Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-settings.php on line 512 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-settings.php on line 527 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-settings.php on line 534 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-settings.php on line 570 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-includes/cache.php on line 103 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-includes/query.php on line 61 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-includes/theme.php on line 1109 Deprecated: Call-time pass-by-reference has been deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-content/plugins/newsletter/plugin.php on line 910 Deprecated: Call-time pass-by-reference has been deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-content/plugins/newsletter/plugin.php on line 910 OGM & Grano | Salmone.org

OGM, la Svizzera permette sperimentazione in campo

Settembre 3rd, 2013
Post2PDF Versione PDF | No Comments

Giorgio Morelli informa che l’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM) ha autorizzato l’Università di Zurigo a coltivare a titolo sperimentale in campo aperto una specie di grano la cui resistenza all’oidio è stata migliorata tramite una modifica genetica.

Il richiedente dovrà adottare una serie di misure per garantire la sicurezza e prevenire la propagazione di materiale geneticamente modificato all’esterno della superficie sperimentale.
http://www.news.admin.ch/dokumentation/00002/00015/?lang=it&msg-id=49887

Nella categoria: News, OGM & Europa, OGM & Grano

Grano OGM svenduto come grano tradizionale

Luglio 9th, 2013
Post2PDF Versione PDF | 20 Comments

giulia-pisadI Lanice

La notizia ha del sorprendente e sembra una banale ripulitura di depositi di vecchi semi inutilizzati fatta in danno degli imprenditori agricoli.

http://www.ilsostenibile.it/2013/05/31/contaminazioni-ogm-nel-grano-usa-necessari-controlli-sulle-importazioni/

http://unicouniverso.altervista.org/c-t-u-ogm-monsanto-grano-mutante-in-oregon/

http://www.ilcambiamento.it/inquinamenti/ogm_usa_trovato_frumento_contaminato.html

Sorgono comunque spontanee alcune domande:

Che è successo, e come, dato che il frumento in questione non è in uso? La faccenda è reale o è distorta?

Ma la fecondazione del frumento non è autologa? Se sì dove sarebbe il rischio di contaminazione?

Nella categoria: News, OGM & Grano

Il Grano Bio (del pulcino Pio)

Febbraio 19th, 2013
Post2PDF Versione PDF | 1 Comment

Ancora una lezione gratuita di Alberto Guidorzi che ripercorre la genealogia del grano che più bio non si può. Almeno per chi ci vuol credere.

Il frumento OGM esiste già ed è Biologico

Premessa

Il frumento tenero denominato “Renan” di costituzione francese (Agri-Obtention) è la varietà più coltivata nelle coltivazioni biologiche francesi, tedesche, austriache e svizzere. In Italia è oggetto di divulgazione tramite convegni e presentazione di risultati produttivi da parte del presidente di AGROBIO Graziano Granzit, vedasi l’intervento di Braghin sulla sperimentazione agronomica.

Perché vi è questa attenzione su questa varietà? Possiede una serie di resistenze che ne fanno una varietà consigliabile in un’agricoltura biologica, dove non sono previsti trattamenti contro i parassiti fungini del frumento. L’agricoltura biologica aborrisce anche tutto quello che non è naturale, specialmente in fatto di OGM, o che implica interventi biotecnologici sulle derrate destinate agli alimenti animali e umani. Sono coerenti nel loro pensare e fare? Se analizziamo la storia della costituzione di Renan dobbiamo proprio dire che sono incorsi nella massima incoerenza e tutti i fautori del biologico che si sono cibati di pane “bio”, hanno ingerito farine di un frumento che ha ricevuto modifiche non naturali al genoma. Poveri loro hanno dovuto scartare il Creso per paura di essere tacciati di incoerenza e si sono ritrovati un Renan tra le mani.

In pratica la gran parte delle varietà cosiddette rustiche, com’è il caso del Renan, tanto amate e perorate dal movimento ecologista, sono ricavate da queste modifiche che potremmo definire “transgenetiche primitive”, anzi si tratta di un vero rimontaggio del genoma e non solo, in quanto esse contengono delle sequenze geniche che provengono da una pianta selvatica che ben difficilmente si sarebbe incrociata con il frumento attuale. Si è, infatti, usata come parentale una specie vegetale artificiale portatrice di geni estranei alla specie e che mai sarebbe esistita se non tramite manipolazione. Chiedo? Che cos’è l’Agrobacterium tumefaciens se non un specie artificiale portatrice del gene Bt nel caso del mais OGM? Negli ultimi 50 anni, vale a dire ben prima che si parlasse di OGM, le piante coltivate sono state tutte soggette a immissione, mediante vari artifici, di geni selvatici da specie abbastanza lontane dalle specie coltivate.

Storia della genealogia di Renan

Appena finita guerra e forti delle esperienze passate, i miglioratori vegetali hanno cercato dei geni di resistenza alle principali malattie del grano nelle graminacee selvatiche “parenti” del frumento. Si era in balìa di queste vere e proprie calamità, si pensa che un attacco di ruggine sia una delle sette piaghe d’Egitto. Una di queste è il genere “Aegilops”, dove ad esempio è stato trovato il gene, ma anche altri, di resistenza “Pch1” presente nel genoma D. Si pensò subito allora di favorire l’introgressione, vale a dire immettere questi geni selvatici nel genoma delle piante coltivate, come ad es. nel frumento già selezionato per la produttività.

Perseguire questa strategia, però, incontrò notevoli difficoltà. Infatti i geni di resistenza alle tre ruggini ed ai nematodi erano presenti nella specie “ventricosa” dell’Aegilops, ma la specie è troppo lontana per potersi incrociare con il frumento coltivato, quindi si aggirò l’ostacolo usando una specie intermedia, vale a dire il Triticum cartlhicum, che è una specie selvatica di grano duro che artificialmente si può incrociare (non naturalmente dunque) con l’Ae. ventricosa, ma anche con il grano tenero. Si è pertanto operato in modo artificiale l’incrocio T. carthlicum X Ae. Ventricosa ed il prodotto d’incrocio si è incrociato ancora artificialmente con il frumento tenero. Solo che il prodotto che si otteneva si è rivelato sterile, ma conoscendo già la tecnica della poliploidizzazione (divisione cellulare in ambiente ricco dell’alcaloide colchicina) si è operato il raddoppio dei cromosomi e quindi si è conferita la fertilità al prodotto d’incrocio prima sterile. Anche in questo non vi è nulla di naturale, seppure il raddoppio dei cromosomi possa avvenire in natura, ma molto raramente, in una cellula durante la divisione.

Il prodotto che si otteneva dalla coltivazione di questi semi però erano piante che assomigliavano più alle graminacee selvatiche spontanee che al frumento coltivato. Il prodotto era inutilizzabile se non facendo ricorso al reincrocio o Back crossing, che consiste nel continuare a reincrociare il prodotto d’incrocio sempre con un grano tenero coltivato e produttivo (nel caso particolare si è trattato della varietà Moisson, che significa mietitura in italiano) in modo di eliminare tutti i geni selvatici non interessanti ed introdurre man mano quelli accumulati nel frumento coltivato. E’ un lavoro lungo, perché ad ogni generazione si dimezza del 50% del genoma selvatico, e quindi per annullarlo praticamente occorrono 8 o 9 generazioni, vale a dire 8 o 9 anni di continui reincroci. Il lavoro non è semplice come può sembrare perché non sempre i geni s’installano nel posto giusto ed gli ibridi che si ottengono spesso sono instabili, di difficile fissazione, e con un numero instabile di cromosomi. A complicare le cose vi fu la constatazione che il citoplasma delle cellule di questi incroci non era quello del grano tenero, ma ancora quello dell’AE ventricosa. Questo prodotto vegetale fu comunque un genitore molto usato in vari incroci successivi ed è conosciuto con l’acronimo VPM. Non mi si dirà che VPM è una varietà naturale, essa è in realtà una pianta mai esistita prima e frutto della sola manipolazione umana. Perché allora non è stata fatta mangiare a dei topi per due anni, come ha fatto Seralini con l’NK603 che tra l’altro usciva già da controlli meticolosissimi? Ora da questo lavoro di selezione-miglioramento, ma solo dopo una quindicina d’anni, è uscita nel 1976 la varietà Roazon (anno d’iscrizione anche del nostro Creso ottenuto per irraggiamento).

Tuttavia la varietà ebbe vita breve perché con scarso valore panificatorio (essa conteneva un endoamilasi legata al gene Tch1 della specie selvatica) e suscettibile alla septoriosi, una malattia non controllata dai geni di resistenza trovati in Ae. ventricosa. La farina di questo frumento è stata fatta mangiare al consumatore, nessuno ha avuto nulla da ridire e quindi la sanità delle farine data per scontata. Dov’erano Greenpeace, l’erede al trono d’Inghilterra e la nostra Anna Maria Crespi? Si fa notare che tutto questo lavoro ora è ovviabile e, se già fosse possibile applicare la tecnica del DNA ricombinante al frumento, in 3 o 4 anni si sarebbe ottenuto un frumento con le buone caratteristiche di Moisson e con tutte le resistenze inserite, non solo, ma senza altri geni immessi involontariamente, com’è stato il caso dell’endoamilasi. Perché i tre citati prima sono così scandalizzati ora quando non lo sono stati prima? Se non è ideologia questa?

La varietà Roazon fu, però, anch’essa molto utilizzata come genitore negli incroci successivi per tentare di conservare le resistenze e migliorare la pianificabilità; da questo lavoro nel 1989 è stata generata appunto la varietà Renan che è stata coltivata dal 1995 al 2001 come varietà rustica in agricoltura convenzionale. Non solo, alle resistenze insite nell’antenato artificiale VPM, hanno fatto ricorso quasi tutte le varietà coltivate negli ultimi anni, con buona pace di Petrini e di Granzit e del mangiare naturale.
Concludendo, tutti i prodotti come Roazon e Renan e sono tanti, forse la maggioranza perché le resistenze genetiche conferiscono alla varietà un atout commerciale non indifferente, possiamo dire che sono stati molto più manipolati che non il tanto vituperato mais con il MON 810 che continua a scandalizzare dei presunti benpensanti. Se si riflette bene noi conosciamo ben poco di queste modifiche: quanti geni sono implicati e non, il modo di agire di questi geni di resistenza nei riguardi dei parassiti (numero di proteine, il grado di tossicità intrinseca, i loro bersagli e gli effetti attesi ed inattesi). Sappiamo solo che molti consumatori votati al biologico hanno ammirato le loro forme di pane “bio” fatto con queste farine definite “all’antica” e perciò stesso altamente “salutari” e di grande soddisfazione intellettuale. Dunque il pane OGM esiste già con buona pace dei Capanna, dei Petrini, dei tantissimi cattedratici che si vantano, dall’alto della loro scienza, di essere contrari agli OGM, della Coldiretti, del Ministro Catania.

Nella categoria: News, OGM & Grano

La mobilitazione internazionale ha salvato almeno un esperimento di grano GM in pieno campo in Gran Bretagna.

Ottobre 4th, 2012
Post2PDF Versione PDF | 1 Comment

Dear Petition Signatories

The GM wheat trial crop at Rothamsted Research has been harvested. It is far too early to talk about results yet, but the team at Rothamsted wanted to let you know about the harvest and to pass on their thanks. The protest group who said they were going to destroy the crop earlier in the summer did not have enough support to carry out their threat; this was because of you.

Professor John Pickett said: “The team and I were overwhelmed by all the messages of support we received from the petition signatories. You all have a significant role to play in ensuring this important, independent scientific study continues to progress so we can better understand whether this technology could help us deliver more environmentally sustainable food production in the future. We are only half way through our experiment and to ensure we get robust scientific results we need to continue the experiment next year and then get the data thoroughly analysed and independently peer reviewed for all to see. After all the great work done by Sense about Science this year, we hope next year’s phase will pass without the threat to damage it.”

Síle Lane, Sense About Science said: “We were thrilled by the support for the researchers. We are still reading through the comments 6060 people left on the petition. This is ongoing research so it’s good for the scientists to know there’s so much support for them from so many people. The questions you sent us have been a great way to clarify the research and Frances Downey is going to continue this. If you have further questions get in touch with her at fdowney@senseaboutscience.org.”

We have gathered some of the comments of support for the researchers from petition signatories, politicians and high profile supporters here (PDF) http://www.senseaboutscience.org/data/files/Dont_destroy_research/Dont_destroy_research_public_support_June_2012.pdf

The questions researchers worked hard to answer are here http://www.senseaboutscience.org/pages/plant-science-qa.html

There’s a time line of the summer’s events, including Rothamsted’s offer to debate with Take the Flour Back before the protest, here: http://www.rothamsted.ac.uk/Content.php?Section=AphidWheat&Page=Protest

Protestor Hector Christie was ordered to pay £3,850 in compensation to Rothamsted Research in August after breaking onto the site and causing property damage. He failed to disrupt the experiment: http://www.bbc.co.uk/news/uk-england-19373852

If you would like to get general news from Sense About Science you can sign up for our newsletter here http://www.senseaboutscience.org/pages/support-us.html and keep up to date with the fantastic work of the researchers at Rothamsted on their website http://www.rothamsted.ac.uk/

Thank you again for your support.

Nella categoria: News, OGM & Grano, OGM & Media

L’ultimo secolo di biodiversità

Giugno 26th, 2012
Post2PDF Versione PDF | 1 Comment

un interessante articolo segnalatoci da Alberto Guidorzi che mostra come parte della biodiversità sia diminuita, ma per alcune piante vi è stato un forte aumento. http://gmopundit.blogspot.com.au/2012/06/seed-biodiverity-as-measured-on-in.html

Nella categoria: News, OGM & Grano