Il Ministro Catania sugli OGM

02 Gen 2012
Post2PDF Versione PDF

Dopo tanta ideologia e demagogia asservita alle lobby che dall’anti-OGM traggono consistenti vantaggi, il neo-Ministro sposta la questione su un terreno, quello economico, sul quale gradiremmo confrontarci con numeri, scenari, prospettive ed annunciati disastri come quello che prevede un crollo del mais per uso zootecnico visti i consistenti vantaggi a conferirlo per uso di biogas. Leggi (premiare l’impresa che compete rispetto ai patrimoni)

8 commenti al post: “Il Ministro Catania sugli OGM”

  1. VitangeloNo Gravatar scrive:

    Penso che il duo De Castro-Catania potrebbe far bene all’agricoltura italiana e non solo in materia di OGM e ricerca in generale. Ovviamente bisogna smantellare molte incrostazioni che negli ultimi venti anni sono state depositate su taluni argomenti creando molta disinformazione. A proposito degli OGM, l’unica via che intravedo essere praticabile sarebbe quella di finanziare chi oggi parla male degli OGM affinchè ne parlino bene! Qualche predisposizione già si nota in giro; con una spallata prezzolata si potrebbe realizzare il miracolo passando attraverso una “sana” autocritica che li farebbe passare anche per salvatori dell’umanità (ruolo che a loro piace tanto) avendo scongiurato i disastri che avrebbero commesso gli incoscenti favorevoli agli OGM della prima ora! Io sono sicuro che finirà così. Insomma, seguendo la lezione dei preti, si secolarizzeranno a loro vantaggio!!

  2. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    Mi pare che il Ministro Catania abbia addotto, a proposito di OGM,
    solo dei motivi di corollario. Mi spiego:

    Al miglioramento vegetale del molto prossimo futuro è richiesto uno sforzo immane e insostenibile a livello di costi per la filiera sementiera europea (parlo di quella veramente europea, non di quella importata). Certi aspetti qualitativi e quantitativi dei prodotti agricoli, tenuto conto del venire a mancare dell’aiuto della chimica, obbligheranno ad un ricambio varietale troppo drastico per essere sostenuto dai metodi di miglioramento fino ad ora attuati sia in fatto di tempi che di costi.

    A mio avviso gli studi di genomica, metebolomica e proteomica e le relative scoperte, ci faranno toccare con mano che le possibilità di miglioramento saranno immense, ma a disposizione e per molto tempo ancora, se si continua ad ascoltare delle cassandre che si vogliono occupare di agricoltura e di alimentazione senza capirne un’acca, avremo a disposizione strumenti inadeguati alle esigenze ed ai compiti.

    Nessuno strumento nuovo può essere negletto e tra queste in primis le biotecnologie cisgenetiche che devono essere accettate come un metodo alla pari della mutagenesi, dell’ibridazione somatica, dei back cross ecc. Non si può trattare un gene endogeno alla specie alla stessa stregua di un gene esogeno sia da un punto di vista dei controlli che dei dossier di omologazione da presentare, pena l’esclusione da questa branca della ricerca della quasi totalità delle ditte sementiere che non siano multinazionali.

    Nel 2011 ho partecipato ad un convegno sul frumento in Francia e la conclusione, dopo aver preso in considerazione quanto sarà richiesto alla granicoltura fra 20 anni, non potrà mai essere raggiunto se non si ha un approccio diverso verso le biotecnologie e sulla protezione dei ritrovati sementieri.

    Chi è del mestiere deve dire all’opinione pubblica a cosa stiamo andando incontro. L’università non può assecondare le correnti di moda per farsi invitare a scrivere articoli ed ad avere audience sul mas-media, deve essere tanto onesta da dire le cose come stanno, a meno che non abbia paura che gliele facciano fare e che si sveli che sono impreparati.

  3. marco pastiNo Gravatar scrive:

    La sintesi “gli ogm non fanno male,forse non danneggiano l’ambiente. Ma non fanno bene alle tasche dell’agroalimentare italiano”, che è quella che resta in testa al lettore, contiene elementi di sfiducia per l’EFSA che autorizza gli ogm senza sapere se danneggiano l’ambiente e dall’altra avvalora le tesi cara alla coldiretti che gli ogm non siano convenienti a priori. Ci si richiama quindi ad un approccio scientifico ma alla fine si alimenta ancora una volta un immagine negativa degli ogm che non aiuta a superare quel giudizio generica negativo presente nell’opinione pubblica che se non superato non permetterà l’utilizzo di quelle poche piante GM, oggi esistenti, molto utili al nostro sistema agroalimentare. Ed il danno economico, almeno per la filiera cerealicolo-zootecnica,a mio giudizio è davvero ingente.

  4. OGM, b b!No Gravatar scrive:

    “gli ogm non fanno male,forse non danneggiano l’ambiente. Ma non fanno bene alle tasche dell’agroalimentare italiano”. A mio parere una sintesi perfetta, che giustifica un atteggiamento prudenziale nei riguardi di questi nuovi alimenti.
    - sul “non fanno male” fidiamoci dell’EFSA;
    - sul “forse non danneggiano l’ambiente”, direi che è un “forse” molto tirato, in quanto negli USA gli effetti ambientali di questi “nuovi organismi” cominciano a farsi sentire;
    - sul “non fanno bene alle tasche dell’agroalimentare italiano” direi che non c’è affermazione più vera! Sinceramente credo che noi non potremo mai competere sul mercato mondiale con gli stessi prodotti della globalizzazione. Noi potremo essere competitivi solo offrendo prodotti di qualità e che cosa sia la qualità lo decide il consumatore……..oggigiorno il consumatore dice che gli OGM non sono riconducibili ad un prodotto di qualità.

  5. OGM, b b!No Gravatar scrive:

    Lettura consigliata:

    http://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=10&sqi=2&ved=0CHQQFjAJ&url=http%3A%2F%2Fulisse.sissa.it%2Fbiblioteca%2Fsaggio%2F2006%2FUbib061222s001%2Fat_download%2Ffile%2FUbib061222s001.pdf&ei=lnQqUJ6xPO3P4QTyzIDYAg&usg=AFQjCNEZCjKBVKSQhnVxTuqx5crwRVm-_g&sig2=tR_VjDY91OZWdeWRMY-Lpw

  6. OGM, b b!No Gravatar scrive:

    http://www.neversleep.it/index.php/a/disinformazione-e-bugie/il-mais-ogm-uccide-veleno-cancro

  7. OGM, basta bugie!No Gravatar scrive:

    Caro Defez,

    peccato che la discussione anche nel Tuo blog sia taroccata. Dopo aver sopportato le solite offese, peraltro infondate, ho inviato 2 post di risposta a simonetti che, ovviamente, non compaiono. Mi dispiace veramente.

  8. OGM, basta bugie!No Gravatar scrive:

    Ecco ciò che mi è stato cancellato da simonetti in risposta al dott. Nulli

    Gent. Nulli,
    è da tempo che ci conosciamo via web, non credo proprio che Lei pensi veramente che io non conosca gli OGM al punto tale da non sapere che “non è vero che sono sterili” (conosco bene la storia della soia RR in Argentina o in Brasile). Per i suicidi lasciamo stare. Imputare tutta la colpa dei suicidi agli OGM mi sembra proprio una follia. La mia è stata una provocazione per vedere fin dove arrivavano le offese (che sono arrivate puntualmente). Vede Nulli il vero problema degli OGM è proprio questo…….chi è scettico e pretende di vederci chiaro prima di intraprendere una strada senza ritorno non può essere tacciato subito come incompetente (uno che parla a vanvera, che non ha un’idea nemmeno vaga di cosa significhino capitale, manodopera, produzione e un mucchio di altre cose, uno che svanvera, uno che si accorcia un pochino le orecchie, attivista in malafede, ecc.).
    Non capisco questo atteggiamento….perchè offendere e pretendere poi un dialogo? Su questo blog il dott. Defez è stato costretto a togliere alcuni post diffamatori e a chiedere scusa. Basta! Certi personaggi non fanno altro che far male alla ricerca scientifica e anche agli OGM.

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Economia

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…