Niente sperimentazioni di campo e crollo delle commodity

03 Lug 2009
Post2PDF Versione PDF

L’audizione alle commissioni senatoriali di Confagricoltura esce dal vago e pone con chiarezza i problemi che ci stanno davanti. L’Italia era autosufficiente per il mais nel 2001, ci mancavano gia’ il 13% del fabbisogno nel 2006, ma le stime del 2009 sono da Caporetto. Con le semine in calo del 9% e la Diabrotica che fa strage la dipendenza italiana da importazioni di mais estero potrebbe superare il 25%.
Se si unisce questo al dato di grano duro e tenero si vede come l’Italia abbia alazato bandiera bianca sulle commodity e l’agricoltura industriale per dedicarsi ai prodotti di nicchia a prezzi irraggiungibili.

Scarica qui l’articolo di Italia Oggi

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Agricoltura italiana

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…