OGM da animali

Agosto 27th, 2014
Post2PDF Versione PDF | No Comments

Alberto Guidorzi ci fa una rassegna della letteratura scientifica disponibile che tratta della ricerca di transgeni in animali nutriti con OGM.

Ci possono essere degli OGM nei prodotti di origine animale?

In questa forma la domanda non ha senso: un OGM è un organismo, e, in questo, caso specifico una pianta geneticamente modificata (PGM). Come tutti sanno, non c’è nessuna pianta nel latte o nella carne, anche se l’animale che ha prodotto le piante ha mangiato delle piante.

L’unica questione pertinente per il consumatore è:  c’è qualche differenza per il consumo umano di un prodotto alimentare derivato da un animale che si è nutrito con alimenti derivati ​​da colture biotecnologiche (soia, mais o colza) e un alimento equivalente derivato da animali allevati con mangimi ottenuti da piante che definiremo convenzionali, cioè non modificate geneticamente nel senso che qui è dato al termine?

Va tenuto presente che l’intero processo di selezione di una linea di PGM, fino alla sua autorizzazione di messa sul mercato, si confronta ad ogni generazione con una linea convenzionale ben conosciuta, con inclusa la valutazione della sua equivalenza in termini di qualità nutrizionale e tossicologica. Se, dunque, il cibo (PGM e convenzionale) sono equivalenti, è quindi molto improbabile che il consumo di alimenti di origine animale derivati da ​​PGM abbia diverse qualità nutrizionali. Infatti, ci sono più di 100 studi nutrizionali su animali d’allevamento che concludono tutti con il non esserci differenza di effetti dei derivati delle ​​PGM rispetto agli alimenti derivati da piante tradizionali di riferimento.
Leggi l’ articolo di rassegna di Gerhard Flachowsky (marzo 2007)

Tuttavia, esistono differenze riscontrabili analiticamente tra PGM e piante convenzionali. Le differenze sono: 1 o 2 geni esogeni (questo DNA è chiamato transgene) che permettono alla pianta di sintetizzare 1 o 2 proteine supplementari. Si ricordi che una pianta ha in media altri 30.000 geni circa).

Altro dato importante da considerare è che il DNA è uno tra i composti normali di un alimento (un uomo consuma tra 0,1 e 1 g di DNA al giorno, una vacca 40-60 g). In questa operazione, il transgene di PGM è pari a circa 0,005% del DNA alimentare totale, ammesso che i soggetti consumino il 50% di PGM nella dieta).

Questo DNA transgenico, o la proteina corrispondente, rappresentano l’unica possibilità di differenziare un alimento vegetale ottenuto da PGM, da un alimento derivato ​​da piante convenzionali. Dunque per differenziare un animale alimentato con PGM da un’ altro non così alimentato, occorre che sia possibile individuare il transgene della PGM, o la proteina corrispondente. Ma gli animali, come l’uomo, degradano il DNA, che è una proteina esso stesso, e tutte le proteine ​​alimentari.

Tuttavia, c’è da chiedersi, sapendo che ora abbiamo metodi di rilevamento estremamente sensibili, si possono comunque rilevare le tracce di questo DNA (o proteine) trangenico negli animali nutriti PGM e dopo la digestione?
Generalmente, la risposta è no.

La digestione del DNA e delle proteine ​​viene avviata nello stomaco (nel rumine nel caso dei ruminanti) e continua nelle varie parti dell’intestino. Una frazione di un frammento di DNA digerito può attraversare la barriera intestinale, ma poi continua ad essere digerito fino alla sua completa scomparsa.
Ecco un paper di Alexander TW et al (2007), una  Sintesi  in lingua francese e il parere dell’EFSA in breve e in dettaglio

I risultati più recenti riguardanti latte .
° Uno studio condotto da Agodi et al. (2006) ha rilevato piccoli frammenti di tale DNA nel latte di vacca, ma questo è stato interpretato dagli autori come presenza di contaminanti esterni durante la raccolta del latte (contaminanti che provengono da alimenti derivati ​​da PGM o da batteri contenente naturalmente questo gene).
° Uno studio Tudisco et al. (2010) riporta il rilevamento di un frammento di transgene di soia nel sangue e latte sulla capre, nonché in diversi organi di capretti alimentati solo con latte materno, ciò è a priori molto sorprendente, infatti, contenendo il latte materno solo tracce transgene, è molto strano che se ne sia trovata traccia nel capretto …).
° Un terso studio Guertler et al. (2009)  non ha trovato né il DNA transgenico di un mais resistente agli insetti, né la proteina insetticida, in nessuno dei campioni analizzati di latte vaccino. Lo stesso gruppo ha confermato nel 2010  non aver trovato transgeni nel latte, nel sangue e nell’urina di vacche alimentate per 25 mesi con mais OGM Bt.  Leggere anche.
 
I risultati più recenti riguardanti il sangue .
Paul et al. (2008) non ha rilevato la proteina insetticida in mais resistente agli insetti nel sangue di vacche.  Allo stesso modo Bertheau et al. (2009) non ha rilevato la proteina o il DNA transgenico. Circa i lavori dell’ INRA: leggere.
 
In conclusione: non esiste attualmente alcun metodo di rilevazione di routine, affidabile e a posteriori ,  che permetta di controllare l’esattezza delle dichiarazioni di marketing (comprese quelle delle catene di grande distribuzione come Carrefour, Auchan o COOP che fanno dell’annucio “liberi da OGM” un richiamo propagandistico) circa l’assoluta non presenza di OGM in alimenti di origine animale dichiarati assolutamente OGM-free. Si tratta quindi di dichiarazioni non supportate da dati obiettivi di analisi di post-controllo e pertanto destituiti di veridicità assoluta per il semplice fatto che in Europa si importa mais e soprattutto soia OGM in grandi quantità e soprattutto crescenti. Ci si deve fidare della lealtà,ma….

Allo stato delle conoscenze questa conclusione può essere estesa ad altri animali.

° Nei polli Rehout et al. (2008) riportano l’individuazione in tre campioni di fegato di transgene di soia ( ma non di mais). Tuttavia non si è potuto confermare la cosa con la ripetizione dell’esperimento. Swiatkiewicz et al. 2010 non ha rilevato frammenti di transgeni nel sangue e negli organi interni di polli
° Nei conigli non è stato possibile evidenziare frammenti di DNA (salvo casi particolari).
° Nei pesci, alcuni studi, ma non tutti, hanno trovato tracce di piccoli frammenti di transgeni di PGM che hanno oltrepassato la barriera intestinale, ma la loro presenza non è stata riscontrata durare.

Nella categoria: News, OGM & Insicurezza alimentare, OGM & Luoghi comuni, OGM & Soia

Si parla di OGM in tutta Italia

Maggio 9th, 2014
Post2PDF Versione PDF | 12 Comments

italiaunitascienza Stanco di una cattiva informazione scientifica? Stanco di pseudoscienza in TV? Il movimento culturale Italia Unita Per La Scienza, composto da studenti, docenti e appassionati di scienza, organizza la seconda edizione dell’evento nazionale di informazione scientifica. Dopo il successo dell’ 8 Giugno scorso (“Italia Unita per la corretta informazione scientifica”, qui l’articolo su Science), ecco

un’intera settimana dal 19 al 24 Maggio 2014

dove si parlerà di scienza, bufale scientifiche e pseudoscienze: “La bufala è servita: tra scienza e pseudoscienza”, questo è il titolo. Quest’anno le città saranno più di 20 e si cercherà di migliorare l’aspetto comunicativo. Anche per questo è stata fatta partire una raccolta fondi online, anche per dare valore a chi si mette in gioco con passione e competenza. Abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti. Diffondete in ogni modo l’evento, anche usando il materiale web. Più avremo successo, più soldi raccoglieremo e più visibilità avremo, meglio potremo sostenere questo evento e ideare progretti futuri. In altre parole migliore potrà essere l’informazione scientifica nel nostro Paese. italiaunitaxlascienza@live.com

Quella per la corretta informazione scientifica è una sfida cruciale.
Una sfida che stiamo perdendo.
Non nascondiamoci: in Italia la cultura scientifica è pressoché inesistente. Un po’ sarà colpa degli scienziati, un po’ degli italiani, un po’ dei media. Ma la realtà dei fatti è davanti ai nostri occhi e, credeteci o meno, ne stiamo pagando le conseguenze. La pseudoscienza è entrata nelle farmacie, la troviamo sulle nostre tavole. Si è intrufolata negli ospedali. La rete ne è invasa, Facebook è diventato un campo minato.

Per il cittadino poco informato la pseudoscienza è dietro l’angolo, a volte facilmente smascherabile, a volte estremamente convincente, spesso seducente. Non possiamo permetterlo. Non se in gioco c’è la salute delle persone, la salute dei nostri cari, la salute di chi soffre e cerca, disperatamente, un appiglio.

Bisogna imparare a dare il giusto peso all‘emotività e alle argomentazioni razionali, giustificate. Non possiamo affidarci a persone prive di competenza, che si approfittano di noi: dobbiamo imparare a riconoscere se chi parla è affidabile. Dobbiamo sviluppare lo spirito critico, importante, sì, nella scienza, ma anche nella vita di tutti i giorni.

Ce ne siamo accorti lo scorso anno, con gli assalti ai laboratori di ricerca. E’ lì che la nostra “battaglia” è cominciata. Una battaglia fatta da carta, penna e computer e tanta voglia di scrivere e smuovere le cose. Sono nati così nuovi movimenti culturali e scientifici. Da prima isolati, alcuni di noi hanno cominciato ad unirsi. Zitti zitti, tra Facebook ed email, avevamo un’idea. Nasceva così Italia Unita per la Scienza.

L’8 Giugno 2013 (“Italia unita per la corretta informazione scientifica”) abbiamo parlato di scienza e di informazione in 16 città italiane, coinvolgendo 90 diversi esperti. Sperimentazione animale, cellule staminali, OGM e scie chimiche sono solo alcuni dei temi trattati.

E ci siamo resi conto che anche dei semplici studenti, giovani ricercatori e appassionati di scienza, senza un soldo a disposizione, potevano contribuire e fare grandi cose. Abbiamo messo una prima pietra.

Ma non possiamo fermarci.
Non dobbiamo aspettare i casi Stamina o gli assalti ai laboratori per parlare di scienza e spirito critico. Non possiamo permettercelo, per non commettere gli stessi errori.

E’ per questo che ci riproviamo: torna Italia Unita per la Scienza, ma vogliamo fare le cose in grande.

Segnatevelo sul calendario: la settimana è quella dal 19 al 24 Maggio (“La bufala è servita: tra scienza e pseudoscienza”, questo il titolo).
Da Milano a Bologna, da Genova a Roma, da Napoli a Catania (qui l’elenco completo in continuo aggiornamento) si parlerà di scienza e di come riconoscere la pseudoscienza. Parleremo di come, senza una competenza tecnica, possiamo evitare di credere a bufale e menzogne che girano su internet, per buona o malafede altrui.

Interverranno giovani ricercatori spigliati, docenti universitari di fama e divulgatori scientifici affermati. Venerdì 16 Maggio, presso la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, si terrà l’evento inaugurale con Marco Cattaneo (Le Scienze), Dario Bressanini, Beatrice Mautino (CICAP) e Alessandro Vitale (CNR, Milano). Poi tutti gli altri. Si eviteranno le classiche lezioni universitarie e i seminari: vi saranno infatti anche caffè scientifici, incontri nelle librerie o nelle scuole, eventi di piazza o altro ancora: tutto questo perché ci teniamo ad adottare modalità giovani, coinvolgenti e soprattutto alla portati di tutti. Non vi proporremo una verità assoluta, ma un approccio, uno spirito critico per prendere autonomamente posizioni sui temi scientifici, basate su fatti e non dicerie. E un ampio spazio per un dibattito costruttivo e stimolante. Perché l’importante è non smettere mai di fare domande.

A sostenere l’iniziativa, in prima linea ci saranno Pro-Test ItaliaCittà della Scienza di NapoliANBI (Associazione Nazionale Biotecnologi Italiani).

Per poter garantire al pubblico le location ideali, per coprire i costi logistici e di pubblicità, quest’annoabbiamo fatto partire una raccolta di fondi nazionale. Solo così potremo rendere questo evento la regola e non l’eccezione.

Se trovate che la nostra sia una causa da supportare, se credete che non si possa prescindere dall’informazione scientifica, se volete anche voi dare il vostro contributo, questa è la vostra occasione.

Vi chiediamo poco.Il costo di un caffè, una birra, un cocktail. Per i più motivati una cena fuori, un paio di jeans. Un piccolo sacrificio per qualcosa di grande e di cui abbiamo bisogno. Se la raccoltà funzionerà allora aspettatevi questi eventi sempre più frequenti, sempre migliori e sempre più convinti che questa è una strada da percorrere per migliorare il futuro di tutti.

Noi ci crediamo, e voi?

Clicca qui per andare alla campagna su IndieGoGo!

Federico Baglioni, Ambra Giulia Marelli (coordinatori nazionali di “Italia Unita per la Scienza”)

www.italiaxlascienza.it (Facebook)

leggi la bufala è servita 19-24 Maggio 2014 e Baglioni e la bufala

Nella categoria: News, OGM & Luoghi comuni, OGM & Media

Carta da pioppi OGM con lignina più degradabile

Aprile 23rd, 2014
Post2PDF Versione PDF | 3 Comments

Notate la distanza tra chi scrive l’articolo, la ricercatrice intervistata, le sua argomentazioni di carattere ambientale e di rispetto della biodiversita’ rispetto alla scelta del titolo dell’articolo che come al solito e’ di esclusiva pertinenza di di persone diverse dal redattore dell’articolo.

Leggi: Alberi geneticamente modificati: rischio di carta Ogm

Nella categoria: News, OGM & Luoghi comuni, OGM & Media

Tanta agitazione per EXPO

Aprile 3rd, 2014
Post2PDF Versione PDF | 14 Comments

Si preoccupano in 39, ma non portano un solo dato nuovo o seriamente documentato. Tra i più attivi nemmeno a dirlo la solita Coldiretti…….
Leggi: Quella contro gli OGM è una battaglia per la salute - OGM, mobilitazione contro al deregulation - L’Italia dell’EXPO deve bloccare gli OGM

Nella categoria: News, OGM & Luoghi comuni, OGM & Politica

Ma la definizione di OGM è obiettiva?

Marzo 25th, 2014
Post2PDF Versione PDF | 4 Comments

Di Alberto Guidorzi

L’acronimo OGM alla lettera “O” associa “organismo”, sottintendendo “un essere vivente”, mentre con GM si intende una modifica genetica, che però non assume un significato univoco.
Esempio le modifiche genetiche eseguite su delle cellule somatiche quindi non ereditabili dalla progenie possono venire eseguite su cellule isolate o in vivo, ma nel primo caso sono delle “transfezioni” ossia processi fisici di transfert di geni, mentre nel secondo caso sono delle terapie geniche. Ora queste per il fatto di non essere ereditabili non appartengono alla categoria degli OGM. Il vocabolo “transgenesi” è un neologismo in uso da una trentina d’anni e si applica solo agli organismi pluricellulari (piante e animali) e non ai microrganismi e consiste in un trasferimento di geni indipendentemente dall’origine ed in maniera tale da essere poi trasmissibili alla progenie. Per i microrganismi si usa di preferenza nei laboratori scientifici il vocabolo “trasformazione” e con ciò s’intende sia il trasferimento spontaneo di geni per opera di minicromosomi, come i “plasmidi”, ma anche un trasferimento forzato in modo tale da far incorporare al solo cromosoma presente nei batteri un gene estraneo. Anche in questo caso non si parla di OGM di cui alla definizione.

Altro aspetto lessicale usato nei laboratori di ricerca è che una cellula animale si definisce trasformata quando essa ha assunto la capacità di moltiplicarsi indefinitamente ed un esempio sono le cellule precancerose che hanno subito delle mutazioni spontanee o indotte (compreso il trasferimento di un gene). La sigla OGM è dunque praticamente impiegata per definire una PGM (pianta geneticamente modificata) o AGM (animale geneticamente modificato) ambedue destinati ad essere usati come animali da compagnia , come piante ornamentali. La sigla OGM è molto meno usata quando si tratta di modifiche genetiche apportate su piante o animali usate per la ricerca medica o la ricerca fondamentale.

Altro aspetto altamente contraddittorio è l’uso delle cisgenesi e/o intragenesi; intendendo con ciò il trasferimento di un gene all’interno di specie sessualmente compatibili. In questo contesto quindi si ottiene lo stesso identico risultato che si è sempre ottenuto mediante l’incrocio e successiva fissazione del carattere e contemporanea eliminazione dei caratteri sfavorevoli ereditati. Ora con la tecniche che si usa per la transgenesi si potrebbe agire in modo più mirato e in molto minor tempo nel miglioramento delle piante. Evidentemente, dopo, le piante trasformate devono poter essere rivelate e selezionate, ecco che si ricorre all’immissione di geni marcatori di resistenza agli antibiotici. Questo è stato uno dei punti maggiormente attaccati dai contrari agli OGM, ma questi dimenticano che se un gene è trasferibile esso è anche eliminabile e guarda caso è ciò che si fa, nel senso che lo si usa per selezionare le piante trasformate ma poi lo si elimina nelle piante che sono coltivate. Tuttavia la cosa che più è incongruente è che un gene trasferito con un incrocio non da una pianta OGM e non se ne pretende nessun controllo a posteriori, mentre se lo è per cisgenesi o intragenesi, lo si fa appartenere agli OGM e quindi ha bisogno di controlli meticolosi; eppure si tratta della stessa identica pianta, niente vi è di diverso. Queste sono le incongruenze di quando il modo di ragionare è ideologico, che è tipico degli anti-OGM.

Tuttavia soffermiamoci un po’ su questo benedetto “geneticamente modificato” e sul significato reale che ha e su quello fuorviante che gli è stato attribuito. Per farlo facciamo una semplice constatazione: 100.000 miliardi di cellule, contenenti ognuna 25 mila geni codificanti delle proteine e formati da 3 miliardi di basi azotate tra le quali una ogni mille differisce a seconda degli individui, è un’altra definizione che si può dare dell’uomo. Inoltre, geneticamente parlando, è un po’ più grande del topo, ma meno del riso. Tutto ciò ci dovrebbe portare ad avere una certa umiltà nello stilare la gerarchia naturale. Tuttavia a ciò occorre aggiungere un biliardo di virus e di batteri che « passeggiano » negli organi umani. Una vita microscopica che è demandata a mantenere la mia omeostasia, vale a dire la regolazione armoniosa del nostro corpo. In altri termini il nostro considerarci superiori non dipende da un genoma molto diverso rispetto agli altri esseri viventi, ma piuttosto da solo qualche mutazione piccola ma determinante. Pertanto a rigore di termini siamo tutti OGM. (si pensi che il mais coltivato che differisce dal teosinte, la specie da cui lo si considera derivare, solo per la mutazione avvenuta in 5 geni maggiori e ciò ha comportato ad esempio che nel teosinte vi siano 10 semi per spiga che si staccano a maturazione mentre nella spiga di mais odierna ne abbiamo 400 e non si staccano).Nel corso della vita l’uomo subisce il rinnovo incessante delle sue cellule e quindi si espone sistematicamente a delle mutazioni endogene. I globuli bianchi si rinnovano tutti i 5 giorni, quelle della pelle ogni 15, quelle del fegato ogni anno, quelle dell’intestino ogni 15 anni; anche i neuroni il cervello che si credevano immutabili cambiano, seppure lentamente. Venti milioni di cellule di un corpo umano si dividono e ognuna ne da produce due nuove. In altri termini ieri non ero lo stesso di oggi e oggi non sarò lo stesso di domani. Si nasce OGM e si muore sempre come un OGM ma diverso da quello della nascita. In tutto questo sobbollimento di cambiamenti le possibilità che avvenga un errore di codificazione, di traduzione o di trasferimento d’informazione, che si chiama in realtà mutazione, è dunque con-sostanziale ad ogni individuo. Mediamente da un genitore ad un figlio si deve mettere in conto almeno 30 mutazioni che capitano nella moltiplicazione di un genoma completo. A queste mutazioni occorre, però, aggiungere quelle dovute ad elementi esterni.

Ebbene i burocrati di Bruxelles arbitrariamente e solo per compiacere le spinte di politici incompetenti, hanno deciso che una modifica genetica non sia un OGM fino a quando non vi è l’intervento dell’uomo tramite la messa in pratica di una operazione di ingegneria genetica eseguita su del DNA isolato. Stabilendo così, e senza che vi sia nessun fondamento logico e scientifico, che i virus trasferenti geni diversi alle piante e agli animali non appartengono alla categoria degli OGM, eppure siamo comunque in presenza di un agente estraneo alla cellula che subirà la modificazione; ma il colmo della illogicità lo si raggiunge quando l’uomo opera la fusione di protoplasti, cioè un’operazione di ingegneria genetica che implica il trasferimento di geni o addirittura di tutto il genoma da un individuo ad un altro e dalla definizione non viene considerata una creazione di OGM. Le specie si sono evolute perché man mano si sono geneticamente modificate e se non fosse avvenuto ciò l’uomo e tutto il resto del mondo vivente non ci sarebbe. Eppure anche qui l’uomo ha copiato dalla natura ed è intervenuto per provocare lui delle mutazioni genetiche e creare maggiore biodiversità, ma anche in questo caso si è preferito lasciar fuori i prodotti vegetali mutati ottenuti, dalla categoria degli OGM.

Non solo, ma si è sorvolato sul fatto che le mutazioni indotte non sono sotto il controllo umano, seppure eseguite dall’uomo, in realtà è uno “sparare alla cieca”, che tra l’altro non prevede controlli di enti terzi. Perché questo? Semplice da spiegare: perché l’uomo induce modificazioni nelle piante da circa un secolo e quindi era difficile giustificare pericolosità presunte o paventare derive e quant’altro di queste piante geneticamente modificate. Non solo, ma si è arrivati addirittura a condannare una tecnica in quanto tale e non perché comportante pericolosità, infatti quest’ultima nel caso di una PGM non è generalizzabile, ma eventualmente va valutata caso per caso. Si è convinta molta opinione pubblica che essendo un’opera umana e quindi non naturale, travisando completamente il significato di naturalità, essa è da condannare solo per questo. Come se un’operazione chirurgica non si dovesse praticare in attesa che le forze della natura, naturali quindi, provochino la guarigione. Almeno i popoli di derivazione anglosassone hanno avuto il coraggio di parlare chiaro ed hanno scartato la dizione di OGM, chiamandoli in modo palese “GEO” (genetically engineered organism), rivendicando cioè da subito l’intervento dell’uomo e lasciando ad un consesso degli stessi valutare caso per caso equivalenza ed impatti di ogni GEO creata. Sarebbe quindi ora che i “terzomondisti” valutassero l’impatto e le conseguenze dei loro rifiuto e conseguenti atti vandalici distruttivi, che non fanno il danno a chi coltiva OGM o a chi ne produce le sementi, bensì ai coltivatori italiani prima di tutto e a chi, dei paesi poveri, vuole commerciare con noi, ma non può godere dei vantaggi delle piante OGM. Si pensi solo al danno che si arrecherebbe ai produttori di cotone asiatici e africani se effettivamente e volendo essere coerenti rifiutassimo il loro cotone al 95% OGM. Invece lo importiamo e con quello sterilizzato ci puliamo anche le ferite. Gli Stati produttori non li penalizziamo con il nostro rifiuto ma offriamo loro il destro di applicare ritorsioni verso i nostri prodotti perché andiamo contro a degli accordi anche da noi accettati. I produttori di seme multinazionali invece gongolano: 1° perché comunque continueranno a venderci i loro semi vecchi: 2° perchè sanno che occorrerà solo attendere e poi ci imporranno le loro regole in quanto noi non potremo concorrenziali.

Ma la cosa che più preoccupa sono i movimenti che si sono creati per aver dato credito a della pseudoscienza e che, orfani di altre ideologie, ne hanno trovato una che permette loro di scaricare le loro frustrazioni. Lo schema è ben rodato:
1° Senza nessuna prova scientifica a supporto, decidono ciò che è ammesso e ciò che non lo è e brandiscono solo la semplice nozione di “rifiuto assoluto” quasi sacralizzato.
2° Si richiede alla scienza di provare l’innocuità delle tecniche di modifica genetica al solo fine di ritardarne le scadenze attraverso moratorie senza fondamenti giuridici. Il principio di precauzione è usato controsenso in quando si impedisce la sperimentazione che è il solo mezzo per provare un’ipotesi.
3° si bandiscono tutte le discussioni serie sugli effetti delle PGM pretendendo che sono solo chiacchiere di gente al soldo delle multinazionali, viste come divoratrici dei poveri cittadini alla stregua dell’orco di Pollicino.
4° tutto è ben congegnato in modo da impaurire, ricattare e rendere comunque la vita difficile a chi lavora nelle biotecnologie vegetali, e non si limitano ciò, infatti gli studi sulle nanotecnologie stanno subendo la stessa sorte, seppure la massaia faccia delle nanotecnologia quando monta la panna.
Dicono che deve essere la società tutta intera a prendere le decisioni, ma non specificano quale modello di società vogliono, appunto per non far aprire gli occhi ai cittadini.

Nella categoria: News, OGM & Luoghi comuni

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Sentenza Fidenato

E così finalmente siamo arrivati alla fine della vicenda giudiziaria…