Vedi Napoli e poi…

30 Giu 2011
Post2PDF Versione PDF

Per una volta un post che non parla di OGM, ma di come si fanno le valutazioni ambientali e sanitarie per davvero. Analizzando i dati prodotti dalla Marina Militare Statunitense sullo stato di salute delle provincie di Napoli e Caserta, sembra davvero imbarazzante che siamo proprio noi a cercare di dar loro delle lezioni sulla sicurezza alimentare degli OGM.

Le piantine, i documenti le analisi ed infine i traslochi forzati a cui gli USA hanno costretto i residenti che lavorano presso le tre basi NATO di Napoli sono una vera lezione di:
1. come si tutela la popolazione,
2. come si conducono analisi serie ed accurate
3. come ci si assume l’onere di prendere provvedimenti per gestire le emergenze

Buona letture a chi e’ di stomaco solido e vuole andare ben oltre il problema della spazzatura.

Sintesi dei risultati dello studio della fase I e fase II - Studio Fase I - Studio Fase II

1 commento al post: “Vedi Napoli e poi…”

  1. franco nulliNo Gravatar scrive:

    Confesso!

    Non ho letto tutto l’articolo perché ho sonno.
    Mi é bastato però leggere che si consiglia di abitare ai piani alti per capire che c’é qualcosa che non funziona…
    Ho letto di nitrati, di arsenico e di altre cose. Non ho approfondito e non sono sicuro di aver voglia di farlo.
    …e noi stiamo a discutere del potenziale rischio di una pianta di mais BT piantata dal Silvano Dalla Libera?

    Diciamo ai nostri politici ( a livello comunale, provinciale, regionale e nazionale) a chiare lettere MAIUSCOLE che la cosa importante da fare é mettere gli agricoltori italiani nella condizione di poter competere con il “mondo”, con la globalizzazione, nel loro faticoso lavoro.
    Che facciano il loro lavoro i politici invece di prenderci per i fondelli…
    Ricordiamo ai nostri politici che i funzionari di banca stanno seduti alla scrivania (con tutto il rispetto per il loro lavoro), ma che noi spesso non dormiamo di notte per curare un’economia che, unica se non erro, ha contribuito ad accrescere il PIL del nostro sinistrato Paese nell’ultimo periodo.
    Ciao Franco

Lascia un tuo commento

Per allegare una vostra immagine a fianco ai commenti registrarsi al sito Gravatar. Quando inserite la mail in fase di commento, bisogna usare la stessa mail che avete usato per registravi al Gravatar

Nella categoria: News, OGM & Salute

Le rubriche di Salmone

Luca Simonetti

Slow Food. Cattivo, sporco e sbagliato

Petrini aggiorna il suo manifesto, “Buono, pulito e giusto”. Qualche…