La Germania verso il divieto di coltivare OGM

16 Apr 2009
Post2PDF Versione PDF

La Germania e’ il Paese europeo che ha piu’ potenziali interessi commerciali che potrebbero derivare dalla coltivazione di OGM. La patata amflora di BASF e’ da anni in dirittura d’arrivo per divenire
la seconda coltivazione di un OGM in Europa anche approfittando del fatto che il suo uso non e’ indirizzato ai fini alimentari. Il riso ingegnerizzato della Bayer (LL62 resistente ad eribicida) potrebbe essere il primo prodotto da OGM autorizzato direttamente per il consumo umano, ma non per la coltivazione. Quindi al contrario di tanti altri Paesi la Germania ha interessi commerciali su tutti i fronti: produzione di pesticidi (leggi qui) , produzione di OGM e grandi catene della distribuzione organizzata  - Metro, Rewe, Aldi, Lidl & Schwarz, (leggi qui) Nonostante i piani di aumentare la colticazione di mais Bt del 10% quest’anno le indicazioni del Ministro dell’agricoltura e protezione del consumatore Aigner sono andati in direzione del divieto e questo brusco passaggio potrebbe portare la maggioranza degli Stati Europei a seguire l’esempio vincente di Austria ed Ungheria che hanno gia’ dichiarato la moratoria facendo da apripista alle stesse richieste di Grecia, Francia e Lussemburgo (leggi qui)

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Europa

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…