Coldiretti: vendiamo OGM nei nostri consorzi

27 Set 2013
Post2PDF Versione PDF

struzzo-italia-ogm Ancora un piccolo tassello si aggiunge al mosaico con la pubblicazione delle fatture di Fidenato che dimostrano la vendita di mangimi OGM nel consorzio agrario del Friuli. Le parole del responsabile regionale confermano tutto, senza che il presidente di Coldiretti FVG discuta dei problemi legati all’uso di pesticidi, necessari quando si vietano le varietà Bt.

Leggi l’articolo sulle fatture che dimostrano la presenza di OGM sul mercato italiano

3 commenti al post: “Coldiretti: vendiamo OGM nei nostri consorzi”

  1. marco pastiNo Gravatar scrive:

    La fattura emessa dal consorzio agrario di Udine non è neppure in regola con il regolamento sull’ettichettatura degli OGM giacchè manca il codice unico di identificazione: in pratica leggendo non è dato sapere che tipo di soia ogm contenga quel mangime cosa che invece deve essere indicata.

  2. FrancescoPDNo Gravatar scrive:

    Ogm: il vantaggio competitivo del mais brasiliano

    «Gli gricoltori brasiliani godono di un aumento delle rese del 3% all’anno grazie al miglioramento genetico delle colture gm. E’ un vantaggio competitivo rispetto ai colleghi europei che non possono utlizzare semi gm». A dirlo è Cristoph Wigger, vicepresidente Vendite e Marketing di Deere & Company, durante la global press conference di Basf Crop protection in corso oggi a Limburgerhof (Germania).

    fonte: http://www.informatoreagrario.it/ita/News/scheda.asp?ID=1733

    Qualcuno glielo dice a Marini,… e ne può chiedere conto?

  3. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    Francesco

    Bisogna anche spiegare ai maisicoltori “agnostici” che quel 3% non è dovuto alla modifica genetica, o perlomeno in minima parte, ma al contributo di selezione genetica che vien apportato alle varietà di mais destinate all’ingegnerizzazione.

    Quindi per i nostri maisicoltori si prospetta il pericolo di non poter vendere la produzione per contenuti di micotossine troppo elevati, ma soprattutto quello di ricevere varietà sempre meno performanti e di continuare a pagarle come se fossero le migliori.

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Agricoltura italiana

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…