Oltre la metà del mais italiano è vietato per il consumo umano

03 Mar 2015
Post2PDF Versione PDF

I dati non sono ancora definitivi, ma la tendenza è chiara. Ancora un anno nero per le fumonisine nel mais italiano del 2014 e questa volta con un pesantissimo scivolone anche sul fronte DON. Dunque ancora oltre la metà del mais italiano è vietato per il consumo umano.

Stare fermi serve solo a chiudere ancora aziende agricole.

Leggi Rete Qualità Mais:monitoraggio micotossine campagna 2014

3 commenti al post: “Oltre la metà del mais italiano è vietato per il consumo umano”

  1. MauroNo Gravatar scrive:

    Vi siete persi la parola “mais” nel titolo :)

  2. MaxNo Gravatar scrive:

    Secondo i dati FAOSTAT aggiornati al 2011, il quantitativo di mais destinato al consumo umano ammonta a circa 250 mila tonnellate, a fronte di una disponibilità complessiva (produzione - esportazioni + importazioni) di circa 11 milioni di tonnellate (circa il 2%)

  3. TC1507No Gravatar scrive:

    Sarebbe interessante conoscere anche i dati di altri paesi (p.e. Spagna), anche extraeuropei. Tra non molto ci avvieremo a diventare leader tra i produttori di mais per… biodigestori.

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Grano, OGM & Insicurezza alimentare

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…