L’ultimo treno dell’innovazione in agricoltura

15 Nov 2015
Post2PDF Versione PDF

leggenda-guglielmo-tell Articolo il 17 Novembre aggiornato dopo la pubblicazione iniziale
Michele Morgante teme che l’Europa perda anche questo treno: quello del Genome Editing. Sarebbe un modo di alzare bandiera bianca sulle produzioni agricole decidendo di dipendere sempre più dalle importazioni. E con una situazione politica internazionale tanto instabile, l’Europa diventerebbe molto ricattabile se non riuscisse a garantirsi un sufficiente livello di produzioni alimentari.

Leggi “L’editing genetico per il sistema agricolo“.

Anche pesco ed albicocco hanno bisogno di cisgenesi e ricerca in campo:
Leggi “Contro i parassiti della frutta, l’ingegneria genetica…

Leggi anche “Le forbici sul Genoma umano

4 commenti al post: “L’ultimo treno dell’innovazione in agricoltura”

  1. franco nulliNo Gravatar scrive:

    Che dire…
    Non ho altri commenti. Non servono.
    Articolo chiaro ed esaustivo!

  2. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    Franco

    Non solo, ma vi sono tecniche di gene editing irriconoscibili a posteriori e quindi è logico che vengano dichiarate mutazioni indotte o spontanee e quindi non soggette a verifiche costosissime. In altri termini come ho già avuto modo di dire le leggi corrono molto meno veloci della scienza. E le leggi fatte per rincorrere la scienza sono sempre antidemocratiche….anche se la maggioranza le pretende.

  3. PieroNo Gravatar scrive:

    come sempre desolante il commento della Coldiretti che non vuol capire (o non riesce a capire) ma vuole avere comunque l’ultima parola

  4. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    Piero

    Tonello ha già dato un notevole contributo alla debacle della bieticoltura in Italia (era presidente dell’ ABI-Asssociazione Bieticoltori Italiani) adesso concorrerà alla ulteriore debacle finale dell’agricoltura italiana!

    Tra l’altro non sa di cosa parla e vuol sentenziare, uno che afferma che gene editing e cisgenesi non hanno niente a che fare con le biotecnologie transgeniche è solo dotato di una ignoranza abissale. E’ vero che non gli è richiesto di conoscere la biologia molecolare, ma se non sa almeno taccia, che così fa miglior figura.

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Europa, OGM & Politica

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…