Contro gli OGM senza se e senza ma.

09 Apr 2010
Post2PDF Versione PDF

Tra i maggiori esponenti di chi avversa gli OGM in tutte le sue forme spicca la figura di Pietro Perrino, che in questo saggio elenca tutte le ragioni di opporsi agli OGM e la gran parte dei pericoli che derivano dall’uso e peggio dal consumo degli OGM.
Si tratta di un utile compendio delle ragioni e delle evidenze sperimentali di chi avversa gli OGM che viene pubblicato dalla rivista telematica del Ministero delle politiche agricole.

Leggi contro-OGM-pietro-perrino

8 commenti al post: “Contro gli OGM senza se e senza ma.”

  1. Biotecnologie: Basta Bugie!No Gravatar scrive:

    Ok, il mondo è pieno di persone di dubbia caratura (scientifica se non altro), Perrino è uno di questi… capisco che non sia carino pigliarlo a pesci in faccia per tutte le vaccate che spara, ma almeno un commentino sul fatto che non porta alcuna “evidenza sperimentale” di ciò che dice però potevate farlo.

  2. Bestia BugblattaNo Gravatar scrive:

    Penso che il commento all’articolo di Perrino sia sarcastico, vero?

  3. roberto defezNo Gravatar scrive:

    L’assenza di un commento scientifico alle asserzioni di Perrino e’ che io nego che siano delle asserzioni scientifiche. Ritengo che il miglior commento sia il non commento.
    La mia valutazione, forse erronea, e’ che se qualcuno crede a queste affermazioni questa persona non potra’ mai accettare un discorso tecnico per pre-giudizio.

    Pubblicarlo e’ un modo per mostrare di non averne paura ed anche per dare voce agli argomenti degli oppositori degli OGM che vengono qualificati come se fossero degli specialisti del settore. Ho anzi l’intenzione di trovare una analoga chicca dell’altro grande oppositore nostrano degli OGM tale Giuseppe Altieri, consulente di Report che ha toni e tesi non dissimili da quelle di Perrino, ma comunque originali.

    La mia valutazione, ma se non e’ la vostra mi fa piacere dibatterne, non e’ l’opinione di Perrino o Altieri, che sono liberissimi di dire e fare quello che vogliono, anzi trovo interessante e quasi rassicurante leggere simili opinioni, mi rassicurano di essere altro da loro.
    Il problema e’ che durante la campagna elettorale delle regionali, tutta la dirigenza pugliese bipartizan (Nichi Vendola, Rocco Palese e Raffaele Fitto) hanno usato questi signori come consulenti sulla materia degli OGM:
    http://www.iltaccoditalia.info/sito/index-a.asp?id=9574

    I due schieramenti in campo hanno scelto Perrino e Altieri (sopratutto), ma non l’attuale presidente della SIGA Blanco, barese, o il past-president Stanca, leccese. Non hanno deciso di confrontarsi con una altro ex-direttore di Istituti di ricerca ed universitari baresi come Gian Tommaso Scarascia Mugnozza, che invece di stare in pensione come Perrino ricopre la trasscurabile carica di Presidente dell’Accademia delle Scienze. Il problema che i politici eleggono a loro consulenti rappresentanti che dicano quello che loro vogliono sentire mentre la comunita’ scientifica di questo Paese non sa organizzarsi per essere significativa nel dibattito pubblico.
    Il problema non sono le tesi di Perrino o Altieri, il problema siamo noi (come comunita’ scientifica) che stiamo demolendo la speranza di intere generazioni di giovani scienziati con atteggiamenti campalinistici e miopi, il problema e’ la nostra complicita’ con un sistema politico basato sulla cooptazione a cui la nostra fragile moralita’ cede al primo squillo di telefono, il problema e’ che noi siamo oggi la classe dirigente di questo Paese che non si rende conto di quanto sia complice del disastro culturale di questo Paese e di come stia ipotecando in maniera negativa il futuro di questo Paese.

  4. franco mistrettaNo Gravatar scrive:

    Il problema è che la sinistra in questo campo si sta rivelando stupida, ignorante, ideologica, inseguitrice di pregiudizi, retoricamente umanista; e anche quando capisce qualcosa si chiede immediatamente se esponendosi rischia di perdere qualche consenso. Naturalmente con questi atteggiamenti continua a perdere altri consensi. Tuttavia, giusto per amore di verità, è giunto il momento di aprire una grande battaglia culturale proprio dentro questa cosiddetta sinistra.

  5. francoNo Gravatar scrive:

    Ho letto con vero divertimento le stravaganze del dr. Perrino. Se fosse vero ciò che dice, tutto e tutti sarebbero già contaminati da OGM e il problema non si porrebbe più!

  6. Bestia BugblattaNo Gravatar scrive:

    Il mio intervento era solo per tranquillizzare BBB, che mi sembrava(no) preoccupato (i). Io ho capito che il senso della frase:
    “Si tratta di un utile compendio delle ragioni e delle evidenze sperimentali di chi avversa gli OGM che viene pubblicato dalla rivista telematica del Ministero delle politiche agricole.”
    è:
    queste (baggianate*) sono le argomentazione che utilizzano gli anti-OGM per giustificare la loro avversione e, purtroppo, sono alla base delle decisioni del Mipaf contro la coltivazione in campo degli OGM in Italia.

    *baggianate è una mia licenza personale.

  7. franco nulliNo Gravatar scrive:

    Ma questo sig. Pietro Perrino è mai stato in un’Azienda agricola?Ha mai visto l’etichetta di uno dei tanti sacchi di semente di mais che utilizziamo in campagna? Sa chi sono i nostri fornitori? Sa che non seminiamo un chicco del mais dell’anno precedente se vogliamo produrre il mais? Ha idea di quanti litri /Ha di diserbanti e di quanto gasolio abbiamo bisogno per tenere pulita la nostra soia? sa che con 1,5/2,0 litri /Ha di glifosate eliminiamo questo problema? sa che il glifosate è un brevetto scaduto e se vuole lo può produrre anche lui e non solo la Monsanto che produce la soia RR? sa che in base alle sue catastrofiche “baggianate” saremmo già tutti al policlinico per la quantità di OGM che mangiamo tutti i giorni da almeno 10 anni anche nel Parmigiano Reggiano e nel prosciutto di Parma? Sa che con le sue affermazioni sta rischiando di distruggere un’intera economia agricola?
    Dovrebbero nascondersi personaggi di questo genere e tornare nelle caverne a vivere di caccia e pesca…
    Emarginiamoli dalla società civile e lasciamoli ai salotti radical-chic a disquisire di filosofia, ma non permettiamo loro di fomentare campagne di disinformazione che stanno distruggendo tutta la nostra economia agricola.

  8. Max Bianco 1No Gravatar scrive:

    L’Italia non ha bisogno di queste schifezze. I nostri antenati hanno già selezionato fruttiferi e ortaggi adatti ai diversi climi e suoli, anche in condizioni difficili, e ai patogeni locali. L’agricoltura ad alta diversità e non brevettata è l’unica concebile. Come l’unica economia immaginabile è quella ecocompatibile e tutto il resto è crimine contro la biosfera (ben più grave di quello contro lì’umanità). Non è questione di destra o sinistra ma di Vita contro Morte, di Biofilia contro Necrofilia. Meditate gente e cercate di avere un pensiero trascendente e olistico.

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Argomenti contro

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…