Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-settings.php on line 512 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-settings.php on line 527 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-settings.php on line 534 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-settings.php on line 570 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-includes/cache.php on line 103 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-includes/query.php on line 61 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-includes/theme.php on line 1109 Deprecated: Call-time pass-by-reference has been deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-content/plugins/newsletter/plugin.php on line 910 Deprecated: Call-time pass-by-reference has been deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-content/plugins/newsletter/plugin.php on line 910 OGM & Mondo | Salmone.org

Pomodori viola

Gennaio 28th, 2014
Post2PDF Versione PDF | No Comments

Antociani antiossidati, salutari speriamo siano anche buoni: http://www.lastampa.it/2014/01/28/scienza/benessere/salute/pomodori-viola-logm-diventa-anticancro-7S2p0DqjNZJrIwxXAxrGcI/pagina.html

Sembrano forse strani a prima vista, ma ci dovremmo ricordare che le vere patate andine non-OGM sono appunto viola e si vendono da tempo nei supermercati.

Nella categoria: News, OGM & Insicurezza alimentare, OGM & Mondo

Nell’altalena dei prezzi del mais noi siamo una scialuppa in preda ai marosi

Dicembre 16th, 2013
Post2PDF Versione PDF | No Comments

Non sara’ certo per il Mir 162 di Syngenta che la Cina rifiuta i carichi, ma certo i prezzi crollano e noi vedremo arrivare buon mais a prezzi da saldi.

Nella categoria: News, OGM & Ambiente, OGM & Mondo

Grazie Madiba

Dicembre 9th, 2013
Post2PDF Versione PDF | 12 Comments

imagesNelson Rolihlahla Mandela, “Rolihlahla” (letteralmente “colui che provoca guai”) ci ha appena lasciati, ma ci vorranno molti anni per apprezzare tutti i suoi insegnamenti. Grazie.

Presidente del Sudafrica nel 1994 rimane in carica fino al 1999. Nel 1998 comincia nel Paese la col9vazione commerciale di cotone Bt

Nella categoria: News, OGM & Mondo

Aboliamo anche il Padreterno

Giugno 19th, 2013
Post2PDF Versione PDF | No Comments

di Alberto Guidorzi

Vi chiederete il perché, oppure direte ecco un altro anticlericale radicale. No! Niente di tutto questo, è solo una conclusione che fa il parallelo con l’abolizione dei neonicotinoidi quale causa principale del collasso degli alveari.

In Inghilterra nell’inverno 2012/13 gli alveari inglesi hanno perso 33,8% della loro popolazione di api, quando, invece, nell’inverno scorso la perdita è stata del 16%. Nel Galles ed in Scozia la perdita è del 50%. Tuttavia sono dati del marzo 2013 e quindi considerato che la primavera ha tardato ancora di più c’è da temere un dato definitivo ancora superiore.

La causa additata da tutti è da ascriversi ad un’estate piovosa, quella del 2012, che non ha permesso i voli, da un inverno particolarmente freddo ed una primavera, quella del 2013, molto tardiva. In definitiva si è raccolto poco cibo, le condizioni invernali particolarmente fredde sono state tali da provocare il noto “isolamento da fame” e successiva morte; inoltre l’obbligata permanenza nell’alveare durante l’appena trascorsa primavera ha fatto il resto.

Questi dati arrivano a poche settimane dalla decisione di interdire l’uso di tre neonicotinoidi e forse di un quarto, per presunti gravi danni alle api. Francesco Ratnieks, professore di apicoltura presso l’Università del Sussex, interpellato in proposito ha detto che i neonicotinoidi non c’entrano nulla, le mie api nell’estate 2012 morivano solo di fame e non perché avvelenate. Non è salutare per le api rimanere confinate nell’alveare, infatti le api regine non sono uscite per accoppiarsi ed inoltre il confinamento è la maggior causa delle infezioni intestinali da Nosema e di infettarsi del virus della varroa.

Altra notizia uscita in questi giorni è uno studio fatto sull’alimentazione delle api che normalmente avviene con miele, ma per motivi speculativi (vendere tutto il miele) si è trovato negli HFCS (sciroppi di glucosio ad alto contenuto di fruttosio), un prodotto sostitutivo non caro e senza effetti collaterali derivato dall’idrolisi dell’amido di mais e successiva inversione enzimatica del glucosio. Infatti, molte fonti zuccherine usate hanno avuto effetti intossicativi sugli insetti. En passant vi posto l’esperienza di vari ricercatori che affermano questo “Gli zuccheri raffinati di canna e barbabietola sono saccarosio puro e, naturalmente, sicuri per le api e dal punto di vista nutrizionale si equivalgono. Gli zuccheri non raffinati, invece, hanno intossicato le api. Mentre eminenti medici che hanno sposato la saccarofobia sostengono, e molti ci credono, che lo zucchero raffinato è un veleno per l’uomo, mentre è molto più salutare lo zucchero non raffinato e scuro (che da che mondo e mondo si è sempre definito “sporco” ed, infatti, le api ce lo confermano; se poi è di canna diventa un elisir.

Ritornando alle nostre api sembra, però, che l’alimentazione con HFCS, pratica diffusasi molto, renda gli insetti molto più sensibili e meno preparati a sopportare le malattie e soprattutto a sopportare le intossicazioni, da cui le api, è notorio, hanno capacità naturali per difendersi. Il fenomeno del collasso degli alveari non è una cosa nuova quindi l’inclemenza del tempo vi è sempre stata, oggigiorno forse è stata aggravata dal fatto che, sempre per motivi speculativi, si è cercato di sostituire o ibridare l’ape nostrana, la ligustica, con api regine importate perché si assicurava più produzione di miele, ma così facendo si sono importate malattie, che si sono dovute combattere con acaricidi immessi nell’alveare che non sono sicuramente dei ricostituenti. Tutto ciò ha di molto complicato rispetto a prima la tenuta e la cura che si deve dare agli alveari e quindi chi ha perso le conoscenze delle condizioni mutate e non ha affinato i controlli è soggetto a vedersi in primavera alveari con popolazioni dimezzate.

E’ evidente che questi non riconosceranno mai le loro colpe e quindi devono trovare capri espiatori ed hanno creduto opportuno incolpare le nuove pratiche agricole, che occorre dire hanno risolto egregiamente gli inconvenienti dovuti ad emergenze insufficienti del numero di semi seminati nei coltivi. Se poi si tiene conto del costo delle sementi, ormai tutte le semine sono diventate di precisione, vale a dire si usa un numero di semi letteralmente contato (ormai le confezioni delle sementi commerciali non sono più vendute a peso, bensì a numero di semi contenuti in ogni confezione) e quindi gli investimenti ottimali si ottengono solo proteggendo alla perfezione le semine ed una protezione efficace la si è trovata con l’uso di sementi disinfettate alla produzione, che tra l’altro hanno sostituito le disinfezione generalizzata del terreno con prodotti molto più pericolosi. Quando si usava gammesano distribuito con lo spandiconcime e con fall-out di polveri incontrollato nessun apicoltore si lamentava.
Invece ora l’allarme di apicoltori troppo speculativi e poco capaci ha trovato massimo ascolto nelle associazioni apicole (tutte votate all’ambientalismo radicale) e, per giunta con una inadeguata, a mio avviso, reazione (o quasi silenzio altamente sospettabile) delle ditte produttrici dei principi attivi incolpati.

PER ME GATTA CI COVA!!!!

Nella categoria: News, OGM & Ambiente, OGM & Mondo

La corsa degli OGM continua inarrestabile

Febbraio 25th, 2013
Post2PDF Versione PDF | 3 Comments

Mappa coltivazioni OGM

Mappa coltivazioni OGM

Nell’ultimo rapporto ISAAA ancora numeri di grande crescita delle superfici e del gradimento degli OGM nel mondo.
Per la prima volta dall’introduzione degli OGM i Paesi in via di sviluppo superano i Paesi sviluppati per numero di ettari coltivati con OGM.

Ancora 17 milioni di nuovi ettari coltivati ad OGM nel mondo. Come se molto più di tutta la superficie agricola dell’intera Italia si fosse aggiunta alle superfici coltivate con OGM solo 12 mesi fa. Ancora una volta la superficie media per campo OGM nel mondo resta sotto i 10 ettari, dimostrando che è una tecnologia anche per piccoli proprietari, ma non per coloro che hanno piccole capacità di visione.

Il Brasile continua la corsa agli OGM e raggiunge i 36 milioni di ettari ad OGM, secondo stato al mondo per superficie coltivata.
L’India aumenta gli ettari coltivati a cotone ed aumenta la percentuale di questi coltivati a cotone OGM: 93%. Quindi o Vandana Shiva ha ragione e l’India sta per suicidarsi in massa oppure è l’attivista indiana a non sapere cosa accade in quello che era il suo paese.

Aumentano del 13% le coltivazioni di OGM in Europa con in testa la Spagna che è arrivata al 30% di uso di mais OGM.

Arrivano nuovi Paesi coltivatori di OGM, tra questi il Sudan e Cuba che coltiva 3000 ettari del SUO mais OGM per un programma di abbattimento dell’uso dei pesticidi

In a landmark event Cuba joined the group of countries planting biotech crops in 2012. For the first time, farmers in Cuba grew 3,000 hectares of hybrid Bt maize in a “regulated commercialization” initiative in which farmers seek permission to grow biotech maize commercially. The initiative is part of an ecologically sustainable pesticide-free program featuring biotech maize hybrids and mycorrhizal additives. The Bt maize, with resistance to the major pest, fall armyworm, was developed by the Havana-based Institute for Genetic Engineering and Biotechnology (CIGB).

Oramai l’81% sia della soia che del cotone mondiale sono OGM ed anche il trend del mais OGM è in costante aumento: il 35% del mais mondiale è OGM. La siccità ha colpito anche gli USA sul 55% del suo miliardo di ettari coltivati. Le perdite per la scarsa qualità di soia e mais sono state ingenti. La stima è che solo per la siccità in Texas il mais abbia subito perdite nel 2011 di 7,6 miliardi di dollari e questa cifra sarà ancora superiore per i valori del mais 2012. Non sorprende quindi il lancio nel 2013 del primo mais OGM resistente alla carenza d’acqua: ne vedremo l’efficacia e la produttività.

Nella categoria: News, OGM & Economia, OGM & Mondo