Mentre l’Europa annaspa, l’Asia corre sulla via del biotech

17 Mar 2008
Post2PDF Versione PDF

Col no agli OGM ed all’innovazione in agricoltura l’Europa ha scelto di dipendere dalle importazioni di cibo in maniera strutturale, esponendo la sua economia e la sua indipendenza alle produzioni di altri mercati.

L’India crea un ministero per le Biotecnologie

L’India sta per creare un ministero indipendente per le biotecnologie dal momento che considera che il XXI secolo sarà il secolo biotech e che le biotecnologie saranno capaci di sostenere la crescita indiana del 9% all’anno e l’aumento di produzioni alimentari del 4% annuo.

Biotechnology may get separate ministry - The Financial Express (India), Mar. 17, 2008. Per visionare l’articolo: (clicca qui)

Scienziati cinesi mettono a punto una strategia per evitare il flusso indesiderato di transgeni.

Il riso cinese biotech, probabilemnte con multiple modifiche genetiche, è prossimo ad essere coltivato commercialmente ed ora la prospettiva diventa ancora più concreta. Il riso è originario della Cina e quindi è possibile che piante transgeniche di riso si incrocino con piante fertili selvatiche. Quindi coltivare riso biotech in Cina è molto più rischioso che coltivarlo in altri continenti. Per scongiurare questi rischi e per rendere il riso una pianta capace anche di produrre farmaci ed enzimi industriali gli scienziati cinesi hanno pubblicato su PLOS one un metodo che rende il riso sensibile ad un erbicida a cui le piante selvatiche sono resistenti. Spargendo l’erbicida tutte le piante transgeniche e quelle selvatiche che si sono incrociate con le transgeniche verranno eliminate, riducendo ancora di più la diffusione involontaria di transgeni.

A built-in strategy for transgene containment Creation of selectively terminable transgenic rice - Zhejiang University (press release), Mar. 18, 2008. Per visionare l’articolo: (clicca qui)

L’Indonesia ha un riso GM resistente alla siccità

Anche l’Indonesia investe sul biotech ed ha ora varie piante di riso ingegnerizzate che danno risultati incoraggianti in esperimenti in pieno campo.

Indonesia develops a biotech drought tolerant rice - Indonesian Institute of Sciences, Research Center for Biotechnology (press release), Mar. 13, 2008. Per visionare l’articolo: (clicca qui)

Il Giappone apre ai mangimi con OGM

Il Giappone è da sempre uno degli stati che più ha avversato gli OGM addirittura evitandone il consumo in zootecnia. Ora i costi del mais OGM-free hanno spinto il Giappone a riconsiderare questa politica dai costi enormi ma che non innalza la qualità alimentare.

Soaring Corn Prices Test Japanese Distaste For GMO - Reuters via PlanetArk, Mar. 17, 2008. Per visionare l’articolo: (clicca qui)

 

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: OGM & Mondo

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…