Ancora sugli OGM (forse) trovati nel Lazio

05 Ott 2011
Post2PDF Versione PDF

Dopo il clamore più nulla, in fondo lo scopo era quello di fare più rumore possibile anche se chi ne paga le conseguenze sono le aziende lasciate in mezzo al guado.

Ora Assosementi pubblica un comunicato sugli OGM nel Lazio. Speriamo che seguano a stretto giro dalle autorità competenti dati, numeri, fatti scevri da ogni ideologia in quanto solo su quelli si potrà commentare. Certo non è bello vedere tante aziende poste sotto accusa senza che si conosca bene di cosa siano imputate.

2 commenti al post: “Ancora sugli OGM (forse) trovati nel Lazio”

  1. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    Non c’è nulla da meravigliarsi che capiti questo.

    In Europa obblighiamo le ditte costitutrici di sementi mais e di soia tutte Nord Americane a fornirci del seme che se non è diventato di nicchia poco ci manca.

    Decretare l’autarchia produttiva senza possedere una parvenza di industria sementiera autonoma diventa follia sperare di non incorrere in qualche inquinamento (legale, ma non reale ben s’intende).

    Posso essere maligno? Non avete mai pensato che inquinamenti dolosi con semi OGM di campi di mais o di soia da parte di malintenzionati ( o benintenzionati se servono ad uno scopo preciso…) possono essere funzionali a disegni criminosi o addirittura utili a tener vivo un problema presso l’opinione pubblica, vista la disponibilità totale che i mass-media offrono a notizie del genere e l’impatto che hanno su un’opinione pubblica totalmente disinformata e per giunta atterrita da falsa informazione scientifica? Procurarsi semi OGM non è difficile.

  2. franco nulliNo Gravatar scrive:

    Concordo Alberto!

    Qualche tempo fa, non ricordo se su Salmone o altrove, avevo provocatoriamente proposto di seminare con il notaio appresso per certificare che quello che semino esce dai sacchi sigillatie certificati OGM FREE che ho acquistato…
    In effetti nessuno vieta che un “malintenzionato” in malafede sostituisca nottetempo i semi da me piantati su una fila con semi OGM comprati in Spagna andando poi a raccogliere in autunno proprio quelli per una denuncia alla competente ASL…
    A pensar male si fa peccato?

    Franco

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Mais

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…