Pubblicata la risposta del MIPAF alla demolizione del campo sperimentale di Ruggini

08 Ott 2012
Post2PDF Versione PDF

Sul sito della SIGA appare oggi la risposta alla lettera del presidente Blanco che chiedeva spiegazioni per la distruzione del campo sperimentale della Tuscia.

Senza vergogna si risponde che Ruggini non si è adeguata o alla legge del Lazio tenuto dal 2005 ad identificare dei siti sperimentali per la coltivazione di OGM per la ricerca. Ad oggi tali siti non sono stati identificati e quindi non si capisce a cosa si poteva adeguare Ruggini.
Paradossale che a rispondere sia il dipartimento delle politiche europee e della competitività.

Ma il Ministero delle politiche agricole non era stato abolito più volte per referendum?

Dal sito della SIGA:

Data: 08/10/2012
Lettera di risposta del Dipartimento delle Politiche Europee e Internazionali e dello Sviluppo Rurale del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali alla lettera della SIGA dell’11/06/2012.
Di seguito è pubblicata la lettera di risposta del Dipartimento delle Politiche Europee ed Internazionali e dello Sviluppo Rurale del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali alla lettera della SIGA dell’11 Giugno u.s. con la quale si chiedeva una regolamentazione per le attività di ricerca in campo a seguito della dismissione di campi sperimentali di piante transgeniche presso l’Università della Tuscia. Nel file, di seguito scaricabile, alla lettera di risposta del Ministero segue la lettera della SIGA di cui sopra.

Leggi  Dipartimento delle Politiche Europee e Internazionali e dello Sviluppo Rurale - e della SIGA

7 commenti al post: “Pubblicata la risposta del MIPAF alla demolizione del campo sperimentale di Ruggini”

  1. marco pastiNo Gravatar scrive:

    La chiusura della lettera del MIPAF è quantomeno Kafkiana: chi avrebbe mai detto che Pegoraro Scanio, Alemanno, De Castro, Zaia, Romano e lo stesso Catania riguardo agli OGM credano veramente che : “la ricerca e la sperimentazione fattori essenziali e prioritari per la crescita e lo sviluppo del nostro Paese”. Se lo credono veramente deve essere una fede così segreta da essere negata in pubblico.

  2. franco nulliNo Gravatar scrive:

    Caro Marco…

    La malafede impera fra le righe!
    Personalmente mi vergognerei a scrivere una lettera di risposta come quella.
    E ancor più mi vergognerei di aver costretto l’Università della Tuscia alla distruzione di anni di lavoro e ricerca.

    Franco

  3. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    “non ha reso possibile un’idonea
    valutazione dell’entità del rischio legato alla presenza delle piante GM suddette nell’ambiente da
    parte della CIV.”

    Questa è la motivazione del rifiuto, ma è anche la prova lampante che al Ministero credono nella favola di Esopo del lupo e dell’agnello, specialmente quando il lupo, che si trova a monte del corso del ruscello, incolpa l’agnello di sporcargli l’acqua….

    Infatti quando uno ti dice:

    Ciliegio: il nesto non è OGM e il portainnesto è reso triploide in modo che produca eventuale polline sterile.

    Olivo: esso non è in età di produrre polline e per questo aspetto è mantenuto sotto stretto controllo.

    Kiwi: è notorio che i fiori del kiwi sono monosessuati e quindi se si procede alla eliminazione prima della schiusura del fiore maschile ogni diffusione pollinica è impedita.

    e se al ministero vi fosse qualche agronomo che non abbia trovato la laurea nei fustini di Dash e solo dei laureati in legge azzeccagarbugli, avrebbe fatto presente a chi ha steso la lettera che maggiori assicurazioni di queste non potevano essere date, inoltre esse permettevano di fare una perfetta ed esauriente valutazione del rischio tanto da evincerne che la diffusione pollinica era perfettamente sotto controllo degli sperimentatori.

  4. Vitangelo MagnificoNo Gravatar scrive:

    …e se non ci fossero Docenti di Biotecnologie che corrono al richiamo di un ministro…..per dire, magari, il contrario di quanto insegnano all’università ……e portare a casa finanziamenti insulsi per una ricerca (metti, sul biologico)essenziale e prioritaria per la crescita e lo sviluppo dell’intero Paese, mica solo della nostra agricoltura!

  5. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    Vitangelo

    Che differenza trovi tra Fiorito e quel docente? io nessuno a livello morale.

  6. franco nulliNo Gravatar scrive:

    …ma Fiorito avrà rilasciato polline altamente inquinante?
    Ai posteri l’ardua sentenza :-)

    Franco

  7. roberto defezNo Gravatar scrive:

    Scusa Eddo, Rugini si scrive con una sola g

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Europa, OGM & Ricerca

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…