OGM: Domenica 15 settembre tutti alla festa di Vivaro (PN)

09 Set 2013
Post2PDF Versione PDF

mais-griglia
Articolo aggiornato il 16 Settembre 2013

L’associazione italiana maiscoltori organizza una visita ad alcuni campi di mais resistente alla piralide messi a confronto con gli ibridi isogenici convenzionali.

l’appuntamento è per il 15 settembre 2013 alle ore 9, in via roma 9 a Vivaro (Pordenone)

Per informazioni telefonare al n. 329-8420551 o al n. 041-987400

—————————————————————————-

Foto della giornata (grazie a Lanice per avercele inviate)

cimg2866cimg2887
cimg2886cimg2884
cimg2881cimg2877

18 commenti al post: “OGM: Domenica 15 settembre tutti alla festa di Vivaro (PN)”

  1. Franco NulliNo Gravatar scrive:

    Carissimi tutti

    Sono triste, molto triste.
    In primo luogo per non essere andato oggi a Vivaro a mangiarmi un paio di spighe di mais OGM abbrustolite o bollite in acqua e latte; motivi personali me lo impedivano.
    In secondo luogo, e soprattutto, per la totale mancanza di commenti e seguito a questo post.
    Il Salmone è forse stanco? Il nuoto controcorrente è troppo faticoso per affrontarlo?
    Non lo so, ma vedo un terribile disinteresse al problema.
    E non stiamo parlando solamente di mais o soia OGM in queste pagine.
    Stiamo cercando di sostenere una campagna in favore del progresso, di un progresso serio e ragionato, anche discutibile, con dibattiti a volte scientifici a volte umorali, comunque utili ad una nostra personale crescita.
    Cosa ci ferma?
    Aiutatemi a capire se vale la pena di continuare a frequentarci o se dobbiamo gettare le armi e arrenderci di fronte ad un “nemico” di gomma. Non risponde ma rigetta!

    Franco

  2. marco pastiNo Gravatar scrive:

    Caro Franco,
    oggi io sono andato a Vivaro a vedere il mais resistente alla Piralide ed è stato molto interessante: abbiamo visto tre varietà due in prima semina e una in seconda semina. Delle due in prima semina una era sanissima e con spighe praticamente perfette mentre l’altra non era attaccata dalla piralide ma aveva dei chicchi col pericarpo “scoppiato” con successivo sviluppo di muffe ma che non parevano ne fusaria ne aspergilli. La varietà più interessante era comunque quella in seconda semina praticamente perfetta anche quella salvo qualche spiga attaccata dell’elicoverpa e poi…. era allo stadio di maturazione perfetta per cucinarla sulla griglia: ottima! ad esser pignoli con un po di burro salato sarebbe stata ancora meglio!
    Effettivamente comunque pare anche a me che la forza dei salmoni controcorrente si stia un po’ affiefolendo, il Golia anti OGM sta sopraffacendo il Davide pro OGM…le forze in campo sono troppo sproporzionate e a son di ricorsi contro decreti farsa non si farà molta strada bisognerebbe trovare una fionda che faccia breccia nell’opinione pubblica ma quale fionda può contrastare la potenza comunicativa di coldiretti, greenpeace, coopitalia, slowfood etc. etc. bisognerebbe trovare una sorta di beppe grillo al contrario!

  3. OGM, bb!No Gravatar scrive:

    Io vi ho detto cosa farei per gli “OGM buoni”, poi voi fate quello che volete.

  4. Franco NulliNo Gravatar scrive:

    Grazie Marco.
    Pensa che il burro salato lo avevo preparato nel frigo…
    Si, Davide rischia grosso.
    Lottare contro i mulini a vento é opera improba…
    Io comunque ho una certezza.
    Sono sicuro che, purtroppo alla lunga, il buonsenso e la verità prevalgano sempre.
    Non sarà forse per noi il tempo giusto, ma almeno, se continuiamo a far sentire la nostra fievole voce a fronte dei megafoni mediatici, i nostri figli avranno i benefici che a noi sono negati.
    Non demordiamo, usiamo le nostre fionde anche se con elastici snervati!

    Ciao Franco

  5. bacillusNo Gravatar scrive:

    Eh, insomma… c’ero anch’io oggi a mangiare il mais di Giorgio… e ci ho portato pure moglie e figlie. Ci siamo divertiti, abbiamo conosciuto gente, abbiamo imparato come al solito un sacco di cose. :-)
    Caro Marco, visto che sei anche tu un “salmone”, la prossima volta fatti sentire, no? Cercando di essere un minimo fragoroso, visto che di solito noi siamo per definizione pragmatici e poco appariscenti.
    Bella giornata, comunque. Rendendo il merito a Giorgio Fidenato ed a quelli di Futuragra che si confermano ancora una volta i grandi protagonisti positivi di questa vicenda.

    Forza SALMONE!

  6. roberto defezNo Gravatar scrive:

    Intanto abbiamo tutti una seconda opportunità di vista ad altri campi di mais Bt, sempre nella stessa zona e l’appuntamento verrà fissato tra poco da Futuragra, quindi gli assenti ed i presenti si possono rivedere: io ci sarò.

    Inoltre Lanice mi ha mandato alcune foto e tra poco troverete un aggiornamento di questo post con le foto della festa.

    Infine ci sono varie iniziative “parlamentari” in corso, vediamo se si riesce a far ragionare gli italiani senza dover ricorrere a comici o politicanti professionisti.

  7. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    PERCHE’ MI SONO SOBBARCATO 450 KM PER ANDARE A VIVARO?

    il motivo è presto detto, Giorgio Fidenato merita la massima solidarietà. Si è esposto, ha speso soldi suoi, è stato “seviziato” da una giustizia applicata da giudici non degni di fare il mestiere che fanno, è stato deriso come un novello Don Chisciotte. Eppure senza di lui le cose sarebbero ancora al famigerato Decreto 212 di zaiana memoria. Io sapevo che aveva ragione da vendere, ma non ho avuto il suo coraggio, la sua perseveranza e la sua disponibilità.

    Circa lo scopo della riunione, che la Piralide abbia attaccato molto meno il mais con il Mon810 inserito era visibilissimo confrontandolo con un vicino mais convenzionale, ma era eclatante se si osservava un mais seminato nelle vicinanze appartenente ad una varietà locale dove pannocchie e e fusti erano letteralmente ridotti a veri e propri colabrodo. Se si volesse fare la polenta con il tipo “indurata” della varietà locale (che onestamente sarebbe più buona) bisognerebbe sgranare a mano spiga per spiga in modo da eliminare tutte le cariossidi e le parti con rosure e quindi piene di micotossine in quanto sarebbe un autoavvelenamento; non credo, però, che la farina da polenta ricavata da questi tipi di mais e dichiarata biologica subisca nessuna di queste attenzioni,il tutto sarà macinato e venduto a maggior prezzo.

    Vi sono però da fare altre amare considerazioni che vengono a confermare i miei timori di una caduta verticale di professionalità dei maisicoltori e agricoltori italiani in genere, infatti a margine di questa riunione gioviale di gente (sparuta per la verità), ma che o non si vuol piegare ai diktat di facinorosi o che vuol testimoniare a Fidenato il sostegno perchè convinti della sua buona ragione e all’opinione pubblica che sta dando credito ad una battaglia di retroguardia, ma che ne pagherà care le conseguenze, vi era la visita una piattaforma dimostrativa di varietà di mais convenzionale della Dekalb (marchio ormai inglobato dalla Monsanto) di cui non conosco la numerosità dei partecipanti, ma sicuramente numerosa perchè la mia esperienza di ex-sementiere mi ha insegnato che quando vi una mangiata a sbafo diventa agricoltore anche il bottegaio.

    Ebbene credete voi che qualche maisicoltore abbia colto la comoda occasione per confrontare con i propri occhi gli effetti di una innovazione che potrà aiutare in futuro il loro fare agricoltura da reddito? Ma no! Sono rimasti comodamente seduti a tavola ed al mais OGM non hanno degnato uno sguardo. Si deve annoverare solo una visita di saluto da parte del loro presidente Dr. Pasti.

    Credono quei coltivatori di trovare l’innovazione in piattaforme dimostrative di varietà di mais convenzionali prodotte da da una multinazionale che si è votata anima e corpo alla creazione di varietà OGM, ma solo di quelle che avranno ritorni economici per i propri azionisti? (Intendiamoci bene, è normale che una società che deve finanziare una ricerca costosa e che si rifornisce di mezzi finanziari sul mercato adotti questa strategia) Sarebbero dei grandi ingenui! Ciò per due motivi: - primo perchè non si offre per sempre l’altra guancia a chi ti da delle sberle come gli europei stanno facendo con la ditta capofila, - secondo perchè i suoi sforzi di miglioramento li fa solo per poter ingegnerizzare le nuove varietà rese più performanti e proteggerle da brevetti come fa qualsiasi imprenditore. Le varietà di punta non ingegnerizzate la Monsanto non le mette sul mercato e tanto meno su quello europeo. Quali ritorni può avere a dare ai maisicoltori italiani varietà innovative? Tanto sono obbligati a ricorrere alla sua genetica o a quelle delle consorelle che perseguono la stessa identica strategia. Avessimo noi una genetica nazionale d’avanguardia sul mais allora potremmo optare per un po’ di nazionalismo, ma siamo in totale braghe di tela e purtroppo lo siamo su tutte le specie agricole che coltiviamo.

    Agricoltori che vivete solo ed unicamente del reddito della vostra attività imprenditoriale agricola svegliatevi, ve li state tagliando…

    Altra amarissima considerazione è come si possa essere arrivati a dover dislocare a Vivaro per una intera mattinata festiva una decina tra poliziotti, agenti dei servizi investigavi e vigili urbani per tema di tafferugli su un argomento che si dovrebbe dirimere a livello di risultanze scientifiche o meno e di sani principi di precauzione scambiati, invece, per principi di preclusione. Ma quando dovremo decidere di cose ben più importanti e vitali cosa faremo la guerra civile?

    Meno male che sono più vicino all’aldilà che all’aldiqua!

  8. LaniceNo Gravatar scrive:

    Mi sono alquanto divertita; tutto il resto lo ha già detto Alberto.

    Con ogni probabilità sarà organizzata la raccolta a mano di quanto rimane di quei 1000 metri di campo, dopo vandalismo, mangiata e furto da parte di molteplici mani, incluse quelle degli agenti di polizia :D e se appena potrò ci andrò, dato che è stata una bella giornata.

  9. marco pastiNo Gravatar scrive:

    Per Bacillus,
    in effetti la mattinata si è svolta in ordine sparso e dopo la visita alle varietà OGM vs le non OGM iniziata verso le 9.30 Silvano Dalla Libera ci ha dirottato alla manifestazione della Monsanto da cui poi sono tornato mezzogiorno. Tra l’altro non ero neppure informato che il buon Giorgio avrebbe organizzato una griglia per cuocere le pannocchie…Gli ho proposto di organizzare per i prossimi anni una sagra del mais ogm!
    Per Alberto Guidorzi,
    in effetti abbiamo visitato i campi e fatto diverse valutazioni tra le 9.40 e le 10.40 però eravamo non più di una ventina e solo una parte è effettivamente entrata dentro a ispezionare le piante. Mi sarei aspettato anch’io di vedere più gente, ma da una parte non abbiamo fatto troppa reclame e dall’altra qualcuno temeva di essere incolpato di “favoreggiamento”.

  10. roberto defezNo Gravatar scrive:

    ripeto che ci arà presto una seconda visita ad un econdo campo sempre a Vivaro: possiamo vedere di far apere a molti altri che è una grande opportunita’?

  11. roberto defezNo Gravatar scrive:

    ….e poi ci ono gli OGM alieni
    http://www.lastampa.it/2013/09/16/scienza/ambiente/inchiesta/le-scie-chimiche-la-leggenda-di-una-bufala-gO2V1NvGC3pVLliU3b4NBM/pagina.html

  12. LaniceNo Gravatar scrive:

    Roberto: se trovavo divertente l’idea di mangiarmi le prime pannocchie di mais bt coltivate in Italia, e mi diverte anche l’idea di fare personalmente un raccolto a mano come una volta, non mi attira molto l’idea di farmi tutta quella strada per star lì a guardare una mietitrebbia che va su e giù per un campo. So che è un evento “politicamente” più importante, in quanto Futuragra è un’associazione importante nel settore e non un privato (al quale peraltro si deve la sentenza della corte di giustizia europea), ma io non ho doveri di rappresentanza, quindi tendo a fare quello che mi diverte, e penso sia così per tutti coloro non coinvolti nella faccenda in modo diretto; secondo me non è granché come idea per attirare gente, quella di fare assistere alla trebbiatura. Cosa si direbbe alla gente per farli partecipare, che devono andare fino a Vivaro a guardare una trebbiatura identica ad un milione di altre che si fanno in tutto il paese ogni anno?

  13. roberto defezNo Gravatar scrive:

    Cara Lanice,
    verranno forniti i dati tecnici e le analisi dei ricercatori che in assenza di attività di ricerca pubblica in campo sugli OGM sono stati condotti. Questo dimostrera’ molte cose anche molto rilevanti visto il recente decreto tri-ministeriale.
    Non è il caso di fare classifiche tra Fidenato e Dalla Libera-Campagnolo, ognuno ha i suoi meriti straordinari (ti ricordo che io ho fatto il consulente scientifico dalla parte di Giorgio al suo processo penale).
    Anche io come vedi salgo una volta sola non potendo fare su e giu’ in continuazione, ma i target sono diversi e se fossi stato più vicino sarei andato anch’io a mangiare una spiga alla brace.

  14. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    …. se è per quello Roberto presto ci sarà la caccia agli “OGM nascosti” ed allora vedremo se qualche agricoltore si sveglierà quando un “capomanipolo facinoroso” deciderà che il suo campo seminato con una varietà derivata da una mutazione indotta sarà tacciato di essere un OGM.

    Il Sequestro dei beni di Fidenato è stato immediato, mentre dei processi ai facinorosi che gli hanno distrutto il primo campo ne sapete qualcosa voi? io no!

  15. LaniceNo Gravatar scrive:

    Roberto - No aspetta, aspetta, non ci siamo capiti: io non faccio nessuna classifica; appunto, tu sei biotecnologo e per te è molto più importante l’aspetto della ricerca, i numeri, rispetto al mettersi a rosicchiare una pannocchia; ma tu hai scritto: “possiamo vedere di far apere a molti altri che è una grande opportunita’?”

    Molti altri chi, quale target? I “tecnici” non hanno bisogno che si faccia arrivar loro la notizia, e non tecnici non si allettano facendo loro assistere ad una trebbiatura, capisci?

  16. LaniceNo Gravatar scrive:

    Ok, mi sono riletta: tanto per cambiare non è uscito quello che volevo.

    Politica: Futuragra è più importante di un privato, per portare avanti la battaglia, ha più mezzi, proprio in quanto associazione di settore, anche sotto l’aspetto della ricerca. Questo era il senso dell’uso del termine politico.

  17. roberto defezNo Gravatar scrive:

    Intendo dire che Marco Pasti non sapeva dell’incontro e quelli che erano con lui non erano stati informati: ad esempio queste persone potrebbero essere allertate in anticipo ed essere invitate in un luyogo dove possono fare domande e discutere nel merito

  18. LaniceNo Gravatar scrive:

    http://www.radioradicale.it/scheda/390514/grigliata-ogm-a-vivaro-dure-critiche-a-ministro-e-parlamento-fidenato-chiederemo-annullamento-decreto-inte

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Agricoltura italiana, OGM & Mais

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…