Ecco cos’hanno copiato gli italiani

28 Lug 2013
Post2PDF Versione PDF

alberto_guidorzidI Alberto Guidorzi

Qui di seguito il contenuto di un’intervista fatta a Marcel Kuntz dalla rivista Agriculture & Environnement su quanto da lui pubblicato su Nature Biotechnology in merito al documento usato da Sarkosy nel 2012 per invocare la Clausola di Salvaguardia verso il MON 810. Infatti l’intervistato ha fatto un’analisi scientifica del documento presentato e che noi italiani acriticamente abbiamo copiato di sana pianta.

Domanda:

Voi avete pubblicato un’analisi degli argomenti « scientifici » che sono serviti per giustificare  l’interdizione della coltivazione del MON 810 di Monsanto. Quali sono le vostre conclusioni?

Risposta:

Al fine di prolungare la proibizione a coltivare questo mais protetto contro la piralide e la sesamia sp, la Francia, prima delle semine 2012, ha inviato alla Commissione Europea una nota relativa alla necessità di decidere  delle misure di urgenza e per questo di proibire le semine. La nota rimarcava gli effetti  ambientali negativi della coltivazione ed indicava due ordini di effetti: 1° un danno collaterale  su delle specie di artropodi non bersaglio della tossina emessa dal mais; 2°  la comparsa di resistenze al principio attivo del mais OGM e quindi il sopravvento di parassiti secondari. Prima di tutto i rilievi del punto 2° riguardano la buona gestione del rischio, fatto che non può determinare  l’esigenza di misure d’urgenza per pericoli immediati, Pertanto noi abbiamo dimostrato che la misura d’urgenza non contiene elementi nuovi, ma soprattutto che si deformano dei fatti scientifici

Domanda:

Lei vuol dire che hanno falsificato dei dati scientifici? Su quali base lei fonda questa affermazione.

Risposta :

Non sono affermazioni, ma dei fatti. Ecco alcuni esempi citati nel nostro articolo. Hanno stravolto un parare dell’AESA, cosa consultabile su Internet (Ndt vedi nuove linee direttrici di valutazione). Infatti il documento redatto dai francesi sottolinea che l’AESA afferma “vi possono essere rischi ambientali legati alle coltivazioni degli OGM”, mentre nel documento dell’AESA si dice che se si sottopone la gestione dei rischi a misure appropriate è  improbabile che  il mais Bt 11 e dunque  anche il MON 810 (ndt che ha lo stesso tratto genetico modificato) possa produrre effetti ulteriori per l’ambiente rispetto al mais convenzionale. Sempre il documento francese cita uno studio di Chambers et al. che mette in evidenza degli effetti negativi sulla crescita di certi organismi acquatici della famiglia dei Tricopteri. Ma essi dimenticano di citare il successivo paragrafo che dice i nostri risultati in situ non confermano i nostri risultati ottenuti in laboratorio. In altri termini gli effetti esistono solo in ambiente confinato e non nel luogo della dove vivono. Dato che il documento francese abbonda di citazione scientifiche si e voluto sentire il parere  interpellando personalmente questi autori e le loro risposte sono senza appello: “E’ inappropriato citare le nostre ricerche per giustificare l’interdizione del MON 810 o ogni altro mais Bt” ha detto Fugneng Huang professore al dipartimento di entomologia  dell’università della Luisiana. “Il riferimento al nostro articolo (Meissle et alt.) come prova di un’epidemia di distruttori secondari  nel mais Bt e scorretto” ha risposto  un coautore, dell’articolo Jorg Romeis.

La metanalisi di Naranjo del 2009 include 84 studi sulla tossina Cry1Ab pura o prodotta da dei mais Bt; interpellato, ci ha scritto cosi: “non so da dove vengono le cifre citate io non ho mai dettagliato il numero di studi per ogni coltivazione, in quanto la metanalisi aveva come scopo di esaminare le tendenze generali globali”. In realtà  vi era un totale di 64 studi in laboratorio sull’impatto del Cry1Ab, di cui 50 sul mais, 3 sul riso e 11 in cui si e usata la proteina pura”. Mentre la nota francese  afferma di averne ricavato che: “l’abbondanza degli invertebrati non bersaglio e globalmente più importante nelle parcelle di mais convenzionale non trattate con insetticidi che nelle parcelle di mais MON 810″; il prof Naranjo ha ribattuto che: “Non e vero. La figura 4 della mia analisi mostra che solo i parassitoidi sono considerevolmente  ridotti nel mais Bt, rispetto al mais non Bt e non trattato con insetticidi. L’uso di insetticidi nel mais Bt incide sulla maggior parte dei gruppi d’animali rispetto al mais Bt e non trattato”.

Ma la lista e ancora lunga e la soperchieria e stata resa possibile  aggirando l’ostacolo dell’Alto Consiglio delle Biotecnologie, non istituito nel 2008, ma ben presente nel 2012 (Ndt vi e una lettera molto indignata scritta e pubblicata dell’HCB per ribadire che era inutile creare un organismo di tal genere e poi snobbarlo)

In realtà al momento della redazione del documento, che cerca di trovare a posteriori delle giustificazioni poi vendute per scientifiche, ma che sono solo di stampo politico, il Comitato scientifico dell’HCB non e stato consultato.

Dulcis in fundo, questo documento e anonimo e da quando detto sopra se ne comprende il perche!

Domanda

Quali conclusioni ne traete?

Tutto ciò e desolante! Anche se si considera che l’Italia ha voluto anche lei giustificare una decisione politica simile e non ha trovato niente di meglio che tradurre parola per parola il testo francese. Ciò ci permette di affermare, purtroppo, che delle pratiche, che si fanno un baffo, dei principi etici e della deontologia scientifica stanno divenendo una norma europea.

9 commenti al post: “Ecco cos’hanno copiato gli italiani”

  1. Roberto MattioliNo Gravatar scrive:

    GRAZIE ALBERTO DELLE PREZIOSE INFORMAZIONI…

  2. LaniceNo Gravatar scrive:

    Il link sulla parola “evidenza” mi riporta alla home di Salmone.
    Quali sono i presunti effetti sui tricotteri?

  3. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    Roberto

    Se vuoi saperne di più:

    http://www.marcel-kuntz-ogm.fr/article-menace-science-118438427.html

    http://www.marcel-kuntz-ogm.fr/article-who-wrote-it-118716174.html

  4. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    ra lettura per me interessante.

    http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/biot.201300188/pdf

  5. roberto defezNo Gravatar scrive:

    La vicenda Francese ha due ulteriori novità entrambi conseguenza delle vicende Seralini:

    http://www.acrimed.org/article4063.html

    http://www.developpement-durable.gouv.fr/IMG/pdf/APR__Risk_OGM_rel_pbch_pbj_rs2.pdf

  6. FrancescoPDNo Gravatar scrive:

    A proposito di Francia, mi permetto di segnalare l’ennesimo scempio al buon senso prima ed alla scienza poi, senza contare il rispetto per il lavoro di tanta gante per bene durata anni e anni (ricordiamo Francesco Sala per il lavoro sui pioppi ogm….)
    Università la Tuscia la vendetta in salsa d’oltralpe
    I Capanna crescono vedo…. nel delirio della massa che applaude, certo che anche li hanno delle belle teste…
    http://www.greenplanet.net/bloccata-francia-lultima-coltivazione-ogm

  7. FrancescoPDNo Gravatar scrive:

    SEGNALO ottima intervista sul S24O di Guidi Confagricoltura (dopo cassazione francese e decreto copia incolla italiano)

  8. FrancescoPDNo Gravatar scrive:

    Sorry mancava il link
    http://www.confagricoltura.it/ita/comunicazioni_news/anno-2013/l-italia-cosi-perde-il-treno-ogm.php

  9. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    Francesco PD

    Ottima la lettera, ma si deve fare di più, come la Coldiretti non manca di controbattere ogni iniziativa Pro-OGM, così deve fare la Confagricoltura. Perchè non ha sposato il caso Fidenato per far in modo di renderlo costruttivo e non solo una sfida?.

    Il mais legalmente seminato da Fidenato e l’epoca di semina rappresentavano un isolamento perfetto di un campo OGM e quindi la possibilità di di avere una “palestra” dove una commissione di scienziati, anche pro e contro assieme, potevano eseguire rilevazioni molto utili per una prima informazione dell’opinione pubblica, che è totalmente fuorviata dai soli messaggi contro che le arrivano. I messaggi pro ce li raccontiamo tra di noi, o rincorrendo le involuzioni dialettiche di un OGM bb, che probabilmente trova tornaconto a ricercare ragionamenti illogici e non fondati su dati scientifici.

    Io non posso fare opinione perchè sono un signor nessuno. Per darti un esempio, ho tenuto una conferenza a Sermide propedeutica alle trasformazioni genetiche e sulle moderne tecniche di biologia cellulare molecolare, parlando anche di controlli e di prospettive. La conferenza ha avuto un buon successo, e molte persone provenienti da altri paesi mi hanno chiesto se ero disponibile a ripetere la conferenza anche da loro. Ho dato la mia disponibilità totale e gratuita, ma il risultato è stato che partiti politici e movimenti del No, hanno bocciato l’iniziativa dicendo che la “gente aveva già scelto”

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Agricoltura italiana, OGM & Europa

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…