Gia’ bocciata l’etichetta sui mangimi da OGM

13 Mar 2009
Post2PDF Versione PDF

Era troppo facile prevederlo e cosi’ e’ stato. Nel giro di pochi giorni sfuma l’ipotesi di etichettare tutti i prodotti derivanti da animali nutriti con soia da OGM ed il trucco puo’quindi continuare.
Peccato perche’ sarebbe stato interessante vedere la reazione dei consumatori di fronte ad un maxi cartello posizionato all’ingresso di tutti i reparti refrigerati (latte, yogurt, formaggi, carne, salumi, latticini, etc) di un supermercato che dice: DA QUI IN POI E’ TUTTO OGM!
ALIMENTARE: UE; FISCHER BOEL, SISTEMA FORTE PER DOP-IGP/ANSA ATTENZIONE A ETICHETTA, OGM, AGENZIA QUALITA’, CRISI E PREZZI
(di Patrizia Lenzarini)
(ANSA) - BRUXELLES, 12 MAR - Potrebbe essere il suo ultimo anno alla guida della politica agricola e alimentare alla Commissione europea, e prima della fine di questo mandato la commissaria Mariann Fischer Boelm appare decisa a gettare le basi per assicurare una forte politica di qualità per un settore agroalimentare competitivo in Europa. Lo strumento principe resta la tutela - ma non solo - delle Denominazioni d’origine (Dop) e Indicazioni geografiche protette (Igp) (come
Parmigiano Reggiano, Prosciutto di Parma o di San Daniele) per le quali, dice in un’intervista all’ANSA, “é importante mantenere un sistema forte di tutela, anche se non si può aprire a tutto; un sistema europeo senza l’aggiunta di registri nazionali o regionali, nel mantenuto nel contesto della Wto”.
Da sempre l’Italia porta avanti in Europa la battaglia sulla qualità per poter valorizzare sul mercato europeo e mondiale il valore aggiunto dei suoi 4.500 prodotti tipici e delle professionalità che li accompagnano.
Con l’ANSA Fischer Boel ha accettato di confrontarsi sul temi più controversi a pochi mesi dall’approvazione, il 27 marzo da parte della Commissione europea, degli orientamenti sulla politica di qualità per i ministri dell’agricoltura europei.
ETICHETTATURA D’ORIGINE - Fischer Boel “aspetta con impazienza il confronto sulla qualità che si è aperto oggi a Praga” per vedere - dice - se si potrà avanzare “nella nostra comunicazione sull’ortofrutta, sull’olio d’oliva di qualità. Cerchiamo se ci può essere un vantaggio nel promuovere l’etichetta d’origine su altri prodotti a base di carne”.
OGM - “La mia priorità - dice - non è sulla coltivazione ma sull’importazione. A me interessa garantire che ci sia un canale d’importazione sicuro sul fronte ogm per i mangimi, perché in Europa la produzione di carne dipende pesantemente dalle importazioni di soia e mais. Sono favorevole ad una soglia di tolleranza sulle sementi la più bassa possibile”.
ANIMALI ALIMENTATI CON OGM - Nell’Ue - spiega Fischer Boel - si etichetta i prodotti che derivano direttamente da Ogm per i quali si può trovare il dna nel prodotto finale. Questo non è possibile per uova, carne o latte in quanto non si potrà mai dimostrare che un agricoltore ha utilizzato mangimi Ogm

2 commenti al post: “Gia’ bocciata l’etichetta sui mangimi da OGM”

  1. francoNo Gravatar scrive:

    Non ci ho capito molto…
    O sono stupido io, o l’articolo non è molto chiaro!

  2. roberto defezNo Gravatar scrive:

    L’intervento della Commisaria all’Agricoltura serve a spegnere l’iniziativa del Parlamento Europeo che trova tra le hot news. In quell’intervento il PE chiedeva che alimenti derivanti da animali nutriti con OGM dovenao essere etichettati come CONTENENTI OGM o una dizione simile (ossia infamante). Io sono personalmente favorevolissimo da anni a questa ipotesi perche’ svelerebbe la verità ossia che tutto il latte, formaggio, yogurt, cani, salumi di tutta Europa soprtutto i più prestigiosi derivano tutti da animali nutriti con soia da OGM. Al momento e per vari anni non esiste alternativa credibile all’uso di questa soia quindi questa operazione verità avrebbe il merito di sbugiardare le finte regioni italiane ogm-free ed i finti prodotti a marchio dei supermercati.
    Tanti temono un simile shock, ma io penso che sia molto utile sopratutto se attuato con operatività immediata.
    Consideri che il Parmigiano reggiano invecchia anche 5 anni, quindi quello fatto stamattina resterebbe etichettato fino al 2014!

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Europa

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…