Nature spiega come l’Europa stia rischiando grosso sugli OGM

12 Dic 2007
Post2PDF Versione PDF

In un editoriale la prestigiosa rivista Nature (vedi l’editoriale), chiarisce alcuni complicatissimi aspetti della partita sugli OGM che si stanno giocando in Europa.

I nostri governanti sono chiamati non solo a prendere una seria decisione sul tema vestendosi dei panni degli statisti e dismettendo quelli da campagna elettorale, ma anche a spiegare chi, come e quanto verranno pagate le ritorsioni commerciali a cui stiamo andando incontro. Ci devono chiedere se siamo disposti a pagare centinaia di euro l’anno per vedere diminuire la sicurezza alimentare degli alimenti (come dimostra la vicenda del mais Bt vs mais tradizionale nell’esperimento condotto dall’INRAN) e perche’ l’opzione OGM-free deve essere imposta in tutta Italia senza che ci possa essere un solo prodotto etichettato come contenente OGM in vendita.

Saremmo il primo Paese con una alimentazione di Stato, un bell’esempio di tolleranza e democrazia partecipata.

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: OGM & Europa

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…