Gli erbicidi si usano soprattutto sulla soia non Ogm

24 Set 2015
Post2PDF Versione PDF

Paragoniamo i trattamenti di ognuno. Chi ha coltivato quest’anno soia? Che trattamenti avete fatto?
Franco Nulli ci mostra i suoi trattamenti.

6 commenti al post: “Gli erbicidi si usano soprattutto sulla soia non Ogm”

  1. GUIDORZI ALBERTONo Gravatar scrive:

    Certo le balle si possono raccontare solo ai pesta “Pestapiazzadelduomo”, mentre ai “pestaterra” non è possibile.

  2. franco nulliNo Gravatar scrive:

    Vedo con disappunto che a nessuno dei partecipanti (escluso Alberto che ringrazio) interessa sapere che ho distribuito mediamente 7,64 Kg/Ha di diserbanti di ogni sorta per coltivare la mia soia nel corso della corrente annata agraria.
    Vi assicuro anche che il risultato finale non é quello desiderato; la vorrei molto più pulita al raccolto (se vi interessa vi posso postare con l’aiuto di Roberto le foto aeree via drone del risultato).
    Mi piacerebbe molto poter paragonare i miei trattamenti (e i miei costi) con un’analoga coltura di soia OGM RR.

  3. GUIDORZI ALBERTONo Gravatar scrive:

    Franco

    Ti puoi immaginare quelli che fanno soia biologica e non diserbano.

    Comunque in molte soie seminate quest’anno mi sarebbe piaciuto che la Repressione Frodi avesse fatto un’analisi sulla purezza specifica della semente!

  4. TC1507No Gravatar scrive:

    Non è che ai partecipanti non interessi sapere che vengono sparsi diserbanti di ogni sorta per produrre della soia convenzionale; chi segue salmone grosso modo già lo sa. Per sperare di mutare il clima di ostilità dobbiamo batterci per farlo sapere anche al consumatore, all’uomo comune.
    Intanto http://agronotizie.imagelinenetwork.com/agricoltura-economia-politica/2015/10/01/ogm-notifica-in-extremis/45702

  5. franco nulliNo Gravatar scrive:

    Intanto vi comunico che dai primi riscontri di raccolto della soia (20% circa del raccolto - umidità media alla raccolta 17% - maturazione estremamente disomogenea) sto producendo una media di 3,9 Ton/Ha di prodotto secco (rif. U 12%)
    A fine raccolto vi posterò ,se vi interessa, un bilancio economico della coltura.

    P.S. per Alberto: ti puoi spiegare meglio circa la “purezza specifica della semente”? Mi interessa…

  6. GUIDORZI ALBERTONo Gravatar scrive:

    Franco

    Molto probabilmente non è il tuo caso in quanto ti servi da ditte più serie da questo punto di vista, tuttavia la disomogeneità di maturazione potrebbe nascondere non una “grande purezza varietale”.

    Però ho visto campi di soia dove sembrava che avessero seminato anche le erbe infestanti, ecco cosa intendo per purezza specifica, cioè nel sacco vi erano anche altre “specie botaniche”.

    Ecco questo è un tipico caso in cui: non disponendo di una industria sementiera nazionale, rifiutando le sementi che per il 90% sono tutte OGM, e decidendo di seminare (prendendo la decisione nello spazio di un mese, cioè solo quando finalmente si sono conosciute le nuove regole PAC)100.000 ettari in più dell’anno prima, l’agricoltore paga uno scotto non indifferente.

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Soia

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…