La corsa del mais non si ferma

05 Apr 2011
Post2PDF Versione PDF

Solo che per beneficiare appieno del balzo di prezzi si doveva poter produrre di più altrimenti il costo aumentato dei fertilizzanti (legati al costo del greggio) si mangiano tutto il vantaggio commerciale. (Leggi quotazione del mais)

1 commento al post: “La corsa del mais non si ferma”

  1. Alberto GuidorziNo Gravatar scrive:

    @ Sicvuramente nessun agricoltore approfitterà di questi prezzi in quanto la loro produzione di mais è già venduta alla raccolta, ciò serve solo per invogliare a seminare mais, mandando a catafascio altre filiere (chiedete come sono messi gli zuccherifici con la contrattazione delle semine delle bietole, se non lo sapete ve lo dico io: da panico).

    L’agricoltore titolare d’impresa aqricola deve prima di tutto saper coltivare e rispettare le regole agronomiche di base, in secondo luogo deve migliorare di anno in anno la sua produttività unitaria, senza che i costi annullino il suo savoir faire acquisito. Solo dopo guarderà al mercato.

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Agricoltura italiana, OGM & Mais

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…