Il 55% del mais del Sudafrica è GM, ed ora si passa a quello resistente alla siccità

06 Nov 2007
Post2PDF Versione PDF

Dopo aver raggiunto percentuali di adozione del mais GM che non si raggiungono in molti stati degli USA, il Sudafrica si accinge a sperimentare in pieno campo alcune varietà di mais resistente ai climi aridi. Con ragionementi del tutto sconosciuti nel nostro Paese, in Sudafrica si stima che oltre il 20% del mais prodotto localmente verrà perso da qui al 2025 a causa del riscaldamento globale del pianeta e corrono già oggi ai ripari con strategie manageriali. Quando fra qualche anno ci renderemo conto che i nostri figli non avranno adeguati servizi per i nuovi deficit commerciali italiani in campo agricolo che si aggiungeranno a quelli in campo energetico quale grande statista si assumera’ la colpa dell’errore?

Leggi la notizia (qui)

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: OGM & Insicurezza alimentare

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…