più forza.

1 commento al post: “Bressanini”

  1. Vitangelo MagnificoNo Gravatar scrive:

    Comunque, di strada ce ne tanta da fare! Pochi giorni fa ho tenuto un seminario sugi OGM in un liceo scientifico. Dalla discussione emerse che gli studenti avevano raccolto solo informazioni contrarie agli OGM. Feci la figura del marziano con la mia posizione a favore dimostrabile con la tanta bibliografia scientifica. Gli studenti avevano solo articoli di giornali di chiara ispirazione ambientalista! A dimostrazione che anche in Italia ci sono libri a favore e ben documentati citati, anzi mostrai, anche il nuovissimo di Dario Bressanini. Ora i ragazzi vorrebbero incontrarlo. Speriamo di riuscire a programmare un incontro. Non so se mi sono distratto, ma non mi sembra che i giornali ne stiano parlando. A proposito di parlare: a Parla con me Petrini fece uno show a dir poco raccapricciante per le scemenze che disse, raccogliendo applausi. Disse pure che si spreca troppo, ed è vero, e che si produce il doppio di quello che serve a sfamare l’umanità! Fosse vero dove sarebbero i problemi che si pone la FAO con le sue assemblee annauli! A cosa servirebbero i bravi agronomi che invoca Pascale?

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: Antonio Pascale

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…