Prima sentenza italiana per Fidenato

23 Mar 2012
Post2PDF Versione PDF

Non è semplice capirci qualcosa usando solo i commenti giornalistici ad una sentenza che minaccia di rappresentare uno scontro frontale con le normative europee attorno al caso Fidenato. Appare incomprensibile come prodotti validati per la loro sicurezza ambientale e sanitari poi dovendo essere solo autorizzati per la parte economica e di coesistenza tornino a sollevare problemi ambientali già superati. Di certo la storia non finisce qui e questo dispositivo della sentenza potrebbe essere la prima pietra per scardinare l’intrigo auto-paralizzante messo in piedi per non permettere quello che non si può vietare.

Leggi Mais OGM, è legittimo il sequestro preventivo

4 commenti al post: “Prima sentenza italiana per Fidenato”

  1. franco nulliNo Gravatar scrive:

    Dopo la seconda pagina mi sono perso…
    Non é il mio mestiere interpretare il senso di una sentenza!
    Possiamo umilmente chiedere a Luca Simonetti di farci in sunto un’interpretazione comprensibile anche ai profani?

    Franco

  2. Luca SimonettiNo Gravatar scrive:

    Volentieri Franco, ma prima devo rimediare la sentenza.

  3. roberto defezNo Gravatar scrive:

    Ho già chiesto a Fidenato di avere la sentenza ed appena l’avrà ce la manda. La parte più interessante sarà quella in cui dovranno conciliare la legge italiana con quella comunitaria perchè è del tutto evidente che la storia finirà a Lussemburgo. Caro Luca penso che ci sarà parecchio pane per i tuoi denti.

  4. franco nulliNo Gravatar scrive:

    Aspetto con ansia…
    MI raccomando Luca! Parole semplici e che siano comprensibili anche dai non addetti ai lavori come noi…

    Grazie Franco

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Aspetti legali

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…