Marco Pasti spiega i veri numeri del mais

02 Mar 2016
Post2PDF Versione PDF

Gli aspetti ecologici di una buona coltivazione del mais (Ogm) spiegati da un professionista

leggi L’informatore Agrario

3 commenti al post: “Marco Pasti spiega i veri numeri del mais”

  1. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    Il ministro ancora una volta fa sfoggio di insipienza, questa volta genetica

    Certo gli OGM degli anni 90 erano un po’ preistorici, ma lo erano solo per la precisione e non per altro in quanto la tecnica che si usava allora la si usa precisa identica anche adesso nel Gene editing. Tuttavia tra tutti gli inserimenti in indirizzi non consoni si selezionava e si sceglieva solo quelli che il transgene lo avevano ricevuto nella giusta posizione.

    Nel terzo contributo che ho prodotto per Salmone sul metodo CRISPR CAS9, ma non so più dove è stata linkato da Salmone, era spiegato bene. Lo riassumo qui per comodità dei lettori.

    Oggi la precisione che si raggiunge nell’inserimento è a livello di base purinica (piolo della scala) e chi lo fa è l’enzima nucleasi CAS9 MI ritrovo dunque con due parti divise della molecola di DNA in cui inserirò il costrutto genico che ho creato all’esterno e questo lo inserisco nella cellula con la tecnica biolostica, cioè lo sparo (proprio in senso letterale) dentro la cellula, è esattamente la stessa tecnica usata anche negli anni 90. Solo che in questo costrutto ho immesso un omologo di sequenza che guida ciò che ho sparato dentro nel punto esatto dove avevo operato il taglio.

    Non solo, ma avendo bisogno di più copie del costrutto (per poter poi sparare più “pallottole”) uso un plasmidio di un batterio per moltiplicarli. ma non tutti i batteri si modificano e non tutte le piante riceveranno il costrutto nuovo, allora per selezionare sia i batteri e le piante da portare avanti immetto pure due geni di resistenza ad un antibiotico ed ad un diserbante. Esattamente come facevo negli anni 90, anzi peggio perchè aggiungo anche il marcatore diserbante.

    Come faccio ad eliminare i due geni marcatori (disrbante e antibiorico)? Semplice, incrocio con piante che non hanno i geni di resistenza e seleziono solo le piante che hanno ricevuto il gene modificato e senza tutto il resto.

    Ecco questo è l’OGM di nuova generazione decantato dal ministro.

    Sig. Ministro mi sa dire che differenza c’è? Solo lei l’ha inventata. E per favore parli solo quando conosce la materia oppure taccia che fa più bella figura.

    P.S. NOn chiedetemi di scendere in maggiori particolari perchè non li so, non sono un biotecnologo operante.

  2. roberto defezNo Gravatar scrive:

    Non e’ qui Alberto?

    http://www.salmone.org/crisprcas9-spiegati-da-guidorzi/

  3. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    No roberto

    E’ quello successivo e che hai postato come allegato e non come link autonomo

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Economia

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…