Grazie Madiba

09 Dic 2013
Post2PDF Versione PDF

imagesNelson Rolihlahla Mandela, “Rolihlahla” (letteralmente “colui che provoca guai”) ci ha appena lasciati, ma ci vorranno molti anni per apprezzare tutti i suoi insegnamenti. Grazie.

Presidente del Sudafrica nel 1994 rimane in carica fino al 1999. Nel 1998 comincia nel Paese la col9vazione commerciale di cotone Bt

12 commenti al post: “Grazie Madiba”

  1. MauroNo Gravatar scrive:

    E io sono pronto a scommettere che gli anti OGM cercheranno di piazzare Mandela sulle proprie bandiere… perché l’OGM può essere solo pro-apartheid :-(

    Saluti,

    Mauro.

  2. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    “IYASIHLUTHISA”
    Si tratta di una frase in lingua “swaili” (la lingua delle popolazioni di colore del Sud-Africa) e che significa “quello che ci riempie la pancia” ed è riferita alla base della loro alimentazione, cioè al granoturco bianco; che da quando lo coltivano OGM lo hanno ridefinito come detto sopra.

  3. roberto defezNo Gravatar scrive:

    avete visto quanto mais bianco si fa in Suafrica? e sopratutto la scelta di adottare in massa mais Bt. La scelta non è per nulla casuale. L’organizzazione mondiale della Sanità in un documento del 2000 ripreso dall’UE il Sudafrica (ed in particolare la provincia dove è nato Mandela) hanno il più elevato tenore di fumonisine nel mais e una elevata correlazione con tumori all’esofago. Seconda arriva la Cina e buoni terzi noi con la provincia di Pordenone.

    http://ec.europa.eu/food/fs/sc/scf/out73_en.pdf
    5. Effects in human
    There are no reports on the acute effects of fumonisins on humans, although instances
    of very high fumonisin concentrations have been reported from home grown maize in
    South Africa and China (118 –155 mg/kg food; Rheeder et al., 1992; Chu and Li,
    1994). As is the case for swine, rats and mice, this suggests low acute toxicity in
    humans (EHC, 2000; Norred et al., 1998).
    Very high oesophageal cancer incidences observed in human populations in the
    Transkei of South Africa were correlated with high intake of maize as staple food and
    the high concentration of fumonisins, particularly FB1 in this food (IARC, 1993;
    Jaskewicz et al 1987; Scott et al., 1995; Marasas et al. (1979; 1981; 1988b; Sydenham
    et al., 1990a, 1990b;Rheeder et al. 1992; EHC, 2000).
    Similarly, a correlation between intake of fumonisins and the incidence of oesopagheal
    cancer in the human population of Henan Province in China (Zhen et al., 1984; Chu
    and Lee, 1994; Yoshizawa et al., 1994) was observed. North West Italy (Pordenone
    province) has the highest mortality rates for oral pharyngeal, and oesophageal cancer in
    Europe (EHC, 2000; Pascale et al., 1995; Logrieco et al., 1995), but a clear correlation21
    with FB1 intake could not be demonstrated. A

  4. @franco( l'altro)No Gravatar scrive:

    Sono gli interessi e le conoscenze , che influiscono sulla gestione post introduzione degli eventi e ne determinano gli effetti

    http://www.theepochtimes.com/n3/323635-gmos-a-global-debate-south-africa-top-gmo-producer-in-africa/

  5. OGM, bb!No Gravatar scrive:

    roberto, sempre balle! sempre più balle!

    Sai leggere? C’è scritto: Nord Ovest Italia…….che poi è Nord Est…… ( Pordenone provincia) ha i più alti tassi di mortalità per faringeo orale e cancro esofageo in Europa ( EHC , 2000; Pascale et al , 1995; . . Logrieco et al, 1995), ma una chiara correlazione con l’assunzione di FB1 non potevano essere dimostrate…………….non potevano essere dimostrate……….non potevano essere dimostrate.

    Del resto negli USA dove utilizzano massicciamente mais OGM la tolleranza ammessa di micotossine è molto maggiore di quella consentita nei Paesi dell’UE.

    http://ogmbastabugie.blogspot.it/2012/11/aflatossine-nellue-e-negli-stati-uniti.html

  6. roberto defezNo Gravatar scrive:

    Organizzazione mondiale della Sanità:

    8.3 Northern Italy
    One analytical study was reported from Northern Italy.
    Pordenone Province in the northeast of Italy has the highest mortality rate
    for oral and pharyngeal cancers and oesophageal cancer in Italy and amongst
    the highest in Europe (Franceschi et al., 1990). Risk factors identified included
    alcohol and tobacco use, and significant associations with maize consumption
    were found for oral cancer (179 cases; odds ratios 3.3; confidence intervals
    2.0–5.3), pharyngeal cancer (170; 3.2; 2.0–5.3) and oesophageal cancer (68;
    2.8; 1.5–5.1). There were 505 hospital controls. The elevated risk of upper
    digestive tract cancer was, however, limited to persons consuming more than
    42 weekly drinks of alcohol (Franceschi et al., 1990). The possibility of
    reporting bias can not be excluded and no measures of fumonisin or F.
    verticillioides contamination were available. The analysis was restricted to
    men.
    In this region, most maize is locally produced and eaten as cooked maize
    meal (polenta). Fumonisin-producing Fusarium species were found on maize
    produced in Northern Italy (Logrieco et al., 1995). One study showed that 20
    samples of polenta produced in Italy in 1993 and 1994 contained 0.15–3.76
    mg FB1/kg (Pascale et al., 1995).

  7. OGM, bb!No Gravatar scrive:

    roberto, sempre balle! sempre più balle! semprissimamente balle!

    Intanto all’inizio dello studio è scritto che:

    Questo rapporto contiene i punti di vista collettivi di un gruppo internazionale di esperti e non rappresentano necessariamente le decisioni o le dichiarazioni politiche del Programma Ambiente delle Nazioni Unite , dell’International Organizzazione del lavoro , o dell’Organizzazione Mondiale della Sanità .

    TRADUCO ANCORA QUELLO CHE HAI RIPORTATO

    La Provincia di Pordenone nel nord-est d’Italia ha il più alto tasso di mortalità per tumori del cavo orale e della faringe e il cancro esofageo in Italia e tra i più alti in Europa ( Franceschi et al. , 1990) .
    I fattori di rischio identificati inclusi alcol e tabacco , e associazioni significative con un consumo di mais sono stati trovati nel cancro orale ( 179 casi ; odds ratio 3,3 ; intervalli di confidenza 2,0-5,3 ) , nel cancro faringeo ( 170; 3.2; 2,0-5,3 ) e nel cancro esofageo ( 68; 2,8 ; 1,5-5,1 ).

    Ci sono stati 505 controlli ospedalieri . Il rischio elevato del cancro apicale del tratto digestivo è stato , però , limitato alle persone che consumano più oltre 42 bevande settimanali di alcol ( Franceschi et al. , 1990) . La possibilità di dichiarazioni parziali non può essere esclusa e misure di fumonisine o contaminazione di verticillioides F. non erano disponibili . L’analisi è stata ristretta agli uomini.

    In questa regione , la maggior parte del mais viene prodotto localmente e mangiato come farina di mais cotto ( polenta ) . - Fumonisina produzione di specie di Fusarium sono stati trovati sul mais prodotto in Italia settentrionale ( Logrieco et al . , 1995) . Uno studio ha mostrato che 20 campioni di polenta prodotte in Italia nel 1993 e 1994 contenute 0,15-3,76 mg FB1/kg ( Pascale et al . , 1995).

    ………………………………………..

    ALCOOL……ALCOOL…….ALCOOL…… 42 bevande settimanali di alcool e non tanto la polenta, anche perchè lo studio stesso afferma che “ci potrebbero essere state delle dichiarazioni parziali e non erano disponibili dati sull’assunzione di fumonisine”.

    SERALINI è da premio Nobel rispetto a questo studio!

  8. roberto defezNo Gravatar scrive:

    Lo studio non afferma che le fumonisine sono la causa diretta dei cancri all’esofago e faringe altrimenti le fumonisine non sarebbero classificate come 2B dallo IARC, sarebbero gia’ in 2A come le aflatossine. Ma lo studio non si chiama ALCOOL come vorresti far credere tu, lo studio ha un titolo ben chiaro che potresti arrivare anche tu a leggere se ti concentri: Fumonisin B1
    Ora nessuno ha mai scritto che esiste un rapporto diretto di causa effetto ed anche se tu ti scaldi tanto ben sapendo di avere torto e di stare giocando con la pelle degli altri, ti sfido a trovare un solo luogo dove io ho affermato il contrario. Quello che dico, ripeto e riscrivo all’infinito e se non vuoi leggerlo puoi sempre andare a fare altro, è che sarebbe il caso di condurre una indagine epidemiologica seria (non quella pubblicata da Franceschi et al. nel 1991) per capire se non adesso, ma negli anni ‘90 si siano verificati due eventi coincidenti ed apparentemente idipendenti: una elevata incidenza di tumori esofagei anche tra chi non consuma 42 dosi di alcool ed una anormale incidenza di malformazioni congenite come palatoschisi e spina bifida. Ecco il modo semplice di dimostrare che le mie tesi non sono corrette, non che sono balle come tu ti permetti per l’ultima volta di scrivere prima di essere rimossio di arbitrio (IL MIO) da questo sito se non ricominci a comportarti da persona civile.
    Se le mie ipotesi non sono corrette mi posso tranquillamente ritirare in buon ordine sicuro di aver segnalato un possibile pericolo per una vasta parte della popolazione (come dice il Consiglio Superiore di Sanità per la parte di popolazione a rischio come BAMBINI E CELIACI. Anche se dimenticano le gestanti!). Ma tu temi che questo metta in discussione il tuo tanto amato mais biologico o con pesticidi e quindi cerchi di incolpare l’alcool di tutto, contento tu ti posso solo augurare una buona notte e sogni d’oro.

  9. OGM, bb!No Gravatar scrive:

    Caro Roberto,

    al sottoscritto danno più fastidio le “mezze verità” delle falsità.

    Iniziare un post con un titolo:

    Organizzazione mondiale della Sanità:

    lascia intendere a chi legge solo superficialmente che quello che viene dopo sia stato scritto, o quantomeno avallato, dall’Organizzazione mondiale della Sanità……..purtroppo, come ho fatto notare, non è vero! se qualcuno vuole leggere il documento originale…

    http://www.inchem.org/documents/ehc/ehc/ehc219.htm

    Io non ho mai detto che non sia vero che le fumonisine possano procurare dei danni alla salute……..occorrono, però, indagini epidemiologiche, che non sono mai state fatte. Nello studio le indagini sono state fatte su individui che bevevano, eccome se bevevano.

    Io ho sempre detto che il mais Bt, da solo, non è sinonimo di eliminazione del problema delle aflatossine……..vedi legislazione USA.

    In conclusione, obiettivamente parlando, possiamo affermare che “il mais Bt, così come l’esperienza USA ci insegna, può contribuire a diminuire, ma non ad eliminare, il problema delle aflatossine.

  10. roberto defezNo Gravatar scrive:

    1.di aflatossine io non ho mai parlato e quindi c’entrano come il cavolo a merenda

    2. Il documento è dell’Organizzazione mondiale della Sanità e questa non è una mia invenzione, poi viene precisato che non è la sua posizione definitiva, ma se fosse un documento apocrifo non lo avrebbero pubblicato sotto il loro marchio

    3. a te non piacciono le mezze verità, a me non piacciono i preconcetti. Il paragrafo che ho pubblicato in inglese al post n.6 è solo il punto 8.3. Lo precedono i punti 8.2 ed 8.1 dove le stesse fumonisine si trovano in Cina e nella regione natia del Sudafrica: anche li vale il principio che le fumonisine non fanno nulla perchè cinesi e sudafricani si sbronzano? come vedi la tua teoria è solo la tua teoria e non l’hai nemmeno pubblicata.
    Non esiste un rapporto di causa effetto. Resta la richiesta di fare una seria indagine epidemiologica per confrontare due dati: tumori all’esofago e spina bifida.
    Io rischio la mia mia credibilità se la mia teoria è errata (non falsa, errata), tu hai il coraggio di dire ad una gestante al primo mese di gravidanza che può mangiare una polenta zeppa di fumonisine basta che non si scoli una bottiglia di grappa? Scrivilo qui se te la senti.

  11. roberto defezNo Gravatar scrive:

    Esiste un primo controllo che potresti fare per cercare di validare la tua teoria dell’alcool: quale è l’incidenza di carcinomi al primo tratto digestivo tra gli scozzesi o gli abitanti del mid west statunitense: anche li gli uomini mi pare che non siano astemi (come cinesi e sudafricani),
    Buon lavoro.

  12. OGM, bb!No Gravatar scrive:

    Roberto,

    non farmi dire cose che non ho mai detto! Non ho mai detto che le Fumonisine, ma io ci metto tutte le micotossime, non siano dannose per la salute……ho semplicemente detto, e lo ripeto, che il mais Bt, da solo, non rappresenta la soluzione al problema.

    Io……molto semplicemente, ho criticato questo tuo modo di dire le cose, poichè mettendo come titolo:

    Organizzazione mondiale della Sanità:

    lasci intendere a chi legge solo superficialmente che quello che viene dopo sia stato scritto, o quantomeno avallato, dall’Organizzazione mondiale della Sanità……………purtroppo, come hai fatto notare anche tu nel post n. 10, non è vero! ……..e il mio contributo voleva svelare solo questo fatto……..punto. Ho poi segnalato che i casi di cancro erano stati riscontrati in persone che bevevano….eccome se bevevano!

    Per quanto riguarda le Aflatossine, la fretta, come al solito, è del diavolo, e avrei voluto scrivere MICOTOSSINE, comprendendo, quindi:
    - aflatossine
    - ocratossina A
    - tossine prodotte da Fusarium (Tricoteceni, Zearalenone e Fumonisine)

    ……………..ma la sostanza non cambia.

    Ti ringrazio perchè hai scritto: Non esiste un rapporto di causa effetto (parentesi mia……..tra Fumonisine e cancro). Resta la richiesta di fare una seria indagine epidemiologica per confrontare due dati: tumori all’esofago e spina bifida.

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Mondo

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…