OGM nei Paesi in via di sviluppo

05 Set 2007
Post2PDF Versione PDF

Benchè fino ad oggi le piante geneticamente modificate non siano adatte ad essere coltivate nei Paesi a più alto rischio di carestie alimentary, non vuol dire che l’opzione OGM sarebbe assai vantaggiosa per saltare a piè pari l’agricoltura basata su alti input della chimica ed ingegnerizzare le varietà locali (cassava, sorgo, vigna, etc.) al fine di incrementare la sicurezza alimentare locale.

Scarica (quì) il doumento.

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: OGM & Insicurezza alimentare

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…