Tre lutti

28 Feb 2011
Post2PDF Versione PDF

Nel giro di una settimana sono venuti a mancare Natale di Fonzo che aveva sempre lavorato su frumento ed aveva in corso una delle prove in campo con OGM fermate dal decreto Alemanno del 2002. E’ poi scomparso Carlo Cannella, ex-presidente dell’INRAN e collaboratore di Superquark che non aveva mai mancato di sostenere gli OGM anche dentro in MIPAF. Infine ieri e’ mancato GianTommaso Scarascia Mugnozza, presidente dell’Accademia delle Scienze, molto spesso tra i primi firmatari di appelli pro-OGM, al vertice dei due consensus document e padre del grano Creso.

Difficile aggiungere altro se non continuare a sostenere le tesi che queste figure di grandi scienziati hanno sempre portato avanti.

3 commenti al post: “Tre lutti”

  1. bacillusNo Gravatar scrive:

    Sento di esprimere il mio cordoglio, a prescindere dalla comune causa sostenuta, sia chiaro. Chi non ricorda, ad esempio, la professionalità e la simpatia di Carlo Cannella?
    Grazie per la segnalazione.

  2. Vitangelo MagnificoNo Gravatar scrive:

    E’ stata una settimana terribile anche per me. Conoscevo bene tutti e tre. Di Fonzo era un collega del sistema degli IRSA del MIPAAF che ha diretto per anni la Sezione di Foggia dell’Istituto di Cerealicoltura mentre io dirigevo quello dell’Orticoltura di Salerno. Poi Natale fu Direttore di uno Dipartimenti del CRA. Andammo in pensione un anno fa quasi contemporaneamente.
    Carlo Cannella lo conobbi a Salerno quando veniva a dare una mano al Comitato Tecnico Scientifico per la valorizzazioen della Nocciola di Giffoni, quando ottenne l’IGP. Io presiedevo il Comitato che assegnava anche la Nocciola D’Oro. Diventammo subito amici e continuammo a vederci anche sul fronte orticolo. Memorabili i giorni passati insieme a Pachino! POi lo avuto come entusiasta collaboratore per la monografia sul pomodoro di Bayer CropScience per la collana Coltura & Cultura, che aveva contribuito a creare. Chi diemnticherà mai il suo sorriso, la sua voce e l’allegria che trasmetteva a tutti. A margine: mi chiedeva sempre il materiale sugli OGM e le biotecnologie per aggiornarsi su un campo che ritenenva importante. Riuscii anche a convincerlo che la destagionalizzazione degli ortaggi era un vantaggio economico e salutistico per le vitamine, gli antipssidanti ecc da prodotti sempre freschi. Una prova sul pomodoro di Pachino fatto dall’INRAN, prima ancora di diventarne Presidente, lo convinse.
    Del Prof, Scarascia mi basta dire che sono stato fra i primi tre studenti al corso complementare di Miglioramentop genentico da studente della Facoltà di Agraria di Bari, quando lui era ancora alla Casaccia e già famoso per aver costituito i grani duri a taglia bassa. Poi venne in Cattedra all’agronomia di Bari e istituì l’Istituo di miglioramento geenentico. Allora mi chiese di fotografare i culmi delle prime due cultivar di grano duro a taglia bassa. Il quadretto lo ha sempre tenuto nelle sue stanze. Come Rettore della nuova Università di Viterbo mi chiamò a tenenre un corso esplorativo sememstrale di ortofloricoltura per saggiare l’interesse degli studenti verso queste materie. Ovviamente, come direttore dell’ISPORT ho tenuto fede al suo insegnamento e alla sua convinzione che il germoplasma italiano era lì pronto per essere migliorato; cosa che i bravissimi Ricercatori dell’Isport sapevano e sanno fare benisismo. Mi incoraggiò quando seppe che avevo problemi per aver difeso gli OGM ottenuti dall’Istituto. Il fatidico 14 febbraio 2001 era fra noi e volle farsi fotografare con me ricordando a qualcuno che ero stato un suo studente, uno dei primissimi. Cosa darei per quella foto!

  3. fernando dichioNo Gravatar scrive:

    Vorrei associarmi al dolore per la scomparsa del dott. Di Fonzo,che ho conosciuto ed apprezzato quando dirigeva l’Istituto Sperimentale di Cerealicoltura di Foggia ora CRA. La sua opera ha contribuito notevolmente allo sviluppo della ceralicoltura in Capitanata e ha fatto in modo che lo stesso Istituto rapresentasse per molti un punto di riferimento importante per la ceralicoltura italiana.

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Agricoltura italiana

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…