Il Foglio si scatena

24 Ago 2015
Post2PDF Versione PDF

fiori-mulino Articoli a raffica sugli Ogm e tutti che vanno ben oltre la semplice tematica agricola.
leggi http://new.ecostampa.net/imm2pdf/Image.aspx?&imgatt=47GR5U&imganno=2015&imgkey=B1T6IDDI5CD0F&rsdoc=4
Leggi anche “Il divorzio dell’estate spiegato con gli OGM e il pomodoro San Marzano” e “Il Baco di Slow Food

14 commenti al post: “Il Foglio si scatena”

  1. PieroNo Gravatar scrive:

    non basta essere pro ogm per acquisire capacità dialettica
    la prosa de il Foglio resta un argomentare da bar (almeno avessero imparato da Guareschi!)
    se volete leggere una seria critica alla sinistra leggete LA SINISTRA E IL MITO DELLA NATURALITÀ di SILVIA BENCIVELLI e TELMO PIEVANI sul numero di Micromega citato in altra sezione da Roberto

  2. MbianchessiNo Gravatar scrive:

    Se vuoi farti capire dal 99% della popolazione devi argomentare da bar…. Le pubblicazioni scientifiche lasciamole alla comunità scientifica! Prima la pancia e chi vuole approfondire faccia pure!

  3. PieroNo Gravatar scrive:

    Ok, ma leggi l’articolo di Micromega e vedrai che è molto più puntuale nella critica, quindi anche più comprensibile di questo

  4. GUIDORZI ALBERTONo Gravatar scrive:

    Piero

    Infatti l’uscita di Micromega ha suscitato pochissime reazioni: quelli per cui “sinistra” è sinonimo di giusto per definizione hanno preferito non commentare e forse tenersi le loro convinzioni e quelli che come me ha trovato che gli autori ha detto in modo esemplare ciò che con il tempo si è deformato del pensiero scientifico.

  5. franco nulliNo Gravatar scrive:

    Oh che bello…
    Sono rientrato dalla mia vacanza e vedo con piacere che qui si continua a “salmonare”…

    Nel merito della discussione concordo sia con Piero che con Mbianchessi.
    Tanta prosa su “il Foglio”, anche se non scientificamente ineccepibile, viene letta e digerita da molta più gente dotata quasi certamente di minor spirito critico di chi legge articoli Micromega scientificamente più puntuali.
    Ergo benvenga parlarne, se nel discorso si inseriscono argomenti a favore della scienza e del progresso tralasciando, e a volte mettendo in seria discussione, gli argomenti aprioristicamente contrari alla ricerca e al potenziale processo scientifico di ispirazione Slowfoodistica e Wandanashivari.

  6. franco nulliNo Gravatar scrive:

    Chiedo scusa.
    Mi é scappata una doppia W nel nome per citare la gent. signora Shiva.
    Non volevo assolutamente “raddoppiarla”. Anzi.
    Solo un lapsus di tastiera.

  7. OGM, bb!No Gravatar scrive:

    Che vergogna. Siamo alla frutta?

  8. Roberto DefezNo Gravatar scrive:

    http://www.ilfoglio.it/esteri/2015/08/27/perch-la-germania-senza-ogm-pi-debole___1-v-132176-rubriche_c120.htm

  9. franco nulliNo Gravatar scrive:

    Se tanto mi da tanto alla frutta sta arrivando il mondo politico europeo che per inseguire chimere di mondi passati e morti o, ancor peggio, per personali opportunismi di potere sta ponendo una pesante pietra sul futuro del Vecchio Continente.
    Senza progresso e senza la ricerca (pubblica o privata che sia) che lo fomenta siamo oltre la frutta. Ci hanno già servito anche il dessert…
    Mi spiace per i nostri figli.

  10. GUIDORZI ALBERTONo Gravatar scrive:

    Scozia e Germania hanno dichiarato che si avvarranno della possibilità offerta dalla direttiva comunitaria che permette ad uno stato membro di proibire la coltivazione delle PGM autorizzate nell’UE.

    Peccato che le PGM seminabili siano una sola (il MON 810 con brevetto vicino alla scadenza e dunque il tratto presto diverrà libero) e che le ditte costitutrici di PGM abbiano da tempo deciso di chiedere l’ammissione di nuovi tratti modificati per permettere l’importazione in Europa, ma nessuna più si sogna di spendere soldi per avere l’autorizzazione alla semina (si sono seduti sulla riva del fiume e aspettano che il nostro cadavere passi).

    Quindi Scozia, Germania, Francia e Italia (questi due ultime non saranno da meno…) daranno in pasto una notizia al massmedia senza dire che è solo una dichiarazione di principio. Fanno come quel bambino a cui è stato negato il gelato e che di rimando risponde: “tanto non mi piace”!

  11. GUIDORZI ALBERTONo Gravatar scrive:

    Noi Europei ne vietiamo le semine pur non avendo specie interfeconde con il mais. In Messico invece dove il mais è nato ed esiste teosinte e popolazioni autoctone viene annullato un precedente decreto che proibiva le semine di mais OGM. La furbizia avanza…..nel Vecchio Mondo.

  12. GUIDORZI ALBERTONo Gravatar scrive:

    I Koreani hanno creato una PGM di soia arricchita in carotene

    I Cileni hanno creato una PGM di agrumi resistenti alla salinità

    In USA hanno creato maiali modificati con 5 geni umani in modo che il cuore sia trapiantabile nell’uomo senza rigetto. Per ora sono riusciti a far sopravvivere un babbuino per 936 giorni con il cuore di maiale appositamente modificato.

  13. GUIDORZI ALBERTONo Gravatar scrive:

    Altra notizia è quella che la Monsanto ed altre ditte sono riusciti, spargendo uno spray di RNA particolare ad ottenere che questo silenzi un gene vitale della dorifora e che questa muoia. Quindi niente modifica genetica della patata ma classica irrorazione “insetticida”.

    Sperano che ciò taciti gli anti-OGM…… ci credete voi?

  14. Giuliano D'AgnoloNo Gravatar scrive:

    A livello europeo non tutti sono ligi al pensiero dominante: La Commissione Agricoltura ha votato parere contrario alla proposta della Commissione di lasciare libertà di scelta anche per prodotti OGM autorizzati a livello Ue: “Un blocco nazionale metterebbe a rischio gli allevamenti”
    http://www.eunews.it/2015/09/04/liberta-agli-stati-di-vietare-mangimi-e-cibi-ogm-primo-no-dal-parlamento-ue/41181
    Giuliano

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Media, OGM & Politica

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…