Dibattito online sugli OGM

29 Lug 2009
Post2PDF Versione PDF

Un dibattito on line tra il Prof Malagoli (Fondazione dei Diritti Genetici) e Roberto Defez al sito
http://www.temodir.it/faf.php?aid=16&enum=1

3 commenti al post: “Dibattito online sugli OGM”

  1. bacillusNo Gravatar scrive:

    In attesa che il dibattito riprenda, confesso che da Malagoli, come scienziato, mi aspettavo altro.
    L’affermazione che più mi ha destato sconcerto è quella in cui dice che “non si comprende perché mai dovrebbero accettare un alimento che presenta dei rischi (ho detto rischi, nessuno può dire che non è vero che aumentano i rischi) per la salute umana e per l’ambiente”.
    Rischi. Quali? In quale misura? Con quale impatto sull’ambiente e la salute dell’uomo? Sarebbe stato un argomento di fondamentale importanza su cui discutere, ma niente.
    Temo che egli sia un paladino di quel “principio di precauzione” che in ambito scientifico non ha alcun senso.
    Non è un bel vedere.

  2. bacillusNo Gravatar scrive:

    Chiedo subito scusa per questo mio intervento così “precipitoso”. Ma non posso trattenermi di esprimere la mia approvazione per il suo intervento in quel dibattito, prof. Defez. Ci sono argomenti nuovi e posizioni estremamente pragmatiche che meritano tutta l’attenzione. Dato che di fatto c’è un grande bisogno di conoscere le cose sotto questi punti di vista.
    Sì, perché non bastano tutte le argomentazioni scientifiche che sono state addotte fino ad ora su tema. Non basta la pratica pluriennale su milioni di ettari.
    Gli argomenti che lei ha esposto nel suo intervento odierno in quel dibattito sono da una parte di grande interesse scientifico, dall’altra danno voce ad un atteggiamento che senz’altro esiste ed è forte nel nostro paese, ma che vorremmo trovasse il suo giusto spazio. La “cultura” dominante però impone il silenzio su queste cose: prevale il comodo perseguimento di vere e proprie ideologie che semplificano tutto, che non obbligano ad un impegno intellettuale, che banalizzano la vera “natura” di una Natura la quale possiede la sua identità a prescindere da tutte le possibili interpretazioni che può darne l’uomo.
    La mia attività economica in campo agricolo in questo momento non prevede in concreto la possibilità di utilizzo di OGM. Non ho interessi particolari sul tema. Tuttavia ritengo si tratti di una questione fondamentale per il mondo agricolo del nostro paese, un mondo che si trova da anni in una crisi strutturale gravissima e per la quale non si trova alcuno spiraglio di uscita. Gli OGM non sono “La Soluzione”, certo che no. Ma il rifiuto di quella tecnologia è il paradigma perfetto di quello che non va: chiusura ideologica, mancanza di idee, rifiuto dell’innovazione. Un disastro.
    Grazie, professore, per la sua vicinanza a questo nostro mondo.

  3. alberto guidorziNo Gravatar scrive:

    I contenuti del post n° 10 del Prof. Malagoli è un tipico esempio di chi, non trovando altri argomenti, fa l’offeso e pone termine al confronto.
    Egli si trincera poi dietro a qull’80% che a suo dire è contrario agli OGM, come se appartenere alla maggioranza fosse sinonimo di avere ragione. Copernico aveva contro il 100% delle opinioni eppure aveva ragione lui!

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Media

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…