Denominazione d’Origine (poco) Controllata

20 Feb 2013
Post2PDF Versione PDF

Il negoziato con gli USA si avvia su un binario morto. L’UE cerca di imporre denominazioni d’origine di prodotti ottenuti alimentando il parco zootecnico con vegetali prodotti negli USA. Siamo partiti bene per tenere aperto a lungo il negoziato. Tanto loro esportano a tutto spiano col dollaro sottovalutato e noi importiamo pagando con moneta pregiata. Già questo stallo è un buon accordo (per loro).

Leggi il negoziato tra USA e UE

1 commento al post: “Denominazione d’Origine (poco) Controllata”

  1. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    Il mio paradosso secondo il quale se continuiamo così diverrà più tipico il Reggianito argentino che il “parmigiano reggiano” forse fra poco non sarà più tale.

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Europa, OGM & Politica

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…