La Biodiversità migliora con gli OGM

04 Set 2013
Post2PDF Versione PDF

Uno dei campi di Fidenato è sotto monitoraggio da parte di un biologo che ha riscontrato la presenza di uova di piralide sul campo di mais Bt e che queste uova erano state infettate da imenotteri (Tricogramma). Sono state ancora una volta trovate coccinelle come già verificatosi 3 anni fa. Questi dati dimostrano come la base del decreto a tre firme di ministri sia del tutto infondato e non suffragato da dati scientifici ma solo da pregiudizi che danno per scontata la perdita di biodiversità causata dalle coltivazioni OGM.
Ma questi dati spiegano anche perché vietare la ricerca scientifica in pieno campo che sfaterebbe tali pregiudizi tanto utili alla nostra classe politica.

Leggi Biodiversità

uova-piralidepiralide

4 commenti al post: “La Biodiversità migliora con gli OGM”

  1. LaniceNo Gravatar scrive:

    Più che altro danno fiato alle corde ma non sanno del tutto in cosa consista la biodiversità.

  2. roberto defezNo Gravatar scrive:

    Venerdì ho fato una conferenza sul tema OGM facendo vedere come le fumonisine siano imputate di indurre tumore all’esofago e malformazioni congenite nei feti. Il mais Bt riduce gli attacchi di piralide, riduce la colonizzazione delle ferite da parte dei funghi che rilasciano le fumonisine divenendo così più sicuro per la salute umana.
    Una persona del pubblico mi ha chiesto cosa avviene ai funghi (fusarium) produttori di fumonisine una volta che sia introdotto mais Bt: ossia anche quei funghi sono importanti nella biodiversità e nell’equilibro ecologico e quindi era come dire che un ragazzo nato con la spina bifida era un problema comparabile alla diminuzione di nicchie ecologiche per Fusarium.
    Temo sia molto più che non conoscere la biodiversità, questa è una tesi che tende a dire che l’uomo non è frutto dell’evoluzione e della natura, l’uomo è innaturale e quindi intermedio tra la natura buona ed un essere sovrannaturale anch’esso buono, l’uomo è lo scarto negativo di questi due elementi equilibrati e virtuosi. L’uomo non diritto di usare il resto del creato per alimentarsi o proteggersi, curarsi o vivere. La biodiversità sarebbe l’equilibrio che prescinde dall’uomo. Mi farebbe piacere sapere quanti siano gli ambientalisti che hanno figli, sospetto che il tasso di riproduzione sia spaventosamente basso.

  3. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    Roberto

    Questo modo di vedere le cose che la nostra epoca sta accarezzando come una nuova filosofia è riassumibile con la frase: “VIVERE MEGLIO CON MENO….E’ SOPRATTUTTO POSSIBILE QUANDO SI HA GIA’ MOLTO”

  4. roberto defezNo Gravatar scrive:

    Per chi non lo avesse letto questo è il Decreto dei tre ministri:

    http://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2013-08-10&atto.codiceRedazionale=13A06864&elenco30giorni=false

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Ambiente

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…