Un giornalista che sa fare le domande

13 Giu 2013
Post2PDF Versione PDF

Accade di rado, ma va segnalato che talvolta non sono tutti dilettanti allo sbaraglio ed in questo caso Burdese sembra in difficoltà.

Leggi intervista a Burdese, direttore di Slow Food.

3 commenti al post: “Un giornalista che sa fare le domande”

  1. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    Non solo ma Burdese racconta balle.

    Egli infatti dice che: ” se c’è rischio di contaminazione lo stato può bloccare la semina di OGM autorizzati”. La cosa è, però, possibile solo in presenza di una legge che statuisca regole di coesistenza, ma l’Italia questa legge non l’ha e se la facesse solo allo scopo di impedire le semine di OGM e non per creare una doverosa coesistenza tra semi convenzionali e semi OGM sarebbe chiaramente anticostituzionale, in quanto lederebbe un diritto concesso ad un’altra categoria di agricoltori.

    Inoltre è un presuntuoso perchè afferma che “è dimostrato che gli OGM non funzionano e che l’Italia non ne ha bisogno”. Quale autorità scientifica gli è stata concessa per fare simili affermazioni, fino a prova contraria “l’autorità ideologica” non è ancora riconosciuta in Italia come degna di fede e lui possiede solo quella.

    E’ inoltre un incompetente perchè affermare che esistono altre tecniche non transgeniche per ottenere resistenze alla siccità è una fandonia scientifica che l’agricoltore ha risolto solo cambiando specie coltivata. Non possiamo seminare la soia la Sud per la troppa siccità ed allora seminiamo girasole, non possiamo seminare mais, o meglio il suo risultato è aleatorio, a Sud del Po ed allora optiamo sul sorgo, ma i prodotti che si ricavano dal girasole e dal sorgo non sono gli stessi della soia e del mais. Ricordo, sperando che il Burdese faccia un corso accelerato di miglioramento vegetale onde evitargli figure barbine, che per inglobare nel genoma di una specie un gene dominante Insisto dominante nel senso che porta con se anche la caratteristica di essere marcatore) presente in una pianta selvatica della stessa specie esiste la tecnica del reincrocio o Back cross, ma occorrono ben nove anni di incroci di ritorno fatti ogni anno per sperare di ottenere qualcosa di valido. Parlo di gene dominante e contenuto nella stessa specie, ma purtroppo con il gene recessivo è molto più difficile e se non esiste nella specie stessa ma in altre specie è pressochè impossibile. Guarda caso la resistenza alla siccità è data non da uno ma da tanti geni recessivi che devono essere accumulati. Studiare, prima di rilasciare interviste e vendere fumo, oppure se non si è competenti le si rifiuta.

    Non solo tutto quanto ho testé detto, ma Burdese si dimostra amante dell’illegalità o vicino agli azzeccagarbugli. Gli ricordo che l’invocazione della clausola di salvaguardia, dall’Italia non è ancora stata formalizzata, quindi chi semina MON 810 oggi o l’ha fatto ieri è solo bella perfetta legalità. Inoltre ben due Ministeri che hanno assoldato tutto l’apparato di ricerca, che può solo leggere ma non sperimentare, non sono stati capaci di trovare appigli scientifici originali a supporto della richiesta.Quindi dire che non sappiamo gli effetti degli OGM è raccontare un’altra delle sue bugie, sono tre decenni che si sperimenta sugli OGM e ancora nessun studio scientifico sostiene le tesi false di Burdese, avevano incaricato Seralini ma ahimè!. Infatti le equipes scientifiche interpellate non sono sate capaci di fare altro che andare a prestito di un documento francese dello scorso anno, che è stato copiato di sana pianta, e che ora è stato è stato destituito di ogni fondamento non solo scientifico ma morale (si tratta di una vera e propria patacca) perchè hanno eliminato dalla bibliografia citata tutti gli studi che contraddicevano la loro tesi. Burdese si legga il documento di Kuntz e Ricroh messo in evidenza da Salmone attualmente.

  2. franco NulliNo Gravatar scrive:

    Non ho parole per commentare.
    Patetico…

    Franco

  3. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    Udite Udite a chi ci vorrebbe accomunare Burdese.

    http://bigbrowser.blog.lemonde.fr/2013/06/13/atlas-seuls-trois-pays-interdisent-les-aliments-ogm-dans-le-monde/

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Media

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…