FDG scrive a Catania, Balduzzi e Clini, ma si dimentica di Vittorio Grilli

20 Mar 2013
Post2PDF Versione PDF

La Fondazione dei diritti genetici chiede ai tre ministri la promulgazione della clausola di salvaguardia includendo se stessa tra le istituzioni che dispongono di “una vasta letteratura scientifica” atta a risolvere il problema.

L’emergenza nasce dalla notizia che il Signor Leonardo Facco avrebbe acquistato semi di mais OGM sufficienti a piantare 32000 ettari e sarebbe pronto a consegnarli a chiunque facesse richiesta (qualcuno dice gratuitamente, ma non è chiaro).

Manca di tutta evidenza una analoga richiesta al Ministro Grilli che in quanto titolare dell’Economia dispone di modernissima macchinetta calcolatrice.

I numeri sono questi: i semi di mais tradizionale sufficienti per piantare un ettaro costano circa 260 euro. Quelli di mais OGM del tipo Mon810 circa 300 euro. Dai calcoli approfonditi elaborati da salmone, sembra che la cifra necessaria per acquistare 2 miliardi e 600 milioni di semi necessari a coltivare i 32mila ettari è di 9,6 milioni di euro. Quindi esisterebbe un signore che ha investito 9,6 milioni di euro nello scorso mese di settembre scommettendo di rientrare in questo mese del suo investimento. Ci permettiamo di sollevare qualche dubbio sulla possibilità che il signor Facco abbia investito somme anche solo lontanamente comparabili a quella proposta.
C’è anche un altro dubbio che ci assale. Se i semi erano già pronti il 28 settembre forse non sono i semi buoni per il nostro emisfero, ossia da piantare ad aprile, ma forse il distratto signor Facco ha comprato i semi buoni da piantare a settembre, appunto, nell’altro emisfero. Se così fosse forse dovremo lanciare una colletta per pagare il riscaldamento alla famiglia del Sig. Facco.

Leggi articolo del Manifesto

21 commenti al post: “FDG scrive a Catania, Balduzzi e Clini, ma si dimentica di Vittorio Grilli”

  1. Franco nulliNo Gravatar scrive:

    Confesso! Ho comprato io tutti i semi.
    Ho deciso di seminarli a 0,2 cm sulla fila con un’interfila di 8 cm.
    Sono scientificamente certo di poter produrre 8.500 Ton di granella secca/Ha.
    Sono anche certo (ho evidenze scientifiche certificate dalla Associazione Pedemontana della Bassa valle del Sellore che l’umidità alla raccolta non sarà superiore al 12,5 % e pertanto non dovró spendere un Euro per essiccazione.
    Rimango in attesa di un plauso del FAO e di una visita del neo Presidente della Camera dei Deputati per poter devolvere parte del mio raccolto alle popolazioni del Sudan.

    Cordialmente

    franco

  2. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    Il buon Capanna dovrebbe sapere che i Francesi è da tre anni che cercano un lavoro scientifico che gli permetta di invocare la clausola di salvaguardia e vedersela accettata. Eppure non l’hanno ancora trovato ed io devo credere che Capanna, che non sa di genetica e nemmeno di agricoltura, ha scovato un articolo scientifico del genere e per di più passato completamente sotto silenzio fino ad ora? Ma mi faccia un piacere direbbe Totò!

  3. Roberto DefezNo Gravatar scrive:

    Ho avuto un passaggio oltre un anno fa da Leonardo Facco, persona deliziosa. La sua automobile era come la mia, di seconda mano ed in condizioni poco invidiabili. Per buona parte del viaggio abbiamo discusso dei costi del riscaldamento domestico che ci leva parte importante dei nostri bilanci familiari.
    Pensare che ha speso 10 milioni di euro per qualunque ragione, anche solo per essere l’unico a poter rivendere in Italia degli iPhone5 è una battuta da chi ama i paradossi.
    Mi fa pensare a quell’esperto di comunicazione che trenta anni fa aveva fatto credere a mezza Italia che a Napoli siu vendevano delle magliette bianche con disegnata sopra la banda nera delle cinture di sicurezza. Così i napoletani avrebbero aggirato l’obbligo delle cinture di sicurezza allora introdotte come obbligatorie. Si trattava di un esperimento di sociologia per dimostrare come ognuno di noi ha degli stereotipi in testa che gli fanno credere a notizie false come quella. Il pregiudizio era, e forse è ancora, che i napoletani sono geniali ed indisciplinati. Cose forse vere in parte, ma che non giustificano la conclusione sulle magliette con banda nera.
    Qui siamo di fronte ad un caso analogo, anche se non ci sono gli intenti di analisi sociologica e di percezione pubblica che spingenao 30 anni fa all’esperimento sulle false cinture di sicurezza.

  4. VitangeloNo Gravatar scrive:

    …..certo che ci vuole tanto coraggio a comprare una partita di semi OGM di quella portata in una nazione che potrebbe avere Grillo a Capo del Governo o alleato imponitore e Petrini Ministro dell’Agricoltura! Se ciò avviene, come è molto probabile, è meglio non parlare più di ricerca in agricoltura e non solo di ingegneria genentica per molti anni. Io sono in pensione e quindi sistemato; ma gli altri?

  5. FrancescoPDNo Gravatar scrive:

    @alberto Penso che Capanna gli si possa dire di tutto tranne che sia uno stupido. Sta facendo tutta questa manfrina sugli OGM ben consapevole che non si può attaccare a nessuno studio valido che dimostri la benchè minima pericolosità. Capanna è un abile mungitore della vacca Italia, con tutta questa manfrina porta a casa quattrini per la sua creatura diritti genetici, niente più, e tutta la plettola di pecore che lo segue applaude senza conoscenze scientifiche, a partire da quel ministro avvinghiato alle poltrone ed agli ambienti del ministero dell’agricoltura che da molte soddifazioni a burocrati di lungo corso (si è visto anche di recente).
    Non prevedo tempi lunghi prima che l’Italia abbia serissimi problemi di approvigionamento, fino ad ora tutto bene, finchè siamo stati sotto l’ala protettiva dell’euro e dell’europa, ma le cose come insegna la storia “possono” cambiare in fretta.
    Facciamo pure un’esercizio teorico, che domani mattina l’euro non ci sia più….. ma che bella sorpresa trovarci a comprare grano mais e altro a prezzi 4 o 10 volte superiori a quelli attuali in termini di potere d’acquisto….
    Non a caso i paesi con la più alta penetrazione di OGM sono i paesi in via di sviluppo, Brasile, India, Cina Sudafrica etc.
    Vedrete che un giorno non molto lontano qualcuno chiederà conto o si ricorderà di quanta ottusità mentale e quanta paranoia ci sia stata dietro a questa campagna anti OGM,.. e guarda bene a vantaggio di pochi che devono difendere un’agricoltura medioevale per scopi di tornaconto del tutto personali e prevaricatori dell’interenne collettivo.

  6. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    Lo so bene cher Capanna non è uno stupido, quello che non capisco è come gli si può dare credito quando parla di genetica e di agricoltura, o forse il fatto che si definisca contadino con 9000 euro al mese disponibili lo fa diventare un novello Columella.

    Non sarebbe un grande soddisfazione adottare gli OGM perchè siamo usciti dall’euro, importeremmo, infatti, tanta inflazione da seppellirci tutti (esclusi gli agricoltori). Ammesso che chiedessimo di rendere conto a tutti i No-OGM, sai coso ti risponderebbero: ” ma era un altro contesto! E con ciò si autoassolvono. E’ la stessa risposta che tutti i comunisti convinti che l’URSS fosse la stella polare ti hanno dato quando, dopo la caduta del muro, hai loro chiesto: “vi siete convinti che avete sbagliato tutto?”

  7. franco NulliNo Gravatar scrive:

    Stupido assolutamente no.
    Persona dotata di un acume eccezionale; capace senza dubbio di cavalcare un’onda salutistica tanto di moda.
    Fatico a pensare che una simile persona possa interpretare il mondo agricolo imprenditoriale e produttivo.
    Non prendiamoci in giro a vicenda. Con il Km zero, il bio, la tipicità e altri simili nobilissimi concetti non si fa impresa agricola.
    Si scavano ricche nicchie di mercato finché ci sono tanti quattrini a disposizione per togliersi degli sfizi. Non si nutre una nazione e tantomeno un pianeta.
    Oggi mi pare che i problemi globali siano differenti. Fra qualche anno il problema potrebbe essere la fame anche nel primo e nel secondo mondo.
    Ho il sentore che il mondo sia pervaso da un clima di crisi da oriente ad occidente, da nord a sud. Ma forse mi sbaglio io…
    Oltre al sentore di cui sopra ho un terribile presentimento per casa nostra.
    Comincio a sentir voci che mi danno un nome pericoloso come potenziale Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali nel, forse, costituendo Governo della nostra Repubblica.
    Non sono certo che l’On. Bersani riesca a mettere insieme un Governo con maggioranze stabili in Camera e Senato. Quand’anche riuscisse credo (e temo) avrà vita breve.
    Ove l’esperienza di governo proseguisse e nel caso di un Ministro come pavento, emigro almeno virtualmente.
    Mi sono bastati i passati Ministri incompetenti delle ultime legislazioni (escludo De Castro dalla lista e prima devo risalire a Marcora s.e.e.o.).
    Franco

  8. VitangeloNo Gravatar scrive:

    …non disperate, passerà la filosofia secondo la quale un contadino salverà il mondo! Da figlio di contadini che ha sempre vissuto fra gli agricoltori ho imparato che non sono mai stati capaci neanche di salvare se stessi! Figuratevi se saranno capaci di salvare il mondo!! Ma il concetto, ha ragione Franco, per ora porta soldi ai furbi mica ai contadini o agli agricoltori e trova entusiasti chi ha la pancia piena; e si sa che il sazio non comprende chi è a diugiuno. Peppino Avolio ripeteva che non aver capito la questione agraria portò la sinistra alla grande sconfitta del ‘48. Pensate che gli attuali compagni -e non- abbiano capito la lezione aggiornata alle nuove esigenze alimentari mondiali? La cosa più grave è che pensano di salvare l’economia distruggendo le fabbriche che inquinano e rifarsi con l’agricoltura!! Roba da rabbrividire!!!!

  9. franco mistrettaNo Gravatar scrive:

    Ma Capanna anni fa aveva detto di avere assaggiato le fragole col gene di salmone (mai esistite!) e di avervi trovato un sapore di glicerina…!

  10. franco mistrettaNo Gravatar scrive:

    pardon, glicoletilenico

  11. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    Franco

    Niente di che meravigliarsi. Capanna ha una cultura umanistica quella scientifica se l’è fatta per sentito dire e per le acquisizioni di esperienze quotidiane di comune mortale (che non è detto che partano dal presupposto scientifico giusto). Pertanto si è detto: “Se io nella mia automobile ci devo aggiungere nel radiatore un liquido anticongelante, del pari i pesci che nuotano nei mari artici o antartici prima dovranno ingerire del glicoletilenico”.

    Logica stringata No!

  12. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    Dimenticavo di dirti Franco che il glicoletilenico è tossico ed i primi sintomi sono similari all’ebrezza da etanolo. E’ ciò che è capitato a Capanna!

  13. claudioNo Gravatar scrive:

    http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/piemonte/2010/02/gli-ogm-e-le-bugie-delle-multinazionali.html

  14. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    Certo ho bisogno di Grillo per sapere che le Multinazionali non sono organizzazioni di beneficenza, come lui d’altronde. Si guarda il prodotto che hanno creato e dato che non è contro natura e rifà ciò che la natura ha fatto da sempre per migliaia d’anni, perchè lo devo catalogare t come bugia? Perchè devo autoflagellarmi per odio ideologico verso una multinazionale che fa il suo lavoro e che è sotto controllo?

  15. OGM, bb!No Gravatar scrive:

    questa sera a “presa Diretta” un bell’esempio di “Collettivizzazione dei costi e Privatizzazione dei ricavi”……..l’inquinamento da PCB della CAFFARO a Brescia.

  16. OGM, bb!No Gravatar scrive:

    Il Ministro della Salute Balduzzi ha avviato l’iter per la richiesta della clausola di salvaguardia nei confronti del mais MON810. In particolare, ha richiesto di:
    - effettuare una nuova valutazione completa del MON810 alla luce delle nuove linee guida;

    - definire adeguate misure di gestione che dovrebbero essere rese obbligatorie per tutti gli utilizzatori di tale OGM;

    - nel frattempo, sospendere urgentemente l’autorizzazione alla mesa in coltura di sementi di mais MON810 in Italia e nel resto dell’Unione Europea a norma dell’articolo 34 del regolamento (CE) 1829/2003.

  17. franco NulliNo Gravatar scrive:

    -Senza trascurare l’ipotesi della castrazione chimica di tutti coloro che sostengono, anche in senso lato, la bontà della tecnologia OGM applicata all’agricoltura per evitare che l’epidemia di buon senso si possa diffondere fino al limite estremo della pandemia.

  18. OGM, bb!No Gravatar scrive:

    Franco, hai un metro di misura del “buon senso”? Se non ce l’hai il tuo discorso può essere ribaltato.

  19. franco NulliNo Gravatar scrive:

    Il buonsenso me lo hanno insegnato i miei genitori con la loro paziente educazione quando ero un ragazzino.
    E’ un valore al quale non rinuncio a costo di farmi torturare.
    Buonsenso fa rima con pacatezza, con umiltà, con capacità di ascoltare gli altri, con la modestia di non ritenersi superiori, con la certezza di avere sempre qualcosa da imparare anche dal più umile degli interlocutori, forse, ma non vorrei esagerare, con l’insegnamento di Cristo.
    Qui sta il metro del buonsenso.

    Ciao Franco

  20. OGM, bb!No Gravatar scrive:

    Franco, ovviamente il tuo discorso è riferito a guidorzi. almeno spero!

  21. franco NulliNo Gravatar scrive:

    no

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Agricoltura italiana, OGM & Insicurezza alimentare

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…