Dario Bressanini oggi (6 settembre 2010) sul Corriere della sera

06 Set 2010
Post2PDF Versione PDF

http://www.corriere.it/cronache/10_settembre_06/pomodori-pachino-bressanini_fbd1d00a-b994-11df-90df-00144f02aabe.shtml

1 commento al post: “Dario Bressanini oggi (6 settembre 2010) sul Corriere della sera”

  1. Vitangelo MagnificoNo Gravatar scrive:

    Ben detto e ben fatto! Quanto tempo dobbiamo ancora consumare per far capire che è l’innovazione -casuale e non- a creare i prodotti tipici? Pensate che, inizialmente, gli agricoltori di Pachino non videro di buon occhio il tipo ciliegino Naomi perchè produceva poco rispetto ai tradizonale Marmande a frutto grosso. Furono i consumatori a capire che c’era finalmente qualcosa di buono e saporito negli orti italiani dopo aver consumato tanti pomodori olandesi senza sapore. Nacque così il Pomodoro di Pachino nelle sue diverse tipologie e gli agricoltori si affrettarono a coltivarlo tutto l’anno, cosa possibile con ottimi risultati con i ciliegini, che nel periodo invernale-primaverile danno il meglio di sè per la completa colorazione dei frutti che contengono il massimo di vitamine, sali minerali, antossidanti, ecc. mentre in pieno campo e in pien’estate i frutti si scottano e perdono buona parte del valore nutrizionale e del sapore. Alla faccia degli ortaggi di stagione, che, nel caso specifico, spesso valgono molto meno!!!!!(vedere risultati di ricerche di INRAN, Progetto POM)
    Da segnalare, anche, che i produttori per aumentare la produzione (anche perchè i pomodori a Pachino subiscono una -benendetta!- riduzione anche di pezzatura) intervengono sulla pianta con particolari cimature e concimazioni e gestione dell’acqua, prevalentemente salmastra, che da fattore negativo diventò così una risorsa isostituibile. A completare il meraviglioso quadro ci pensano i terreni sabbiosi (che non fanno accumulare sale nel suolo) e la latitudine che permette il massimo di giornate con sole all’anno).
    Fu anche grazie a queste nuove introduzioni genetiche se negli anni novanta risollevammo le sorti dell’esportazione di pomodori italiani, che aumentò di dieci volte nel giro di pochi.
    Il modello Pachino, prima fu copiato -con alterne vicende- in altre italiane e poi in altre estere.
    Ultima osservazione: fa piacere sentire un Ministro dell’Agricoltura, Galan, dire cose che avremmo dovuto sapere da oltre un decennio se non da sempre! Purtroppo, la disinformazione -proprio sui prodotti tipici e di come vengono o sono stati ottenuti- ci ha fatto perdere tempo e…… mercati!
    Sarà il pensiero SLOW a fare questi danni?

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Agricoltura italiana

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…