Magnifico [Aggiornato al 30/12]

17 Dic 2014
Post2PDF Versione PDF

pecoraro Dopo 14 anni di processi di Stato con 28 capi d’imputazione Vitangelo Magnifico ne è uscito assolto. Non così la politica, la magistratura e le forze dell’ordine che hanno tenuto in scacco per tanti anni uno scienziato per un reato d’opinione. Anche in questo modo si è combattuta la lotta agli OGM in Italia.

Leggi ”Io a processo per 14 anni solo perché ho detto sì agli OGM

Leggi la ricerca sugli OGM è auspicabile se riguarda l’uomo mentre è ritenuta criminale se riguarda le piante di Anna Meldolesi
Leggi Caccia alle streghe. Assolto scienziato di fama internazionale perché lavorava sugli OGM
Leggi il Brevetto CNR con ISPORT

P.S: mi scuso per la qualità del pdf. Appena possibile cercheremo i documenti originali.

58 commenti al post: “Magnifico [Aggiornato al 30/12]”

  1. Franco NulliNo Gravatar scrive:

    Felice per la tua assoluzione.
    Avvilito per la condanna dell’Italia ad un ruolo secondario nel terzo mondo.

    Franco

  2. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    L’ambidestro Pecoraro Scanio dirà: “Lo scopo tanto l’ho ottenuto, non gli ho permesso di lavorare!” E noi per gratificarlo gli diamo una lauta pensione.

  3. bacillusNo Gravatar scrive:

    Svaccato sulla mia bacheca Facebook, intento a sproloquiare sui più diversi argomenti come mio solito, sono capitato sull’articolo di Anna Meldolesi linkato da una delle mie amicizie più avvedute… una botta di felicità giunta all’improvviso, inaspettata, emozionante. Davvero.
    Proprio su questo sito tanto tempo fa sono venuto a conoscenza della vicenda di Vitangelo, della sua persona, della sua passione e della sua intelligenza. Ero rimasto stupefatto ed incredulo di quanto aveva dovuto subire. Sentivo che che bisognava fare qualcosa, ma che dire, eravamo impotenti sotto diversi punti di vista. Più che esprimere la nostra indignazione a seguito di quanto riuscivamo a fargli raccontare della sua vicenda non abbiamo fatto altro. Ci sentiamo in colpa, ma oggettivamente non sappiamo come avremmo potuto contribuire alla sua causa.
    E’ andata per il verso giusto, dunque, Vitangelo ha avuto il riconoscimento che lui era dalla parte del giusto. Naturalmente nulla lo risarcirà di questo sacrificio e niente farà recuperare a questo paese il patrimonio perso nell’aver tormentato ingiustamente un servitore della scienza e della conoscenza come è lui.
    Viva Vitangelo Magnifico!

  4. VitangeloNo Gravatar scrive:

    Carissimi, non è demagogia, ma sapere che c’era tanta gente, parlo di famigliari, amici e colleghi, che non credeva al mucchio di nefandezze scaricatemi addosso ha contribuito a darmi la forza di andare avanti. Come ricercatore ero -e forse lo sono ancora- dispostissimo e abituato a confrontarmi anche aspettandomi giudizi severi.Fin quando e quanto ho potuto ho continuato a servire il padrone che mi pagava lo stipendio: LO STATO! Quanto ho sentito che non mi divertivo più ho mollato; ma non ho ceduto sul riscatto della mia -e di alcuni seri ed onesti collaboratori -dignità di cittadino. E’ rimasto il danno che lo Stato ha fatto a se stesso, più che a me, con un’inchiesta che si è trascinata per ben 14 anni per arrivare al primo grado di giudizio. E avrei continuato; non ci sono dubbi. Mi auguro che una cosa simile non capiti più! Ma sappiamo tutti che i Re Travicelli sono …immortali anche nelle Repubbliche! In questo caso a Porta a Porta e Ballarò si dichiarano GARANTISTI!!

  5. roberto defezNo Gravatar scrive:

    Anche Tempi interviene, naturalmente i carciofi della foto non sono Ogm

    http://www.tempi.it/assolto-ricercatore-accusato-truffa-italia-ha-rovinato-spauracchio-ogm#.VJQBdkDJBUB

  6. Fidenato GiorgioNo Gravatar scrive:

    Vitangelo, intanto complimenti e auguri per come è finita la vicenda.

    Ti faccio un appunto. Non parlare della dignità come cittadino (per definizione esso è una componente di uno stato), ma parla di dignità come individuo, come persona umana. Bisogna staccarsi da questo maledetto stereotipo che ci hanno ficcato in testa fin da bambini e che continuano a ficcarcelo con la propaganda statalista. Tu e i tuoi colleghi siete individui, esseri umani e possedete una sacra dignità.

    Infine, da buon anarco-capitalista quale sono, ti ti riporto una frase che è appesa nel mio ufficio sopra la mia testa e che ognuno, quando parla con me è costretto a leggere. Questa frase è di un anarchico americano dell’ottocento, tale J. Tucker.

    Questi, conoscendo la natura del potere politico, anche se democratico, coniò questo aforisma ” La vita, la libertà e la proprietà di ogni uomo non sono al sicuro mentre è riunito il parlamento”. Mi pare che quello che ti ha fatto il Pecoraro Scanio, riflette in pieno questo aforisma.

  7. VitangeloNo Gravatar scrive:

    Caro Giorgio, grazie per i complimenti e la lezione di civismo. Condivido quello che scrivi da “vecchio” socialista (lombardiano quando avevo meno di 18 anni!). Nella sua arringa finale il mio difensore, Avv. Renivaldo Lagreca, infatti, ha fatto riferimento alla dignità individuale dicendo: “Vitangelo Magnifico ha rincorso il processo per oltre dieci anni. Finalmente è giunto e non vuole rinunciare al giustizia non nella sua dignità di studioso, di persona di scienze, in una parola di uomo. La dignità non si conquista con una sentenza ; fu un grande giurista napoletano, da poco scomparso, già capo dello Stato, Giovanni Leone, a dire che la dignità non si conquista, non si vende, non si riacquista, ma si può solo perdere. Vitangelo Magnifico non l’ha persa”. E quante volte durante questi 14 lunghi anni abbiamo pensato all’interpellanza parlamentare di Pietro Calamandrei in difesa di Luigi Russo allontanato dalla Direzione della Normale di Pisa per motivi politici e confessionali dal Ministro della Pubblica Istruzione dell’epoca Guido Gonnella. Era il 1948 subito dopo le famose elezioni. I vincitori si sbarazzavano dei vinti!(Lo spoil system all’italiana!) L’ed. Sellerio l’ha riproposta nel 1994. Quindi, senza incorrere nell’errore di mettere sullo stesso piano il sottoscritto con Luigi Russo o addirittura con Galilei(!), le conclusioni più immediate sono: La storia è maestra di vita; ma non in Italia; la colpa non è di Pecoraro Scanio e di altri ministruncoli ma di chi li fa diventare ministri. Sandro Pertini davanti all’arroganza dei giovani rampanti politici anche del suo partito parlava di “Ragazzacci della politica”. A questi aggiungiamo gli attuali “Cattivi maestri” che infestano la nostra società e capiremo meglio perché ha ancora ragione Gideon John Tucker; soprattutto -ed è la versione italiana- quando sono i Capi di Gabinetto del Ministro e i suoi accoliti a decidere! Ovviamente ispirati dall’alto!

  8. Marco PastiNo Gravatar scrive:

    Congratulazioni aVitangelo e al suo coraggio di rinunciare alla prescrizione avendo fiducia nella giustizia italiana. La sua è una vicenda che aiuterà i posteri a ricostruire la storia attuale. Patetico Pecoraro Scanio che anche in questo frangente parla del potere delle multinazionali pro OGM. Comunque, ahimè, la linea tuttora vincente anche a livello europeo è quella di Pecoraro e la modifica del Reg. 18/2001 ne è la dimostrazione.

  9. MassìnoNo Gravatar scrive:

    Congratulazioni al professor Vitangelo. Oltre il danno personale patito dallo stesso mi domando quale sia il danno economico subito dal Paese dovuto a simili scelte di dicasteri affidati a incompetenti .

  10. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    Massimo

    E’ da tanto che continuano queste cose e lo si vede da come va la nostra agricoltura e dalla balle che ci raccontano come quella di un’Italia che organizza un EXPO per indicare le strade per nutrire il mondo, mentre non siamo capaci di nutrire il 50% dei nostri cittadini con le cose che produciamo e ci facciamo belli con il nostro agroalimenatre falsamente Made in Italy perchè lo facciamo con tutte sementi importate e con anche gran parte di derrate.

    Io vado indietro agli anni 80 quando è stata negata la possibilità al Prof. Salamini (amico fraterno) di dirigere l’istituto delle piante industriali di Bologna, mettendo al suo posto una nullità come il Prof. Casarini. Ebbene il Prof. Salamini ci è stato subito “prelevato” dal Max Planck Institut di Colonia affidandogli la direzione di un dipartimento per soli titoli e perdendolo completamente per la ricerca italiana. Infatti l’istituto di Bologna è in dismissione ed una nostra coltura industriale l’abbiamo praticamente persa (la barbabietola da zucchero), mentre la ricerca sulle altre latita.

  11. Franco NulliNo Gravatar scrive:

    Nel mio post n. 1 sono stato molto sintetico.
    Mi rendo conto che il retaggio dei miei studi da ing. mi rendono troppo “pratico”, a volte laconico ed ermetico… e di questo mi scuso.
    La vicenda di Vitangelo la ho riassunta in 2 righe, troppo poche; è emblematica di molte sfaccettature del nostro malandato Paese.
    Vi faccio una domanda provocatoria.

    14 anni per arrivare alla conclusione di un procedimento giudiziario vi sembrano un tempo ragionevole?
    In 14 anni si costruisce o si distrugge una carriera.
    Dopo 14 anni e un’assoluzione non ritenete che, almeno dal punto di vista “etico”, sarebbero dovute delle scuse e dei cospicui risarcimenti da quello “pratico”?
    Non so da chi. In prima battuta direi dallo Stato (chi è?) , responsabile della Giustizia e che era peraltro anche il “datore di lavoro” di Vitangelo; in seconda istanza mi piacerebbero le scuse ed il risarcimento da parte del sig. Alfonso Pecoraro Scanio, allora Ministro dell’Agricoltura, da cui è partito tutto lo scellerato iter , anche se purtroppo non ufficialmente…
    Cosa dire di più; ribadisco la mia tristezza per essere con fierezza un cittadino italiano.
    So che non è una colpa, ma comincia starmi stretta la mia appartenenza…
    Fatico a riconoscermi.

  12. VitangeloNo Gravatar scrive:

    IO non mi aspetto scuse da nessuno! Dovrei aggiungere PURTROPPO! Da noi non si chiede scusa. Ne è la riprova nel comportamento dei giornali che all’epoca in prima pagina mi sputtanavano come un truffatore e un farabutto che -facevano a credere- si era appropriato di miliardi di lire per non far ricerca -mentre erano tutti finanziamenti finiti, fino all’ultima lira nelle casse dell’Istituto, mentre ora non hanno dato la notizia dell’assoluzione. Grazie al Corriere del mezzogiorno che non ha mai creduto a tali balle se la notizia è venuta fuori. Anche Tempi.it dopo 14 anni si è ricordato del caso. E volete che i politici e organi dello Stato mi chiedano scusa? Posso solo morire aspettando tali nobili comportamenti.
    Grazie amici; mi basta la vostra vicinanza e il fatto che chi mi conosce bene non ha mai dubitato. Ho lottato anche per voi e per loro (e non è demagogia).

  13. Giorgio FidenatoNo Gravatar scrive:

    Vitangelo, bravo: fai come nostro signore che disse: Signore perdonali, perché non sanno quello che fanno!!!

  14. Franco NulliNo Gravatar scrive:

    Prendo spunto dalla citazione evangelica di Giorgio per augurare a tutto il gruppo di discussione un felice S. Natale 2014 e un inizio del nuovo anno che tutti speriamo sia migliore di quello passato; e ci vorrebbe molto poco…

    Mi é doveroso anche di ringraziare Roberto per il meritevole lavoro che svolge in questa sede per cercare di far prevalere la ragione contro l’ottusità del mondo che ci circonda.
    Un buon Natale particolare a te, Roberto con tutti i miei migliori auguri!

  15. Franco NulliNo Gravatar scrive:

    @ Giorgio

    Capisco che tu sia decisamente arrabbiato, per usare un eufemismo, con le istituzioni.
    Ti ringrazio anche per la lotta che stai facendo a favore di tutti quelli che la pensano come te, ma non hanno il tempo e soprattutto la voglia di combatterla in prima persona come fai tu.
    La critica a Vitangelo però mi sembra fuori luogo.
    Ovviamente é un’opinione personale, ma dopo 14 anni di sofferenze giudiziarie credo che il suo moderato pessimismo nei confronti delle istituzioni sia più che giustificato.
    14 anni sono moltissimi e credo che la sua sopportazione sia al limite e dopo questa “vittoria” non abbia più voglia di combattere.
    Non dico il perdono, ma almeno la sua rassegnazione per stanchezza mi pare più che giustificata…

  16. OGM, bb!No Gravatar scrive:

    Grazie Giorgio per quello che pensi degli agricoltori …..

    ” ……. le mie saranno fantasie libertarie, ma mi dovete spiegare dove sta la moralità di prendere dei soldi dalle tasche di un individuo per darle a voi che oprate nel settore agricolo? All’individuo a cui rubate i soldi non interessa niente della vostra attività e potrebbe comprare gli alimenti in altre parti e magari a minor costo.
    Prima di parlare a vanvera imparate a fare gli imprenditori con i vostri soldi e a vostro rischio. Siete imprenditori ed assumetevene la responsabilità. Se non ce la fate a causa del sistema, prendetevela con il sistema e lasciate i 5 miliardi nelle tasche dei legittimi proprietari!!!

    Grazie di tutto

    Franco

  17. Giorgio FidenatoNo Gravatar scrive:

    Un giorno Martin Luther King disse: per farsi dei nemici, non serve dichiarare loro guerra, basta dire la verità. OGM bb, io sono fiero di quello che faccio e di quello che dico. Ho imparato dalle persone oneste e vere, non dagli ipocriti. La verità fa male, lo so, e soprattutto agli ipocriti!!!

  18. bacillusNo Gravatar scrive:

    Buon Natale a tutti con la notizia del nuovo record di produzione unitaria di mais: 503 bushels/acro pari a 316 q/ha!
    Naturalmente l’ibrido che ha permesso questa incredibile performance è un OGM, che “implementa” ben 5 “traits” (e probabilmente il seme era pure conciato con un neonicotinoide ed un nematocida).

    Ciao America, sei sempre più grande.

    http://southeastfarmpress.com/grains/georgia-s-randy-dowdy-hits-503-bushel-corn-top-national-contest-variety-update

  19. SimoneNo Gravatar scrive:

    La verità di uno che oltre a ritenersi (meritocraticamente?) l’unico possessore, si sbroda citando Martin Luther King :

    Giorgio Fidenato scrive:
    20 Nov 2013 alle 23:26

    Io invece sono contento che non esista un’industria sementiera italiana e prevalga chi meritocraticamente ha investito soldi, risorse, intelligenze, tempo. A me di avere una compagnia area italiana (leggasi industria sementiera) non importa assolutamente nulla. Grazie a Ryan air anche il figlio dell’operaio può andare a Londra con quattro soldi. Se dovevamo aspettare l’Alitalia, prodotto tipico italiano, saremmo ancora che chi viaggiava doveva guadagnare almeno 3000,00€ al mese. Gli italiani, con la loro boria del prodotto tipico, di qualità, autoctono e chi ne ha più ne metta sono solo dei cialtroni ciarlatani. E questa boria continua nei proclami della coldiretti e di tutti quelli che si riempiono la bocca del termine qualità, biodiversità, eccc….
    La mia povera mamma diceva: chi se vanta se sbroda!!! Viva la globalizzazione, viva la Cina, viva i paesi emergenti che distruggeranno il popolo italiano che se lo merita perla sua boria, per la sua cialtronaggine!!!!

  20. bacillusNo Gravatar scrive:

    Giorgio, continuano a citarti riportando argomentazioni sacrosante ed incontestabili (infatti non si degnano nemmeno un po’ di contraddirti). E’ incredibile, comunque, constatare che in una nazione allo sfascio come la nostra (e con gli USA in piena crescita) ci sia ancora gente convinta che con l’assistenzialismo, il protezionismo, il governo dell’economia da parte della politica si possa conquistare benessere e prospettiva per il futuro.

    In ogni caso ti stanno facendo un bel regalo di Natale, no? ;-)

  21. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    Simone

    Giorgio ha ragione se lo leggiamo nel modo che ti riferisco:

    1) il singolo agricoltore incapace non merita di coltivare la terra e tanto meno di essere aiutato a sopravvivere

    2° Una categoria di agricoltori che si sono orientati su una filiera, in caso di difficoltà obiettive sorte per decisioni non sue, ma eminentemente politiche, va aiutato ad uscire dall’impasse, ma per il tempo strettamente necessario a trovare una nuova competitività. Se è impossibile trovarla o soprattutto non c’è volontà di trovarla la filiera va ristrutturata e diversificata.

    Queste sono le regole di una economia sana e capace di stare al passo con i tempi che mutano.

  22. SimoneNo Gravatar scrive:

    Secondo voi abbiamo un economia globale sana e sta prevalendo nel mondo chi meritocraticamente e onestamente ha investito soldi, risorse, intelligenze, tempo esclusivamente suoi?mentre tutti gli altri stan soccombendo per solo loro esclusive colpe?
    Corruzione, mafia,soprusi , inganni,mistificazioni non esistono o secondo voi li utilizza solo chi sta soccombendo?Chi sta prevalendo è pulito e non ha nessuna responsabilità e non ha inciso volomtariamente sugli errori della controparte?
    Nell’azioni e pensiero di Martin Luter King c’è stato spazio per gioire per la distruzione di un qualunque popolo per una qualsivoglia ragione?
    Fidenato legge M.L.King ma dall’odio e sarcasmo che manifesta verso i suoi simili ,sembra che si ispiri più a Hitler .

    Guidorzi
    qui di demeriti ce ne sono a bizzeffe ,c’è chi con i soldi può e potrà scansarne le conseguenze, comprarsi le indulgenze e lasciare i cocci agli altri che non possono e non potranno..almeno in questa vita .

  23. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    Simone

    Che l’Italia sia un paese in sfacelo è una sacrosanta verità, che l’agricoltura italiana sia sull’orlo della bancarotta ed incapace di dare da mangiare agli italiani è altrettanto vero. Qui però limitiamo il campo all’agricoltura e su quest’ultima c’è un grosso “MA” grande come una casa.

    1° pur di mantenere in vita microaziende agricole, a scapito degli agricoltori veri quale presumo tu sia, si sono buttati soldi a palate e si continua a farlo. La Coldiretti dovrebbe andare sotto processo per attentato al bene dell’Italia e degli italiani.

    2° Che certe filiere agricole siano state mantenute in vita anche quando non vi era più bisogno perchè incapaci di sostenersi, vedi filiera zucchero che se per un un certo tempo rappresentava una risorsa per non dover sborsare valuta a comprare zucchero dopo era solo una palla al piede in quanto lo zucchero era divenuta una derrata banale e non non potevamo in assoluto essere consorrenziali. Oppure vedi filiera mele di pianura immangiabili rispetto a quelle trentine, oppure ancora gli aranceti obsoleti mantenuti in atto a mezzo sovvenzioni e non aiutati ad essere cavati e pianti con altre varietà. Sovvenzionare produzioni di grano duro perchè incapaci di produrre, benchè fosse possibile. Sovvezionare campi di granoturco per produrre biomassa. Se vuoi posso continuare. Quanti soldi si è mangiata la cooperazione per insipienza dei cooperatori?????

  24. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    Dimenticavo possibile che in uno stato moderno debbano esistere ancora 4, dicesi quattro, sindacati agricoli? Tra l’altro tutti assimilabili come comportamento, tralasciamo le differenze di maniera per distinguersi, alla Coldiretti?

  25. bacillusNo Gravatar scrive:

    Sì, senza alcun dubbio l’economia globale è straordinariamente più sana delle realtà che si ostinano a restare chiuse nel loro piccolo cortile in cui quanto meno prevale il concetto di “economia di relazione”, ovvero quel sistema per cui gli affari si fanno tra amici, conoscenti, gente fidata e sempre pronta a restituire i favori, nonché a fare di tutto perché soggetti terzi possano mettere i bastoni tra le ruote. Che poi si tratta del clima culturale in cui poi proliferano appunto la corruzione e le mafie sistemiche.
    Bene, oggettivamente, dov’è che prolifera questa cultura? Dov’è che questa cultura trova terreno fertile alimentando appunto corruzione e mafie? Incontestabilmente dove c’è profluvio di denaro pubblico. Eppure dovremmo avere tutto davanti agli occhi: Mose, Expo, Mafia Capitale, tutti casi in cui i soldi erano (sono) lì, già stanziati, solo da distribuire. Da distribuire, appunto, non certo da conquistare con il lavoro, l’ingegno, il sacrificio, le idee, le pazzie innovative.

    Tristissimo il mondo di quelli che non l’hanno capito, di quelli che non avendo potuto pasteggiare a sufficienza di contributi, sovvenzioni, incentivi si trovano improvvisamente davanti ad una realtà per loro durissima.
    Auguri.
    Qui si innesta un discorso

  26. bacillusNo Gravatar scrive:

    “perché soggetti terzi possano mettere i bastoni tra le ruote” va letto naturalmente “perché soggetti terzi NON possano mettere i bastoni tra le ruote”
    :-)

  27. OGM, bb!No Gravatar scrive:

    Agricoltori pro-OGM …….. ma tanto questo blog non lo legge nessuno ……. questi sono i vostri paladini pro-OGM……….e queste sono le loro affermazioni:

    - ” ……. le mie saranno fantasie libertarie, ma mi dovete spiegare dove sta la moralità di prendere dei soldi dalle tasche di un individuo per darle a voi che oprate nel settore agricolo? All’individuo a cui rubate i soldi non interessa niente della vostra attività e potrebbe comprare gli alimenti in altre parti e magari a minor costo.
    Prima di parlare a vanvera imparate a fare gli imprenditori con i vostri soldi e a vostro rischio. Siete imprenditori ed assumetevene la responsabilità. Se non ce la fate a causa del sistema, prendetevela con il sistema e lasciate i 5 miliardi nelle tasche dei legittimi proprietari!!!

    - “….Io invece sono contento che non esista un’industria sementiera italiana e prevalga chi meritocraticamente ha investito soldi, risorse, intelligenze, tempo. A me di avere una compagnia area italiana (leggasi industria sementiera) non importa assolutamente nulla. Grazie a Ryan air anche il figlio dell’operaio può andare a Londra con quattro soldi. Se dovevamo aspettare l’Alitalia, prodotto tipico italiano, saremmo ancora che chi viaggiava doveva guadagnare almeno 3000,00€ al mese. Gli italiani, con la loro boria del prodotto tipico, di qualità, autoctono e chi ne ha più ne metta sono solo dei cialtroni ciarlatani. E questa boria continua nei proclami della coldiretti e di tutti quelli che si riempiono la bocca del termine qualità, biodiversità, eccc….
    La mia povera mamma diceva: chi se vanta se sbroda!!! Viva la globalizzazione, viva la Cina, viva i paesi emergenti che distruggeranno il popolo italiano che se lo merita perla sua boria, per la sua cialtronaggine!!!!

    Agricoltori pro-OGM, siete in buone mani!

  28. Franco NulliNo Gravatar scrive:

    Buon Natale…

  29. roberto defezNo Gravatar scrive:

    Ho visto Vitangelo a Taranto trovandolo in piena forma. Era una serata per presentare il mio libro e le domande erano le stesse che avrei avuto nel resto d’Italia. Credo che un dato interessante sui possa trarre da quella serata (ma Vitangelo potra’ darne la sua versione) ed è che se 70-80 persone hanno scelto di stare in una sala a discutere civilmente di Ogm il 22 dicembre con oltre un ora di domande fino alle 21, forse le informazioni che circolano non sono sufficienti e c’è ancora tanta, tantissima informazione e comunicazione da fare per far svegliare tanti addormentati dalle pubblicità televisive.
    Buone feste e buon anno nuovo.

  30. VitangeloNo Gravatar scrive:

    Confermo la buona impressione ricevuta da Roberto. C’è tanto da discutere, direi con lezioni ad hoc per ogni quesito posto che denota la pochissima conoscenza dei problemi tecnici e scientifici che in questi anni sono stati erroneamente o ad arte inculcati tanto da creare una visione dell’agricoltura estremamente lontana dalla realtà. Quando si sente parlare -con particolare riferimento all’Itala e all’Europa- di monopolio della multinazionali del cibo e dei semi, della sterilità dei semi OGM ignorando del tutto l’esistenza degli ibridi e il loro ruolo nella valorizzazione della biodiversità (ridotta a mero slogan da chi non conosce neanche le leggi di Mendel, cosa di per sé grave visto che si studiano alle scuole elementari e medie) nell’evoluzione delle cultivar; di contadini che non esistono più, ed ancora peggio di agricoltura come la panacea alla risoluzione di una crisi prevalentemente industriale…allora ti rendi conto che nell’immaginario collettivo circolano idee sbagliate. A discapito dei veri problemi e di chi ha veramente fame! E tutto quello che gira intorno a EXPO 2015 ne è la riprova: circolano non idee serie ma tanti soldi in TV e Giornali (penso meno di quanto accaparrato e scoperto con le tangenti) perché dobbiamo convincere (chi?) di quanto siamo belli….senza partecipare per niente a sollevare il vero problema: la fame degli altri. Altra riprova è che i giornali appaiono poco propensi a parlare del mio caso perché dovrebbero parlare bene di uno che è da sempre a favore degli OGM. E questo è al momento poco consigliabile! L’ulteriore riprova la troviamo poco più su, dove qualcuno -il solito- preferisce riproporre le solite sue idee (!) anche a costo di uscire fuori tema? Con un pessimo servizio per gli agricoltori veri che sono in grado di scegliere da soli le loro sementi comunque ottenute!

  31. OGM, bb!No Gravatar scrive:

    Vitangelo, visto che la meni tanto con questa mancata condanna di uno che è paldino degli OGM……ci dici, per cortesia, i capi di accusa che facevano riferimento agli OGM

    …… se non ce li dici cosa vuol dire?

  32. bacillusNo Gravatar scrive:

    Beh, ormai ogni intervento di questi antagonisti della ragione e del buon senso sono la conferma della loro insipienza e del fatto che incarnano una deformazione culturale da far spavento. Una piena assoluzione per non aver commesso il fatto diventa “mancata condanna” (sigh). E poi da dove si evince che la vicenda giudiziaria di Vitangelo avesse oggetto gli OGM?
    Non so, ma voi “negazionisti del progresso” siete sicuri di agire per costruire un futuro almeno per voi stessi? Ovvero, non è che siete impegnati per scavare una grande fossa comune in cui, oltre a voi stessi, trascinerete anche noi?

  33. TC1507No Gravatar scrive:

    Ben detto, bacillus. Non semplicemente contrari all’innovazione bensì negazionisti del progresso. Questo è il termine giusto.

  34. OGM, bb!No Gravatar scrive:

    orgoglioso di essere negazionista del progresso

    http://www.ordiniveterinaripiemonte.it/rivista/01n06/04.htm

    http://www.ilsecoloxix.it/p/italia/2014/11/22/ARyhEJeC-pericoloso_amianto_dichiarato.shtml

  35. VitangeloNo Gravatar scrive:

    La mia vicenda, per chi non l’ha seguita e/o non ha orecchie per intendere, dovrebbe -ma è pura illusione- abbattere una volta per tutte gli assiomi secondo i quali “chi non è d’accordo con me è ladro” oppure assume illegalmente” oppure “se non sei d’accordo con il ministro devi andartene” oppure ” vai a dirigere un altro Istituto dove non hai competenze che all’orticoltura ci pensiamo noi”, “non insistere, prepara le valigie e vai via da Pontecagnano”. E se non basta blocchiamo le convenzioni operanti da anni dell’Istituto approvate dai Ministri precedenti; blocchiamo i Progetti dell’Istituto gestiti dal Direttore dell’Istituto; blocchiamo i Brevetti internazionali dell’Istituto sull’applicazione dell’ingegneria genetica sugli ortaggi che molti al mondo chiede di utilizzare; insomma, togliamo l’ossigeno al Direttore, e potrei continuare. Ora, giustamente, l’Azzeccagarbugli dice “dove sono i reati direttamente collegati agli OGM!” Saranno mascalzoni mica scemi! Intanto il lavoro sporco lo fanno i portaborse! Comunque, oltre a capire che niente di illegale era stato fatto anche i giudici hanno capito che bisognava distruggere un nemico politico; e aggiungo a mio vanto…di sinistra con un governo di centro-sinistra. Chi disse bisogna impedire a quella mente di pensare? Un concetto, purtroppo, ancora valido! OGM bb con chi stai?

  36. OGM, bb!No Gravatar scrive:

    Caro Vitangelo, ho capito che gli OGM non c’entrano niente con la tua vicenda…….tutte supposizioni……tutta fuffa!

    Ci dici i brevetti che avresti fatto con gli OGM. Grazie.

  37. VitangeloNo Gravatar scrive:

    NO, non te lo dico perché un ben informato come te dovrebbe già conoscerli. Non abbocco!

  38. bacillusNo Gravatar scrive:

    L’essenza medievale (intesa nel senso peggiore) della cultura di certi personaggi si evince chiaramente dagli argomenti che adducono per giustificare la loro tristezza intellettuale. Due link a fonti “prestigiose” in cui si parla di Bse ed amianto evidentemente per sottolineare quanto il progresso possa essere deleterio e spaventoso.
    Ebbene, sta di fatto che proprio questi due casi dimostrano clamorosamente come sia stato proprio il progresso scientifico a trovare le cause degli effetti negativi di certe pratiche, fornendo contestualmente anche le soluzioni. Per contro è stata indiscutibilmente proprio la politica ad agire in ritardo, in modo ambiguo ed arruffone, finendo per essere la reale responsabile dei danni che si sono provocati.
    E’ la stessa politica che vieta la sperimentazione in campo degli OGM, che pone limiti assurdi alla sperimentazione animale, che manda ispezioni negli istituti in cui lavorano bravi genetisti.
    Se voi vi fidate di quelli, beh, siete davvero in buone mani. ;-)

  39. OGM, bb!No Gravatar scrive:

    i silenzi parlano più di tante parole……..”tutta fuffa” caro Magnifico……. nessun capo d’accusa riferito agli OGM…….nessun brevetto sugli OGM….. sempre e solo “mezze verità”

  40. bacillusNo Gravatar scrive:

    In ogni caso vorrei ricordare che la vicenda vissuta da Vitangelo non è una novità per la nostra storia e per quella politica stracciona che da anni sfrutta e frena le migliori energie del paese.
    Erano gli anni ‘60 quando Domenico Marotta e Felice Ippolito furono oggetto di gravi accuse del tutto simili, furono portati alla gogna e condannati. Furono due casi emblematici di ritorsione nei confronti di personaggi abituati a rispondere solo alle domande della scienza e della propria coscienza, rifiutandosi di scendere a compromessi con le bassezze della politica.
    Passano gli anni, ma le intenzioni ed i metodi restano. Sia chiaro, se siamo un paese allo sfascio i motivi ci sono.

  41. VitangeloNo Gravatar scrive:

    Grazie Bacillus per aver ricordato altre due illustrissime vittime del potere. Passano i governi ma i metodi restano quelle delle peggiori dittature. Purtroppo!
    I Brevetti “OGM” targati Isport et al. ci sono, eccome! Tutti gli amici di Salmone li conoscono. Inutile ripetersi. Anzi, uno scade fra un anno e se non ci diamo una mossa se lo papperanno i cinesi o gli indiani se non arrivano prima gli americani che per ottenere gli stesi risultati hanno speso milioni di dollari. Ovviamente è una ….mezza verità!!!!!Vero, Roberto?

  42. Fidenato GiorgioNo Gravatar scrive:

    Se permetti Vitangelo, qui il vero problema è un altro. L’errore che fanno molti e che fai anche tu, è che siamo convinti che la ricerca sia solo pubblica e quindi ci affidiamo mani piedi e culo ai politici. poi arriva un imbecille (in un senso e nell’altro) e fa disastri. La vera rivoluzione che dobbiamo compiere è pensare che il pubblico sia la panacea. E’ bene pensare che mettere una valanga di soldi in mangia politici è un disastro totale. E’ bene cominciare a pensare in modo privatistico. Al pubblico, al collettivo, zero soldi e ognuno si guadagni sul campo la sua pagnotta. In altre parole bisogna togliere il monopolio alla ricerca (e parallelamente tutti i soldi che vengono affidati alla politica) e poi vedrai come le cose cambiano!!!!

  43. OGM, bb!No Gravatar scrive:

    targati Isport et al……………Vitangelo cosa vuol dire al.? che in pochi capiscono……….vuol forse dire che li hanno fatti altri con finanziamenti dell’Isport?

  44. roberto defezNo Gravatar scrive:

    Caro Vitangelo,
    OGMmb non conosce la storia; domani cerco di aggiungere come aggiornamento di questo post un documento originale che io continuo ad illustrare in pubblico quando devo fare una lezione su quale sia il livello di ignoranza dei brevetti. Credo sia utile ricordare il trapassato anche per poter far corrispondere le date tra uscita dei testi dei brevetti, ideologia politica dei ministri ed innesco delle vicende giudiziarie.
    Pubblico il teso originale perchè trattasi di documento pubblico e non riservato, ma al tempo stesso Vitangelo ti ricordo che siamo in una pubblica piazza per cui non devi abboccare a provocazioni e prestare il fianco a chi mastica amaro per il tuo successo giudiziario e cerca una rivincita anche mediante una tua dichiarazione colloquiale. Ricorda che qui sei tra amici, ma che le nostre parole le leggono anche persone molto poco amiche che hanno inanellato in questi anni una impressionante lista di fallimenti giudiziari e che sono quindi in cerca di vendette. Il testo che pubblico è chiaro e spiega a chi sa leggere: quindi non dare a nessuno spiegazioni non dovute.

  45. OGM, bb!No Gravatar scrive:

    Vitangelo, stai attento a quello che dici……”tutto quello che dici potrebbe essere utilizzato contro di te”.

    ti fanno fare la figura della scimmietta “non vedo, non sento, non parlo”.

    Rimane il fatto che con ogni probabilità capi d’accusa che riguardavano OGM, se non ce li dici, significa che non ne hai avuti……… rimane il fatto che brevetti sugli OGM, tranne quelli in associazione con altri (ovvero quelli che con ogni probabilità hanno fatto altri), con ogni probabilità non ne hai fatti………. però grazie a questa tua assoluzione ti hanno fatto diventare il paladino degli OGM…….. lo dico per il tuo bene………..forse ti usano?

  46. VitangeloNo Gravatar scrive:

    Penso che fra le mie (pessime!) caratteristiche annovero occhi ben aperti, orecchie grandi e lingua lunga….Insomma, chi mi conosce sa che non le mando dire. Altro che scimmietta.Scusate la presunzione di chi è già presuntuoso nel cognome!
    Roberto sai bene che con voi mi sento fra amici e persone serie e preparate. Non temo gli avversari ammesso che siano leali. Non mi piace perdere tempo con gli stupidi e chi….. fa finta di non capire!
    Giorgio, sono in parte d’accordo con te e ti cito un grande insegnamento che ho ricevuto da un Grande (l’ultimo, secondo il mio metro di giudizio) delle campagne italiane: Peppino Avolio, sempre a proposito di OGM. Peppino diceva: “Se gli OGM li fa l’Istituto di Orticoltura sto tranquillo perché c’è il controllo pubblico e democratico; se li fa una multinazionale ho qualche sospetto” E dalla discussione emergeva che se togliamo al pubblico la possibilità e la capacità di controllare la multinazionale le cose vanno ancora peggio. Da qui l’esigenza di avere istituti pubblici che siano in grado di valutare ciò che viene dal privato. Il contributo del privato è fondamentale nell’introdurre l’innovazione sui mercati; ed io aprii da direttore dell’Isport le collaborazioni alle ditte sementiere italiane e non (alcune sono ancora in atto e danno frutti altre non sono neanche partite e avrebbero prodotto molto e rifinanziato la ricerca con l’utilizzazione dei brevetti) per far ricadere subito l’innovazione finanziata o cofinanziata dal pubblico. Ora, da noi, con il blocco della ricerca sull’ingegneria genetica in agricoltura abbiamo affievolito di molto la capacità del pubblico di controllare il privato. Abbiamo creato ostacoli anche ai privati che sono scappati dall’Italia. Non c’è che dire, un capolavoro di politica agraria e della ricerca!

  47. PieroNo Gravatar scrive:

    credo che nel dibattito fra Giorgio e Vitangelo si inserisca bene questo intervento
    http://blog-micromega.blogautore.espresso.repubblica.it/2014/12/22/carlo-bernardini-la-ricerca-scientifica-e-la-fuga-dei-servitori-dello-stato/

  48. VitangeloNo Gravatar scrive:

    Grazie Piero per la segnalazione. Molto interessante. Leggerò tutto con attenzione.

  49. Fidenato GiorgioNo Gravatar scrive:

    No, non intendevo quello. L’articolo si muove tutto nell’ambito dello statalismo. Io non sono assolutamente convinto che la ricerca pubblica sia migliore di quella privata e che quella privata debba essere siglata dalla ricerca pubblica. Dico che la vicenda di Vitangelo dimostra esattamente il contrario e che cioè la ricerca pubblica, in monopolio e con i soldi estorti dalle tasse produce cose mostruose. Quindi bisogna eliminare la ricerca pubblica e che la ricerca diventi un campo di competizione fra privati che vogliono investire o per benefattori che ci credono in una cosa senza essere sicuro che porti ad un guadagno. Il corollario è che le tasse in generale devono assolutamente calare, se non sparire, di modo che le risorse stanno in mano a chi le ha prodotte e i legittimi loro proprietari decideranno cosa fare!!!

  50. PieroNo Gravatar scrive:

    Non credo che sia corretta l’equazione pubblico=statalismo
    Se per pubblico intendiamo la res publica forse ci intendiamo meglio e possiamo trovare punti di accordo. D’altronde è risaputo che il privato tende a privilegiare la ricerca applicata rispetto alla ricerca pura ed è altrettanto risaputo come sia in effetti la ricerca pura che, in senso lato, ci fa progredire.
    Penso che ancora una volta sia la Costituzione a indicare la via maestra
    Art. 41.
    L’iniziativa economica privata è libera.
    Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana.
    La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l’attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali.
    Se poi vogliamo dire che quello che avevano immaginato i padri costituenti è finito in ben misere mani, forse tutti quanti dobbiamo fare un po’ di autocritica. Ma questo è un altro discorso.

  51. FrancescoPDNo Gravatar scrive:

    http://www.glistatigenerali.com/agricoltura_filosofia_ricerca/gli-ogm-e-inversione-dellonere-della-prova-largomento-ad-ignorantiam/

  52. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    Appunto, il “principio di precauzione” trasformato in “principio di proibizione”

  53. catrafuseNo Gravatar scrive:

    Grazie per avermi fatto conoscere una vicenda che non conoscevo e congratulazioni al professor Vitangelo per avere vinto con dignità la sua battaglia.

  54. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    Vitangelo

    La tua assoluzione è praticamente passata sotto silenzio, mentre i 70 anni (sprecati) di Capanna hanno fatto oggetto di un articolo sul Corriere di oggi a firma di un ineffabile giornalista che risponde al nome di Andrea Senesi (ma non aveva altro da scrivere?).

    Capanna dice che “fa l’olio”, “fa il miele” solo che non sa che lui non fa un bel niente, al massimo estrae l’olio dalla pianta stessa che lo ha creato e non certo pensando di condire la nostra insalata; oppure depreda del loro cibo le api, vale a dire che per le idee che ha sostenuto negli anni 70 è uno sfruttatore alla stessa stregua di qualsiasi altro che non da la giusta mercede ai suoi lavoranti. A Città di Castello dove risiede tra l’altro non credo che sia una zona particolarmente vocata per l’olio (io l’ho sempre trovato con molta acidità). Lo volete capire che lui fa il contadino con 9000 euro al mese o giù di li? Certo è facile farlo a queste condizioni, mentre vi è gente che dalla terra non riesce a tirare fuori da mangiare per la sua famiglia. solo che lui ricorre ai soldi nostri mentre il contadino fa il “pellagroso” come si dice da noi. Non solo ma non si vergogna neppure ad affermare che è scandaloso che il 10% possieda l’80% della ricchezza mondiale e lui intasca 9000 euro al mese, non solo ma gli regalano anche un castello (non mi venga a dire che è della fondazione, quando lui ne può disporre come vuole, per me è solo sfruttamento a proprio vantaggio di un bene pubblico ed inoltre si permette di far distruggere il lavoro del Prof Rugini che in fin dei conti ha impiegato soldi pubblici che così sono andati su per il camino). Aggiunge anche che dal movimento studentesco non è uscito nessun terrorista, bella forza non avevano le palle per farlo, non solo, ma appena possibile hanno preferito istituzionalizzarsi a caccia di prebende pubbliche.
    E’ sempre in giro per la fondazione diritti genetici? Certo fa il turista con i soldi degli altri! Incontra scienziati perfino, solo che l’incontro, ammesso e concesso che sia vero, non lo fa sicuramente divenire un esperto di genetica e di miglioramento delle piante, anzi gli confonde a tal punto le idee che è solo capace di dire strafalcioni.

    Forse essendo divenuto amico di Arafat ha visto come si fa ad arricchirsi alle spalle di tanti gonzi, come Arafat a fatto d’altronde. Ma la chicca finale è la sua massima: “diffidate del politico che non ha mai preso una vanga in mano”. Innazitutto la sua dovrebbe avere un manico d’oro in quanto l’ha presa in mano quando ogni mese pigliava 9000 euro al mese e forse la usa più per sostegno che per manovrarla in quanto lui ha capito da molto che “il lavorare stanca” e quindi e meglio starci alla larga, cosa che infatti fa perchè preferisce i convegni…quali?

  55. Franco NulliNo Gravatar scrive:

    E aggiungo al pensiero di Alberto che probabilmente non ha ancora capito, l’ineffabile Capanna, che la terra comunque é sempre in basso…
    Lo vedo sempre nelle foto istituzionalizzano le spalle ben erette.

  56. Franco NulliNo Gravatar scrive:

    ovvio che era “istituzionali con le spalle ben erette”

  57. VitangeloNo Gravatar scrive:

    Se penso che fino a quando mi sono laureato (e marginalmente anche dopo) ho sempre aiutato mio padre in campagna mi viene da ridere se penso che Capanna non si fida di chi non ha mai preso la vanga in mano! E’ vero che lui si riferisce solo ai politici e non ai Ricercatori e ad altre categorie meritorie e che al sud molti come me hanno usato la zappa e non la vanga; però mi chiedo lo stesso, perché criminalizzare chi non sa (o non ha avuto occasione per farlo) zappare o vangare per potersi vantare e crearsi una verginità politica? E poi, tra me e lui, tanto per portarla sul personale ed oltre l’attrezzo agricolo, non c’è la differenza che io dicevo che Pecoraro Scanio e Alemanno erano pessimi Ministri dell’Agricoltura mentre lui accettava da questi e altri pessimi ministri finanziamenti per impedire a me e a quelli come me di fare un particolare tipo di ricerca, dove avevamo ottenuto anche buoni risultati e brevetti con finanziamenti esclusivamente pubblici (è bene ribadirlo) pubblici? La differenza, quindi, non sta nel saper zappare o meno; la differenza sta nella qualità delle politiche della ricerca: pessime e per niente democratiche quelle da lui avallate. Se per lui ci erano stati anni formidabili scontrandosi con i poliziotti (quanti bravi zappatori e vangatori fra loro! Pasolini docet), con le politiche avallate da lui gli anni trascorsi da bravissimi Ricercatori, compresi i miei 14 da indagato, sono stati anni di merda!
    Scusatemi, ma non ho trovato una parola che rendesse a pieno il concetto!
    P.S. Alberto, il 1°gennaio ho compiuto 70 anni. Ho chiesto ed ottenuto dai miei di non festeggiarli. Ovviamente nessuno è venuto, e neanche lo pretendevo, ad intervistarmi. Sono, alla fine dei conti, un vecchio ex-zappatore. E mi verrebbe da dire, come nella famosa commedia napoletana: “Avvocato Capanna, e vasame sti mane!”

  58. DesideriaNo Gravatar scrive:

    Sì però non è vero che “Ma nessun partito si è caricato sulle spalle la responsabilità di una scelta avversata da lobby consolidate e ritenuta impopolare.”!! Il Partito Radicale è favorevole agli OGM!! (Andate a vedere il sito dell’Associazione Luca Coscioni.)

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Aspetti legali

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…