L’Ambiente nomina il gruppo di lavoro OGM

15 Apr 2013
Post2PDF Versione PDF

Con una corsa tanto forsennata quanto sospetta per nominare una commissione sugli OGM, il Ministero dell’Ambiente cerca un colpo di coda sul tema OGM finora ignorato. La convocazione d’urgenza è per questa settimana.
Difficile che di questi tempi ne esca un giudizio meditato.
Dal Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio del mare - Gruppo di lavoro tecnico - scientifico in materia di Organismi Geneticamente Modificati (OGM)

2 commenti al post: “L’Ambiente nomina il gruppo di lavoro OGM”

  1. FrancescoPDNo Gravatar scrive:

    Dopo la sentenza della Corte di Giustizia europea del settembre scorso, a governi deligittimati come il nostro non resta altro che la via dell’intimidazione giusto durante la campagna semine.
    Purtroppo per loro, per fortuna per noi gli agricoltori sono sicuro che non si piegheranno a simili bassezze e spero proprio che quest’anno a tempo debito conosceremo un certo numero di ettari seminati ad OGM.
    La commissione raffazzonata in questi giorni mi fa correre la memoria alle sedute spiritiche promosse da Manzato e Zaia dell’anno scorso in veneto.
    Non avendo conoscenze scientifiche la loro forza è arrivare quando il tempo è tiranno e per la lista di nomi per il comitato, mi auguro che siano rappresentativi di chi è a favore come di chi è contro, anche se nutro fortissimi dubbi in merito. Ed è proprio per questo che per me non ha nessun valore e mi sento di dire che oggi il Ministero, come agricoltore NON MI RAPPRESENTA proprio per l’imtempestività e la faziosità che stanno dimostrando.
    Delegittimazione totale!

  2. franco NulliNo Gravatar scrive:

    27 persone, sulla cui professionalità non ho alcun dubbio, al lavoro 2 volte all’anno per dirimere una questione scientifica di stretta attualità, che richiederebbe tempi d’intervento dell’ordine di mesi (e non quelli ministeriali, non due riunioni all’anno).
    Notizia positiva é che siano almeno a costo zero (ma mi piacerebbe verificare ex post che sia così).
    3 “Scienziati” scelti nella comunità internazionale (rigorosamente non di nazionalità italiana) sarebbero una scelta più ragionevole. Anche pagati a caro prezzo.
    Stiamo parlando di una questione scientifica e non politica.
    Mi pare tanto una delle innumerevoli commissioni d’inchiesta di cui il nostro Parlamento si é gloriato negli anni passati anche recenti. Cave!
    Sono cambiati i tempi, brava gente al Governo.
    Cercate di non essere fuori tempo massimo nelle vostre decisioni (non decisioni).
    Fra poco tempo non avremo più risorse nemmeno per le vostre prebende.
    Anche quelle derivanti da uno dei mondi produttivi non ancora alla catastrofe completa; quello agricolo.
    E allora saranno cavoli amari.

    Franco

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Ambiente, OGM & Politica

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…