La farina del sacco sbagliato

22 Feb 2013
Post2PDF Versione PDF

imgres1L’enorme mercato delle farine animali non si era mai fermato nonostante l’indice puntato su di loro da 12 anni (in Italia), da almeno 20 nel Regno Unito e da oltre 30 sui giornali scientifici di tutto il mondo. Ora prendono nuovo vigore con delle liberalizzazioni progressive ben illustrate da Alberto Guidorzi. Certo viene da pensare che al posto di preoccuparsi di OGM sicuri potrebbero preoccuparsi dei rischi veri dell’uso di farine animali… Ed invece non sorprende nemmeno il gioco delle tre carte dei deputati francesi che votano, si pentono, criticano ed approvano allo stesso tempo.

Ma inutile ragionare sui retroscena: prendiamoli in parola e aiutiamoli nella loro battaglia. Josè Bovè vuole che si etichettino le carni di animali nutriti con farine animali: pienamente d’accordo! siamo pronti a lanciare una raccolta di firme. Solo aggiungerei che vorrei la stessa etichetta sulle PIANTE NUTRITE CON FARINE ANIMALI (per i pochi che ancora non lo sapessero stiamo parlando di una cospicua parte delle produzioni biologiche), ed allora lì forse ci perderemmo la zavorra delle signore e dei signori eurodeputati francesi.

Leggi farine animali e Soia OGM nei mangimi

1 commento al post: “La farina del sacco sbagliato”

  1. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    Roberto

    Fai conoscere come hanno votato certi noti NO-OGM italiani e francesi.

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Insicurezza alimentare, OGM & Soia

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…