Le piante GM sono piante normali: un possibile caso di introgressione

20 Dic 2007
Post2PDF Versione PDF

Il ritrovamento di una singola pianta di Brassica rapa che sembra aver “assimilato” il carattere resistenza ad erbicida (HR) da una stretta parente GM è un dato interessante, ma che spinge gli stessi autori alla cautela per indagare con che frequenza altri eventi simili si verifichino. L’articolo (scarica l’articolo) ha il pregio di mostrare con quale velocità madre Natura faccia pulizia di geni estranei (come appunto quelli HR) che nel giro di 3 anni scendono dal 34% al 2,5% dei campioni analizzati. Suggerisce attenzione nel coltivare piante con caratteri che potrebbero dare vantaggi selettivi a piante selvatiche della stessa specie. In particolare non si dovrebbe poter piantare mais Bt in Messico dove potrebbe incrociarsi con mais selvatico (teosinte). Applicando la stessa logica però, non ci sono pericoli a piantare OGM di mais, pomodoro, patata, melanzana, peperone o soia in tutta Europa. Ma geni per la resistenza ad erbicidi non ci sono solo in piante da OGM e si coltivano anche piante di Brassica che sono “naturalmente” resistenti ad erbicidi ed il cui polline si diffonde fino a 3 chilometri di distanza (Rieger et al., Science 2002 scarica). Se si impedisce l’innovazione in agricoltura dovremo coltivare solo piante (”naturali” ed OGM) che non hanno alcun tipo di geni di resistenza facendo così la fortuna delle multinazionali produttrici di pesticidi a cui affideremmo l’intera nostra agricoltura.

Infine una considerazione generale. Le piante GM sono spesso accusate di essere sterili per avvantaggiare le multinazionali biotech e costringere i poveri contadini a ricomprare tutti gli anni i semi. Questo caso mostra come le piante GM siano piante normali che si incrociano come tutte le altre e danno progenie vitale, ma siccome gli OGM non vanno comunque bene li si vorrebbe contemporaneamente prolifici e sterili.

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: OGM & Argomenti contro

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…