Nature vede che c’è dell’umidità in un bicchiere completamente vuoto

12 Dic 2014
Post2PDF Versione PDF

Nature si schiera senza mezzi termini per gli Ogm, ma riconosce che molti europei non li vogliono:

http://www.nature.com/news/room-for-growth-1.16512?WT.ec_id=NATURE-20141211

Trova accettabile il compromesso che dovrebbe liberare energie nei Paesi che non chiudono a tutti gli Ogm.
Mancano in questa analisi alcuni aspetti: come si farà a condurre un esperimento Europeo con Ogm?
quale sarà la pressione dei gruppi ambientalisti sui pochissimi Paesi che ancora tollerano gli Ogm? Greenpeace investe 10 milioni di dollari l’anno nella campagna anti-Ogm, ora verranno concentrati in pochissimi Paesi tutti molto fragili.

Che succede delle derrate Ogm che continuiamo ad importare?
Che significa il silenzio di tutti coloro che esportano Ogm (in gran parte dal Sudamerica): il loro business e’ garantito?
Con gli aiuti all’agricoltura in caduta libera se ora ci ricattano con le forniture di gas e petrolio, tra poco ci ricatteranno anche per pane e riso?

14 commenti al post: “Nature vede che c’è dell’umidità in un bicchiere completamente vuoto”

  1. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    Ma, io leggo che Greenpeace è scontenta del compromesso ed a mio avviso ne ha ben donde, perché le vere conseguenze di questa decisione pilatesca le dobbiamo ancora vedere, non solo, ma se la divulgazione scientifica non è riuscita a far breccia nel convincere l’opinione pubblica io credo che questa decisione serva a dare un buon colpo alle paure dei consumatori in quanto fino ad ora di OGM non sanno di averne mangiati, ma dopo non potranno più chiudere gli occhi, quando molti dei tratti genetici modificati che sono entrati a far parte del patrimonio genetico di mais e soia saranno ammessi all’importazione, alla nutrizione animale e alla trasformazione agroalimentare.

  2. PieroNo Gravatar scrive:

    forse per Greenpeace è cominciata la parabola discendente
    http://www.riforma.it/it/articolo/2014/12/12/allocchi-e-colibri

  3. MauroNo Gravatar scrive:

    In un mondo civile Greenpeace sarebbe considerata associazione terroristica, non ambientalista.

  4. franco mistrettaNo Gravatar scrive:

    La Cina sta investendo molto nella ricerca su OGM. Vediamo come va a finire.

  5. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    Franco

    Innanzitutto auguri e poi ti dico come andrà a finire. I miei nipoti diranno: “ma possibile che chi ci ha preceduto fossero così fessi?”

  6. LaniceNo Gravatar scrive:

    Segnalo questo blog, per quanto concerne l’Europa: http://scienceintheclouds.blogspot.it/2014/12/seeds-of-change.html
    Se la prendono più con i francesi.

    Greenpeace anche secondo me è sul viale del tramonto, sta facendo errori su errori, quella del golden rice è stata una mossa sbagliata che le ha fatto perdere un sacco di consensi.

  7. OGM, bb!No Gravatar scrive:

    per i fessi ti riferisci a quelli che…………

    - hanno provocato “mucca pazza”?

    - oppure a quelli che hanno provocato 3.000 morti da amianto e non sono finiti?

    - oppure a quelli che hanno provocato la “Terra dei fuochi”?

    - oppure a quelli che fanno i soldi avvelenando l’aria dei nostri figli e dei nostri nipoti?

    - oppure a quelli che hanno sparso diossina in ogni dove?

  8. Franco NulliNo Gravatar scrive:

    Talvolta cadi proprio nel banale…
    Peccato!

  9. marco pastiNo Gravatar scrive:

    Purtroppo temo che quest’accordo non sia l’inizio di nuove autorizzazioni alla coltivazione ma solo al consumo: quale impresa sarebbe disposta a sobbarcarsi l’onere di un procedura d’autorizzazione per poi non aver la certezza di poter commercializzare il prodotto autorizzato? Ormai dobbiamo rassegnarci a non poter coltivare ciò che possiamo mangiare…quante generazioni passeranno prima che ci si accorga di questa assurdità?

  10. Franco NulliNo Gravatar scrive:

    Rassegniamoci Marco e rimbocchiamoci le maniche per ovviare con il nostro buonsenso e competenza all’ottusità dei nostri governanti.
    Forse la prossima generazione, i nostri figli, avrà maggior fortuna.
    Noi diamoci comunque da fare per poter loro permettere di ottenere questo risultato!
    Inventiamoci tutte le pratiche agronomiche, anche costose, alternative per sopravvivere…
    Ad una condizione però, a costo di soccombere…

    Non assoggettiamoci alla follia del” Km zero” e simili amenità per ottenere delle effimere temporanee soddisfazioni, frutto spesso di frodi e comunque di mendace comunicazione mediatica a danno del consumatore finale.
    Questo lo dobbiamo combattere con tutta la nostra forza.
    Non posso sentir parlare ad esempio di riso “BIO” a 6 Ton/Ha se non vedo una mondina in campo a luglio. E’ una questione di principio!
    Non si può far impresa, seppur piccola (piccola ?) e agricola, combattendo con “truffatori” autorizzati dal sistema

  11. TC1507No Gravatar scrive:

    Non per essere pessimistica, ma a me sembra che anni di disinformazione mediatica sistematica abbiano creato nell’opinione pubblica dei consumatori (non molti per fortuna) che sembra adorino essere frodati. Vedono pericoli dove non ci sono, e quindi sono facile conquista del bio (vero e falso) del Km zero ecc. Il tutto è lecito,sia chiaro. Anche questa è libertà di pensiero.
    Sono questi i consumatori che vengono sfoderati nei sondaggi dalle categorie anti Ogm.

  12. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    TC1507

    Ma hai visto la faccia tosta di Masini della Coldiretti quando ha commentato gli agnelli che venivano dall’Est e mostrati in televisione? Solo la roba italiana è buona per lui e quindi dovremo limitarci a quella, ma non ha detto che se lo facessimo qualcuno resta con il piatto vuoto, senza ammettere che di mariuoli ne esistono anche in Italia (e tantissimi) checché ne dica Napolitano.

    La più bella è stata quella faccia tosta dell’animalista (che probabilmente ha castrato il suo cane o gatto) che ha detto che gli agnelli viaggiano assieme ai loro escrementi, come se si potesse dire ad un agnello di non farla durante tutto il viaggio. Una animalista si è scandalizzata ed allora l’ho portata in una Stalla e le ho mostrato che era la norma per un certo tempo della giornata. Discutono di cose che non conoscono, solo che dicendolo tendenziosamente in televisione spargono la notizia a tanti altri incompetenti.

  13. franco mistrettaNo Gravatar scrive:

    Grazie ad Alberto per gli auguri che estendo a tutti: mi spiace per noi, l’Europa è una piccola, sia pure importante, frazione del pianeta, speriamo che sarà presto trascinata dalla globalizzazione!

  14. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    Quando anche la nostra giustizia oserà prendere almeno queste minime decisioni?
    http://www.rtbf.be/info/societe/detail_ogm-les-peines-des-membres-du-field-liberation-movement-reduites?id=8634043

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Europa

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…