Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-settings.php on line 512 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-settings.php on line 527 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-settings.php on line 534 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-settings.php on line 570 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-includes/cache.php on line 103 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-includes/query.php on line 61 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-includes/theme.php on line 1109 Deprecated: Call-time pass-by-reference has been deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-content/plugins/newsletter/plugin.php on line 910 Deprecated: Call-time pass-by-reference has been deprecated in /web/htdocs/www.salmone.org/home/wp-content/plugins/newsletter/plugin.php on line 910 OGM & Ricerca | Salmone.org

Accademie e Federazioni scrivono ai decisori politici

Gennaio 24th, 2014
Post2PDF Versione PDF | 5 Comments

precision_farming_remote_sensing Anche il 2014 si apre con un documento firmato dalla stragrande maggioranza della comunità scientifica di questo Paese che insiste a chiedere di essere ascoltata da un potere politico che si fa influenzare da documenti sciatti e basati su allusioni, invece di documentarsi in maniera approfondita e professionistica. Ancora una volta le grandi organizzazioni scientifiche chiedono ai politici di documentarsi presso gli scienziati prima di fare scelte politiche di grande rilevanza per il futuro del Paese.
Trovate le premesse a questo nuovo documento qui: http://www.salmone.org/presidenti-dei-consigli-regionali-contro-og/

Leggi Conoscere per legiferare sugli OGM

Nella categoria: News, OGM & Politica, OGM & Ricerca

Ferruccio Ritossa è volato via

Gennaio 11th, 2014
Post2PDF Versione PDF | 15 Comments

Aggiornato dopo la pubblicazione iniziale il 23/01/2014
È uscito sul Sole 24 Ore un articolo dedicato alla scomparsa di Ferruccio Ritossa.

Non molti lo conoscevano tra i non scienziati, ma era uno dei grandissimi padri della Genetica Italiana, tra i suoi allievi diretti e devoti Edoardo Boncinelli. Appassionato sostenitore degli OGM ed attivo a modo suo per quanto gli consentiva la malattia (Parkinson) che gli aveva distrutto il fisico ma non la testa. Molto istruttivi i suoi commenti su alcuni attuali docenti di genetica che erano stati suoi studenti e lui, come molti di noi, considerava non all’altezza della carica (come si capiva anche quando erano giovani).

imgres

thesculptoras-sculpture72 rec

Nelle prima foto Ferruccio nel 1962 al microscopio mentre scopre il fenomeno dell’heat schock (un fenomeno che inspiegabilmente non gli e’ valso il Nobel). Una sua foto recente con alle spalle una delle sue opere di scultore di marmo ed ulivo, la sua attività degli ultimi 20 anni. Una foto di una doppia elica stilizzata del DNA in ulivo. Il testo della prima pagina di un articolo scientifico del 2012 in cui si celebra Ferruccio a 50 anni dalla scoperta del fenomeno dell’attivazione genica in risposta a shock termico.

Tutte da leggere le sue brevi note bibliografiche che ci richiamano tanti aspetti per cui ci manca molto: il padre buttato in foiba, la laurea in agraria e la tesi sulle api. Grazie Ferruccio.

Ferruccio Ritossa nasce a Pinguente (Pola) il 25 febbraio 1936 da padre macellaio e madre insegnante. Il padre italiano viene buttato in foiba nel 1944 e la madre fugge dall’Istria portando con se i tre figli di 12, 8 e 6 anni, Ferruccio è il secondo. La famiglia scampa alla guerra finendo a Pesaro dove Ferruccio va in un Istituto per vittime di guerra e poi studia come perito agrario. Nel 1954 frequenta all’Università di Bologna la Facoltà di agraria, dove si laurea con lode nel 1958 con una tesi sulle api. Nel ‘59 vince una borsa di studio per lavorare a Pavia dove è direttore Buzzati Traverso e dopo due anni a Pavia viene assunto nel CNR. Nel 1960 si sposa ed avrà tre figli. Nel 1962 inizia a lavorare all’LIGB di Napoli appena fondato da Adriano Buzzati Traverso con i gruppi di ricerca di Calef, Guerrini, Graziosi e subito dimostra il fenomeno dell’heat shock in Drosophila mostrando che i puff che si osservano al microscopio incorporano uridina e quindi sono accumuli di RNA.
Va negli Stati Uniti nel 1963 a lavorare sull’ibridazione in situ e poi va da Sol Spiegelman e Kim Atwood dove due mesi dopo descrive la correlazione tra organizzatori nucleolari ed rRNA. Torna poi all’IGB e nel 1969 inizia una scuola di Drosophila con numerosi allievi (Boncinelli, Graziani, Polito, Malva, e poi Furia, Gargano e La Mantia) dove vengono caratterizzati vari mutanti di Drosophila tra cui i mutanti bobbed e descritta la magnificazione. Su indicazione di Giuliana Boera, nel 1970 prende la libera docenza in Genetica ed inizierà a Bari una nuova scuola con vari allievi (Bozzetti, Caizzi, Caggese, Palumbo, Barsanti) per poi prendere la cattedra in Genetica. Si trasferisce a Bologna nel 1984 e nel 1990, stanco dei meccanismi universitari, decide di abbandonare l’Università e va in pensione. Dal 1992 diventa scultore utilizzando moltissimi materiali tra cui marmo ed ulivo, oltre che bronzo, alabastro, rame e terracotta. Ottiene il terzo posto assoluto al premio di scultura città di Limena (Padova) nel 2010.

cimitero-ritossa montecalderaro-riposa-ritossa

A Montecalderaro frazione di Castel S. Pietro riposa Ferruccio Ritossa. Domenica 19 gennaio potrebbe uscire una breve nota su Ferruccio sull’inserto Domenicale del Sole 24 ore.

img-20140115-00903

Nella categoria: News, OGM & Ricerca

Cosa c’entra il Ministro dell’Agricoltura nazista con Expo 2015: ce lo spiega Elio Cadelo

Dicembre 27th, 2013
Post2PDF Versione PDF | 1 Comment

Suolo e Sangue è una brutta storia di orgoglio nazionalistico di una Europa che speriamo sia tramontata per sempre e che veda invece un continente che sia aperto e desideroso di innovarsi e proiettarsi verso un migliore futuro.

Leggi il rischio è demonizzare l’innovazione.

Nella categoria: News, OGM & Luoghi comuni, OGM & Ricerca

Le armi della disinformazione di massa

Dicembre 13th, 2013
Post2PDF Versione PDF | 13 Comments

topo Danilo Taino (leggi Taino.pdf), non molla e dimostra di saper mettere in fila, dati, documenti, analisi. Le armi della disinformazione sono le solite come fare una affermazione che poi si rivela inconsistente e sapere che nessuno te la farà poi pagare. Tanto per non mandarla a dire fate un giochino: chi dei due intervistati qui sotto aveva ragione (leggi Panorama.pdf)?
Questo è parte del testo di ritrattazione della rivista (che non nomino) che aveva pubblicato l’articolo di Seralini e Manuela Malatesta:

However, there is a legitimate cause for concern regarding both the number of animals in each study group and the particular strain selected. The low number of animals had been identified as a cause for concern during the initial review process, but the peer review decision ultimately weighed that the work still had merit despite this limitation. A more in-depth look at the raw data revealed that no definitive conclusions can be reached with this small sample size regarding the role of either NK603 or glyphosate in regards to overall mortality or tumor incidence. Given the known high incidence of tumors in the Sprague-Dawley rat, normal variability cannot be excluded as the cause of the higher mortality and incidence observed in the treated groups.

Nella categoria: News, OGM & Media, OGM & Ricerca

Qualcuno si è comportato correttamente nella vicenda Seralini

Dicembre 6th, 2013
Post2PDF Versione PDF | 13 Comments

Anche il Corriere si accorge della ritrattazione e cerca di distribuire le colpe di quanto successo. Nulla da dire sulle colpe attribuite ai due principali colpevoli della vicenda: la rivista FCT (che non nomino per non farle pubblicità anche solo indiretta) e l’autore dello ricerca (idem).

Ma forse manca qualcuno all’analisi di questa lista di recriminazioni postume: che dire di Nouvelle Observateur? per caso ha pubblicato una seconda copertina in cui diceva che quella del settembre 2012 era poggiata su una sabbia mobile? E che dire di Auchan e Carrefour: hanno per caso fatto causa per danni d’immagine all’incauto sperimentatore?

Ma non basta, l’articolo appare su un quotidiano italiano: che dire della coautrice Manuela Malatesta, non nuova a questo tipo di successi letterari come ricorda una nota del Joint Research Centre di ISPRA (http://ec.europa.eu/dgs/jrc/downloads/jrc_reference_report_2008_11_healthstrategy_gmos.pdf )
Ecco cosa ne pensa il JRC dei vari articoli pubblicati dalla Prof. Malatesta:
A group of researchers has also published various studies on the ultrastructure of cells of various organs (liver, spleen, testes) of mice fed glyphosate- resistant soybean for up to eight months [Vecchio et al., 2004, and references therein]. Whilst these authors note that the nucleus and other organelles may show changes depending on the diet, the cause of these changes has not been established. In addition, the origin of the GM soybean is not specified in detail and the model employed is not routinely used in toxicity testing.

Ed infine che dire del Prof. Buiatti che si è fatto garante della bontà dell’intera istituzione e dei dati prodotti?

Leggi il “duello Buiatti VS Defez

Nella categoria: News, OGM & Agricoltura italiana, OGM & Ricerca